31 luglio 2012

LEGARSELA AL DITO

Posted in affari miei, web tagged , , , , , , , a 6:18 pm di marisamoles


Per iniziare, una curiosità: “legarsela al dito”, modo di dire che oggi sta a significare “non scordare un torto subito”, ha origini bibliche. Nel Vangelo di Matteo, infatti, si riferisce l’antica usanza di portare in mano una qualunque cosa per ricordarsi di qualcos’altro. La tradizione vuole che il detto sia passato attraverso i secoli, arrivando addirittura all’anello di fidanzamento che simboleggia una dolce promessa da non scordare. (FONTE)

Fatta questa premessa, veniamo al dunque, anzi no, devo fare un’altra premessa.

Generalmente io non sono una che se la lega al dito. Innanzitutto, cerco di capire le ragioni degli altri quando credo di aver subito un torto. Dico “credo”, perché l’apparenza delle cose spesso è molto diversa dalla realtà,. A volte c’è bisogno di interpretarle nel modo corretto, le cose. Troppo raramente questo sforzo non lo si fa, per cocciutaggine, forse, o anche solo per pigrizia. O semplicemente perché si è proprio convinti di aver capito, anche quando la nostra interpretazione dei fatti, o piuttosto il pregiudizio che ci porta a dare una determinata spiegazione ad un fatto, è del tutto errata.

La verità è che siamo ben pronti ad attaccare subito, spesso per difenderci o per difendere il nostro punto di vista, meno propensi ad aspettare il momento buono. Siamo istintivi e ben poco riflessivi. Dico “siamo”, e non è un plurale maiestatis, intendendo un difetto che accomuna non pochi di noi. Magari non è una pratica diffusa, forse accade poche volte, non la maggior parte, ma sono convinta che tutti noi agiamo così, poco o molto che sia.

Ora davvero vengo al dunque.
In questi anni da blogger (ormai ho vinto ogni resistenza a definirmi tale!) ho “incontrato” molte persone. Conoscenze o amicizie virtuali, s’intende. Alcuni di questi incontri sono durati pochi istanti (il tempo di un commento ad un post, botta e risposta), altri si sono consolidati nel tempo e sono diventati delle belle amicizie. È successo, a volte, di “rompere” con qualcuno ma mai senza dare spiegazioni o senza stare a sentire le ragioni dell’altro. Se queste ragioni non mi hanno convinta (sò de coccio, lo so), ho “rotto” definitivamente, senza attaccare, senza aggredire verbalmente, senza serbar rancore, senza imbestialirmi anche quando ne avrei avuto ben donde perché pubblicamente insultata (non sul mio blog, ovviamente, ma su quello della “controparte”). Questi sono rischi che si corrono e chi si mette in piazza, sul web che è appunto un luogo pubblico, lo sa bene.

Io, però, non me la lego al dito. Nel senso che se le persone che mi hanno offesa o hanno fatto una grave mancanza nei mie confronti, si scusano, sempre che la loro “amicizia” o semplice frequentazione m’ispiri, io non me la prendo. Amici come prima forse no, almeno non subito. Diciamo che in questi casi faccio la sostenuta …

A volte succede che qualcuno che, per motivi suoi, non ha piacere di lasciare un commento sui miei blog mi scriva un’e-mail. A me fa sempre piacere, naturalmente, e rispetto la privacy, se le persone in questione non vogliono mettersi in piazza.
Mi è capitato, qualche mese fa, di incontrare per e-mail una persona con cui ho scambiato qualche messaggio su un argomento su cui mi premeva avere un parere tecnico, in modo da non scrivere scemenze sul blog. Sottolineo, però, che non sono stata io a cercare questa persona ma sono stata contatta. Nei mesi i messaggi, pochi in verità, sono sempre stati cortesi … non siamo mai arrivati al “tu” e, trattandosi di persona molto più anziana di me, non ho ritenuto di dover forzare la mano.

Dopo un silenzio, da parte sua, piuttosto lungo, ho ricontattato questa persona, semplicemente per sapere come stava e per avere notizie su un progetto di cui mi aveva parlato. Mi è sembrato un gesto carino. Infatti, fu molto gradito da parte sua e mi rispose subito. Poi, per i motivi che non sto qui a spiegare ma di cui ho dato un preciso e dettagliato resoconto a questa persona, non ho risposto tempestivamente.

Proprio domenica stavo pensando di scrivere e sono stata preceduta da una mail aggressiva e accusatoria. Mi si diceva, senza mezzi termini – anzi, l’oggetto della mail era proprio questo – che ero un’ingrata. Oddio, ho pensato, che ho fatto? Perché dovrei essere grata a questa persona? Non ho chiesto mai un favore, ho ricevuto delle informazioni che comunque non avevo chiesto, non si è trattato di alcun favore se non quello di prender parte ad una discussione esattamente come avviene nei post, all’interno dello spazio commenti, solo in via confidenziale. Se vogliamo chiamarlo favore per cui devo esprimere eterna gratitudine …

Insomma, per farla breve, ho subito risposto alla mail ricevuta, mantenendo un tono cortese ed educato, spiegando le mie ragioni, scusandomi, pure se non ho capito bene perché dovessi profondermi in scuse, solo perché non ho risposto tempestivamente alla mail precedente? E poi, se vogliamo, l’unico epiteto che al limite mi sarei potuta meritare sarebbe stata “maleducata”, ma ingrata? Non ho esternato tutto ciò, sia chiaro, nella mail. Ho pensato che il contenuto del messaggio potesse bastare a chiarire l’equivoco. Mi sbagliavo assai.

Non ho ricevuto risposta. D’altra parte la persona in questione mi aveva invitata a cancellare il suo contatto dalla rubrica. Io mi ero permessa di andare contro la sua volontà, anche se per una giusta causa: mica dovevo accettare senza fiatare delle accuse ingiuste! E poi dovevo pur spiegare i motivi del mio silenzio.
Ma la persona in questione evidentemente la pensa diversamente. Io, ingrata e maleducata, ho osato scrivere anziché precipitarmi a cancellare il suo indirizzo e-mail …

Ora mi chiedo: perché se l’è legata al dito?
Ritornando alla spiegazione del detto, che torto ho fatto a questa persona?
Non rispondere ad un’e-mail tempestivamente è un torto?
Cercare di spiegare le proprie ragioni è in qualche modo offensivo?
Usare un tono educato e gentile in risposta ad una mail accusatoria, è forse questo il torto? Dovevo incassare le accuse e starmene zitta? Battermi il petto e dire mea culpa?

Io non so rispondere.

Annunci

Scelti per voi

Selezione di post che hanno attirato la mia attenzione scelti per voi dalla blogsfera

wwayne

Just another WordPress.com site

Diario di Madre

Con note a margine di Figlia

Scrutatrice di Universi

Happiness is real only when shared.

Like @ Rolling Stone

Immagini, parole e pietre lanciate da Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo-Psicoterapeuta. Battipaglia (SA)

Psicologo Clinico, Terapeuta EMDR di livello II, Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale, Terapia Metacognitiva Interpersonale.

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

oןısɐ,ןןɐ ɐɯ ɐןonɔs ɐ opɐʌ uou

pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di critica, di autocritica, di insulti, di ritrattazioni, di sciocchezze e sciocchezzai, di scuola e scuole, buone e cattive, di temi originali e copiati, di studenti curiosi e indifferenti, autodidatti e eterodidatti, di nonni geniali e zie ancora giovani (e vogliose), di bandiere al vento e mutande stese, di cani morti e gatti affamati (e assetati)

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

CORSI DI SCRITTURA CREATIVA, ATTUALITA' EDITORIALE, DIDATTICA E STRUMENTI PER LA SCRITTURA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Studio di Psicoterapia Dr.ssa Chiara Patruno

Psicologa - Psicoterapeuta - Criminologa - Dottore di Ricerca Università Sapienza

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Le Ricette di Cle

Ricette collaudate per ogni occasione

Messaggi in Bottiglia

Il diario di Cle

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: