16 marzo 2012

L’ABITO NON FA IL DEPRESSO

Posted in donne tagged , , , , , , , a 7:15 pm di marisamoles


Secondo la ricerca di un gruppo di psicologi inglesi dell’University of Hertfordshire, nell’Inghilterra Orientale, l’abito che si sceglie per uscire da casa rifletterebbe il nostro stato d’animo. Nel bene e nel male, nell’euforia e nella depressione.

Lo studio, condotto su un centinaio di donne, ha rivelato che il 50% delle intervistate indossano i jeans quando si sentono depresse. Al contrario, il “vestito della felicità ”, cioè quello che fa sentire bene una persona, è un vestito di buon taglio, che valorizza la figura ed è fatto con un tessuti di qualità e dai colori vivaci. (LINK della fonte della notizia)

Mi permetto di dissentire. A parte il fatto che io non ho un abbigliamento standard, nel senso che non sono una che si veste sempre sportiva o sempre elegante, che indossa solo pantaloni o solo abitini, sono capace di andare a fare la spesa in calze a rete (con addosso anche un vestito, naturalmente 😉 ) ma quando indosso i jeans sono proprio felice.

Le signore inglesi dovrebbero sperimentare la felicità che si prova quando si indossano i jeans che fino a due mesi fa non si chiudevano (nemmeno distesa sul letto e con l’ausilio di una intera squadra di body builders!) senza fare nessuna fatica. Altro che abiti di buon taglio (magari anche di una buona taglia) dai colori vivaci! 🙂

[immagine da questo sito]

Annunci

18 commenti »

  1. Diemme said,

    Cara Marisa, mi permetto invece di dissentire dal tuo dissenso ( 😉 ) , nel senso che se le persone depresse tendono a indossare jeans, questo non implica che, al contrario, chi indossa jeans sia depresso.

    Io ho passato periodi in cui ero giù, e quindi mi buttavo addosso la cosa meno impegnativa, un paio di pantaloni, meglio se jeans, e una maglietta, perché non avevo voglia né concentrazione per pensare a cosa indossare, e periodi in cui ero su, in cui mi mettevo di tutto, compresi jeans, con cui mi sentivo una gran figa, soprattutto se ero nel periodo “una taglia in meno”.

    Insomma, tutto dipende dalla prospettiva… 🙂

    Mi piace

  2. […] Permalink […]

    Mi piace

  3. Valentina said,

    Mmmh, non sono d’accordo col risultato di questa ricerca. Per quanto mi riguarda, non tengo moltissimo al mio aspetto fisico e al mio abbigliamento ma questo non ha niente a che vedere col mio stato d’animo. Un giorno esco con jeans e felpone, il giorno dopo con un vestito e i tacchi, ma non per questo quando ho i jeans sono depressa e quando ho il vestito sono euforica.

    Mi piace

  4. Alberto said,

    Testuale: Professor Karen Pine of University of Hertfordshire pointed out that …: “Jeans …are often poorly cut and badly fitting. Jeans can signal that the wearer hasn’t bothered with their appearance. People who are depressed often lose interest in how they look and don’t wish to stand out, so the correlation between depression and wearing jeans is understandable….”
    Ma qui si parla di jeans “britannici ” scelti da “britanniche” (“poorly cut and badly fitting” ) ! La signora Karen Pine, ha delle attenuanti: non ha mai visto un’ italiana con un jeans di Armani , e anche se fosse non di Armani o di Kenzo, ecc, ma magari un Levis , un’ italiana che si rispetti , “depressa o no”, non indossa un jeans solo perché in quel momento non le importa l’ apparenza (…ho ragione no? Dài, lasciatemi qualche illusione…) .

    Mi piace

  5. Raffaele said,

    “la felicità che si prova quando si indossano i jeans che fino a due mesi fa non si chiudevano (nemmeno distesa sul letto e con l’ausilio di una intera squadra di body builders!)”

    Vorrei provare anch’io questa felicità… Ho un pacco di 10 Levi’s praticamente nuovi che non riesco più a mettere da un bel pò e mia moglie non fa che dirmi: quando li dai via che tanto non ti vanno più?
    Grrrrrrr.
    Ciao

    Mi piace

  6. frz40 said,

    Sarà, ma quei jeans della foto, la depressione la fanno venire a me.
    🙂

    Mi piace

  7. marisamoles said,

    @ Diemme

    E’ probabile che s’intenda i “jeans” nel senso di “la prima cosa che ti capita sotto mano”. Però, come avrai letto, Alberto ci ha fornito dei dettagli che chiariscono molto il concetto: io sono stata più volte in GB e devo dire che le Inglesi non hanno nemmeno il senso dell’eleganza. Per noi i jeans possono essere un capo di abbigliamento anche elegante, magari con i tacchi e una bella camicia, non proprio da cow-girl, sopra.

    Comunque i veri depressi sono quelli che nemmeno si alzano dal letto, che vivono chiusi in casa al buio e nemmeno sanno in quale cassetto o armadio stanno i jeans. Bisognerebbe usare la parola “depresso” in modo più oculato (lo dico in riferimento alla notizia, non alle tue parole!)

    @ Valentina

    Sì, anch’io sono così. Il mio antidoto contro il malumore (per non usare “depressione” a sproposito): dipingermi le unghie di rosso vivo. 🙂

    @ Alberto

    Grazie per i dettagli. Sono d’accordo: come ho detto già a Diemme, il nostro stile è decisamente diverso da quello delle Inglesi.
    Contento? 😀

    @ Raffaele

    Be’, basta mettersi a dieta, no?
    A parte questo (credo tutti sappiano che sono a dieta per colpa del colesterolo), quei jeans hanno una storia. Li ho acquistati, nonostante non fossero della mia taglia 😦 ) solo perché il prezzo scontato, rispetto a quello leggibile sull’etichetta, era scandalosamente basso. Poi, visto che per forza di cose ho buttato giù qualche chilo (per la precisione 6 in poco più di due mesi), alla fine quei jeans mi stanno a meraviglia e li posso tenere tranquillamente tutto il giorno senza sentirmi scoppiare dentro.
    Provare per credere. 🙂

    @ frz

    Ma no, dai, non fare così. 🙂

    Mi piace

  8. lilipi said,

    Forse non sono stata mai veramente depressa, ma quando sono giù di corda cerco di reagire impegnandomi in lavori che non mi facciano pensare o uscendo “parata”di tutto punto .

    Mi piace

  9. icittadiniprimaditutto said,

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    Mi piace

  10. Marisa come ti comprendo, è vero, indossare di nuovo un paio di jeans che da tempo non riuscivi ad infilarti, ti procura un senso di benessere che è difficile descrivere
    Un saluto
    Lucia

    Mi piace

  11. marisamoles said,

    @ Lucia

    Credo che nell’armadio di ogni donna ci siano dei jeans pronti alla “prova della verità”: mi starà o non mi starà? 😉
    Un abbraccio

    Mi piace

  12. Casino Legale said,

    L’abito e’ in grado di creare l’umore migliore in una persona, soprattutto se si prende la briga di scegliere gli abiti, le taglie ed i colori che piu’ si addicono a noi. Allora si che l’abito non deprime.

    Mi piace

  13. espress451 said,

    E se fosse più il colore che il tipo di abbigliamento a raccontare l’umore delle persone?
    A presto, Ester.

    Mi piace

  14. marisamoles said,

    @ Ester

    Certamente, il colore è molto importante per riflettere lo stato d’animo.

    Io, ad esempio, ora sono stufa del nero-grigio-marrone dell’inverno … benvenuta primavera! 🙂

    Un abbraccio

    Mi piace

  15. Valentino said,

    Alcune fermate della metropolitana parigina sono dotate di automatici con Levi’s. Chissà quanto depressi sono parigini? 🙄

    Mi piace

  16. marisamoles said,

    Certamente meno di noi …. anche se non associamo i jeans allo stato d’animo, almeno non a quello negativo.

    Ma scusa: chi mai comprerebbe dei jeans ad un distributore automatico senza nemmeno provarli?! Io no di certo …

    Mi piace

  17. Valentino said,

    Si ma…. tu non sei di Parigi. 👿

    Mi piace

  18. marisamoles said,

    Magari!!!!!!

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Scelti per voi

Selezione di post che hanno attirato la mia attenzione scelti per voi dalla blogsfera

wwayne

Just another WordPress.com site

Diario di Madre

Con note a margine di Figlia

Scrutatrice di Universi

Happiness is real only when shared.

Like @ Rolling Stone

Immagini, parole e pietre lanciate da Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo-Psicoterapeuta. Battipaglia (SA)

Psicologo Clinico, Terapeuta EMDR di livello II, Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale, Terapia Metacognitiva Interpersonale.

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

oןısɐ,ןןɐ ɐɯ ɐןonɔs ɐ opɐʌ uou

pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di critica, di autocritica, di insulti, di ritrattazioni, di sciocchezze e sciocchezzai, di scuola e scuole, di temi originali e copiati, di nonni geniali e zie ancora giovani (e vogliose), di bandiere al vento e mutande stese, di cani morti e gatti affamati (e assetati)

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

CORSI DI SCRITTURA CREATIVA, ATTUALITA' EDITORIALE, DIDATTICA E STRUMENTI PER LA SCRITTURA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Studio di Psicoterapia Dr.ssa Chiara Patruno

Psicologa - Psicoterapeuta - Criminologa - Dottore di Ricerca Università Sapienza

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Le Ricette di Cle

Ricette collaudate per ogni occasione

Messaggi in Bottiglia

Il diario di Cle

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: