20 marzo 2012

BENTORNATA PRIMAVERA … UN GIORNO PRIMA!

Posted in tradizioni popolari tagged , , , , a 4:46 pm di marisamoles


Forse non tutti sanno che quest’anno, essendo bisestile, la primavera arriva un giorno prima … cioè oggi. Ciò si deve al fatto che, essendo stato allungato di un giorno il mese di febbraio, l’arrivo della primavera è anticipato al 20 marzo. Un anticipo apparente, è ovvio.

Questa giornata coincide con l’equinozio di primavera. La parola significa “notte uguale” (al giorno), ovvero le 24 ore della giornata dovrebbero essere equamente distribuite tra il giorno e la notte. Ma la durata delle due parti non è mai precisissima a causa della rifrazione atmosferica.
Il sole, nel giorno dell’equinozio, dovrebbe sorgere esattamente ad est e tramontare esattamente a ovest, ma questo non avviene, ovvero si verifica solo uno dei due casi.

In termini astronomici per equinozio s’intende ognuno dei due punti in cui l’eclittica interseca il piano dell’equatore celeste (definizione tratta dal dizionario Il Sabatini Coletti), per estensione ognuno dei due momenti dell’anno in cui il Sole transita per tali punti e in cui su tutta la Terra la durata del giorno è uguale a quella della notte (ibidem).

Numerosi sono i riti legati all’arrivo della primavera nelle antiche civiltà.
In Egitto, ad esempio, all’arrivo di questa stagione dall’Uovo cosmico plasmato da Ptah, da lui deposto sulle rive del Nilo e qui covato dall’oca sacra, nasceva Ra, il Sole. Nello stesso tempo, le lacrime profuse dalla dea Iside nella disperata ricerca del suo amato Osiride si asciugavano e la gente, nel santuario di Abido, festeggiava la fine del suo dolore con riti in onore del dio suo sposo. Il risveglio della natura rappresentava la resurrezione del dio che avveniva quando dalle zolle che stavano alla base sel sicomoro sacro spuntavano i germogli di grano ed orzo.

In Grecia, ad Eleusi, Demetra, dea delle messi, riabbracciava la figlia Persefone che per il resto dell’anno dimorava con il suo sposo Plutone (o Ade) nel regno dei morti. In suo onore la popolazione festeggiava con danze e canti, procedendo in un corteo sacro che accomunava in un’unica manifestazione di gioia, oltre a Demetra, Dioniso e Pan. Si tratta dei famosi misteri di Eleusi che rappresentavano il mito del ratto di Persefone, strappata alla madre Demetra dal re degli Inferi, Ade, in un ciclo di tre fasi, la “discesa” (la perdita), la “ricerca” e l’ascesa, dove il tema principale era la “ricerca” di Persefone e il suo ricongiungimento con la madre.
Il rito era diviso in due parti: la prima, piccoli misteri, era una specie di purificazione che si svolgeva in primavera, la seconda, grandi misteri, era un momento consacratorio e si svolgeva in autunno.
La cerimonia voleva rappresentare il riposo e il risveglio perenne della vita delle campagne.

Dalla Grecia a Roma, Demetra si trasforma in Cerere e sua figlia in Porserpina. Ad esse e a Dioniso-Libero la plebe romana dedicava riti che si celebravano sull’Aventino, attraverso i Ludi Ceriales. I patrizi, invece, sul colle Palatino festeggiavano l’arrivo della primavera con i Ludi Megalenses in onore di Cibele e di Attis. (per maggiori dettagli sui riti primaverili CLICCA QUI)

E dopo questo bagno di cultura (in attesa di fare un bel bagno nell’acqua turchina del mare Adriatico 😉 ), vi lascio con alcuni versi di un poeta che amo molto, anche se non riusciva a godere del risveglio della natura, preso com’era dal suo inguaribile pessimismo: Giacomo Leopardi

Primavera d’intorno
brilla nell’aria, e per li campi esulta,
si ch’a mirarla intenerisce il core.
Odi greggi belar, muggire armenti;
gli altri augelli contenti, a gara insieme
per lo libero ciel fan mille giri,
pur festeggiando il lor tempo migliore
[…]

Questo giorno ch’omai cede alla sera,
festeggiar si costuma al nostro borgo.
Odi per lo sereno un suon di squilla,
odi spesso un tonar di ferree canne,
che rimbomba lontan di villa in villa.
Tutta vestita a festa
la gioventù del loco
lascia le case, e per le vie si spande;
e mira ed è mirata, e in cor s’allegra
. (da Il passero solitario)

[altre fonti: Wikipedia, Orticalab.it; immagine da questo sito; PER I DIFFIDENTI: IN QUESTO SITO SI PUO’ CALCOLARE L’EQUINOZIO DI PRIMAVERA NEI DIVERSI ANNI]

Annunci

13 commenti »

  1. lucianaele said,

    E io te ne lascio una della Merini……
    “Sono nata il ventuno a primavera
    ma non sapevo che nascere folle,
    aprire le zolle
    potesse scatenar tempesta.
    Così Proserpina lieve
    vede piovere sulle erbe,
    sui grossi frumenti gentili
    e piange sempre la sera.
    Forse è la sua preghiera.”
    (da “Vuoto d’amore”)

    Buon inizio di primavera,
    Luciana

    Mi piace

  2. […] Permalink […]

    Mi piace

  3. marisamoles said,

    Grazie, Luciana! E buon inizio di primavera anche a te. 🙂

    Mi piace

  4. Diemme said,

    E tra un po’ tornerà anche l’ora legale, le giornate saranno un po’ più lunghe, e io rifarò pace con la mia vita, almeno fino a che non reinizieremo con autunno e inverno (un ciclo quasi come di quello di Persefone! 😆 )

    Mi piace

  5. Ho scoperto dell’anticipo della primavera stamane, grazie alla mamma che mi ha dato il suo buongiorno con questa notizia.
    Era ora, comunque: il freddo mi aveva davvero stufata 🙂

    Mi piace

  6. marisamoles said,

    @ Diemme

    Sarò sincera: a me questo inverno (e anche l’autunno) è volato. Dato che sto quasi tutti i pomeriggi a casa a lavorare, le giornate corte non mi hanno turbata più che tanto. Solo una cosa m’infastidisce particolarmente: uscire per fare la spesa con il buio. Almeno ora ci sarà ancora chiaro. 🙂

    @ Scrutatrice

    E brava la mamma!
    Un po’ di tepore ci voleva. Speriamo che duri. Qui in primavera cominciano le piogge … sai che bellezza!

    Mi piace

  7. Alberto said,

    Primavera è anche la stagione degli amori, per tutti i mammiferi.
    Fa eccezione l’ « homo sapiens » che estendendo la cosa alle 4 stagioni, è diventato una specie inquinante…
    Mi sbaglio, o ai tempi della mia giovinezza scolastica, poeti meno depressi del Leopardi, venivano « censurati « ? Sono stato privato (ad esempio) di :‘’ Fresco ed azzurro l’aere – sorride in tutti i seni – io chiedo à tuoi sereni – occhi un più caro sol – che importa a me de gli aliti – di mammola non to’cca ? ne la tua dolce bocca – freme un più vivo fior ‘’.
    Oh non era mica uno qualunque : era Giosué Carducci ! Aveva « la colpa » di non essere pessimista. E’ per questo che me l’ hanno somministrato con « L’albero a cui tendevi… » ? Il solo momento in cui (a ragione) era giù di corda. Ah no! dimenticavo « I Cipressi che a Bolgheri… » altro momento di depressione nera….
    Oggigiorno si riesce a insegnare la letteratura italiana senza dover prendere il Prozac ?

    Mi piace

  8. Abele said,

    ma l’anno bisestile non c’entra nulla!
    anche l’anno prossimo l’equinozio di primavera si verificherà il 20 e lo stesso sarà fino al 2020.
    ecco, tanto per dirlo…

    Mi piace

  9. marisamoles said,

    @ Alberto

    Carducci ormai a scuola si “salta”. Io però ho spiegato “Pianto antico” e anche “Funere mersit acerbo” … giusto per stare allegri! 🙂

    Io insegno letteratura italiana e anche quella latina e non ho mai preso il Prozac in vita mia. 😯

    Mi piace

  10. marisamoles said,

    @ Abele

    ecco, tanto per dirlo … si può dirlo anche in modo meno arrogante.

    Comunque, ne hanno parlato giornali televisione e radio: l’equinozio c’è già stato, la notte scorsa, tra il 19 e il 20. Ecco la differenza … tanto per dirla.

    Mi piace

  11. icittadiniprimaditutto said,

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    Mi piace

  12. Anche in ritardo ti faccio gli auguri di Buon inizio di Primavera, interessanti tutte le notizie intorno all’Equinozio, in questo giorno si festeggia anche la giornata mondiale della poesia che ho voluto ricordare nel mio blog.
    Voglio lasciarti una poesia di Wislawa Szymborska:

    da La fine e l’inizio
    …”Non ce l’ho con la primavera
    perché è tornata.
    Non la incolpo
    perché adempie come ogni anno
    ai suoi doveri.

    Capisco che la mia tristezza
    non fermerà il verde.
    Il filo d’erba, se oscilla,
    è solo al vento.

    Non mi fa soffrire
    che gli isolotti di ontani sulle acque
    abbiano di nuovo con che stormire.

    Prendo atto
    che la riva di un certo lago
    è rimasta – come se tu vivessi ancora –
    bella come era.”

    Un saluto 🙂

    Mi piace

  13. marisamoles said,

    Grazie, Lucia. Molto bella la poesia.

    Auguri anche a te per una splendida e soleggiata primavera. 🙂

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like @ Rolling Stone

Immagini, parole e pietre lanciate da Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

benvenut* su alerino.blog

pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di critica, di autocritica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: