8 marzo 2012

ODIO LA FESTA DELLA DONNA

Posted in donne tagged , , , a 10:33 am di marisamoles


Stamattina le mie allieve mi hanno fatto gli auguri per la Festa della Donna. Ho risposto che questa festa dovrebbero proprio abolirla perché è la conferma della discriminazione tra i sessi. Mica c’è la Festa dell’Uomo! (qualcuno, però, ha detto che c’è, in agosto. Mai sentita … e comunque in agosto sono tutti al mare). C’è forse bisogno di una giornata di festa per ricordarsi delle donne?

Comunque questo è solo il mio pensiero. A quelle che ci tengono auguro un buon 8 marzo.

P.S. Odio anche la mimosa. 😦

[nell’immagine: “Nudo di donna”, Art in Gallery]

Advertisements

21 commenti »

  1. frz40 said,

    Ma no,non è il caso. Basta solo dare alle cose la giusta dimensione.

    Le donne, spesso bistrattate e ridotte a oggetto, meritano un momento di riflessione e di tenerezza.

    Mi piace

  2. […] Leggi l’articolo completo su Marisa Moles’s Weblog […]

    Mi piace

  3. Quarchedundepegi said,

    Mia moglie la pensa nello stesso modo. Quanto siete saggggge!
    Ciao.

    Mi piace

  4. mi è indifferente questa festa, la festa del uomo esite! ogni giorno, 365 giorni del calendario. ovviamente insieme alla festa dei figli…
    SONO ANCORA INGESSATA!! continuo a far festa al marito e figli anche oggi, Nulla cmabia, poi la mimosa con quel odore stomachevole puo rimanere sulla sua pianta.

    Mi piace

  5. Luca said,

    Sottoscrivo in pieno e sinceramente sono sorpreso di incontrare una donna che la pensa in questo modo!

    Tanto di cappello, baby.

    Mi piace

  6. Stelio said,

    Concordo, confermo, condivido, convergo. (vedi il mio blog)
    Già mi danno fastidio le feste comandate, quasi ci si dovesse divertire “a comando”, e queste liturgie imposte da una fasulla modernità stridono contro una realtà che non offre nessun motivo per festeggiare.
    Che poi anche la definizione “Festa della Donna” è, per me, infelice e irrispettosa. La mia mente bacata vola automaticamente ad altre feste, la festa dell’anguria, la festa dell’anguilla, la festa dell’anatra, la festa dell’agnello, la festa dell’albicocca, ecc., come a voler ridurre la lotta contro la diseguaglianza di genere e la sete di libertà e parità di diritti, a una godereccia sagra strapaesana, con obbligatoria partecipazione alla processione dedicata al santo patrono locale. Poi si sa come va a finire: passata la festa, gabbato lo santo.
    Auguri di buon 8 marzo, 9 marzo, 10 marzo, 11 marzo, ecc.

    P.S. Povera mimosa, perché odiarla? Come si fa a odiare un fiore? Piuttosto falla mangiare a chi te la offre con un sorrisino beota.

    Mi piace

  7. Raffaele said,

    Ciao Marisa, io la penso proprio come te. La donna merita rispetto e amore da parte del proprio uomo ogni giorno dell’anno e fare gli auguri l’8 marzo è ipocrisia. In questo periodo poi bisognerebbe riflettere sull’aumento della violenza nei confronti proprio delle donne.
    Un abbraccio
    Raf

    Mi piace

  8. marisamoles said,

    @ frz40

    Le donne meritano un momento di riflessione e tenerezza sempre. Quelle bistrattate della festa non sanno che farsene.

    @ 3theperfectnumber

    Già, l’odore della mimosa è stomachevole. Magari se la festa avesse avuto come simbolo un fiore profumato, l’avrei snobbata meno. 😉

    @ Luca

    Sono una donna che sa come sorprendere gli uomini. 😉

    Thank you, baby. 🙂

    @ Stelio

    Grazie!
    Mi dispiace per la mimosa, ma non la sopporto. Però a mio figlio, che me l’ha regalata, non gliel’ho fatta mangiare. Dovrebbe saperlo che non la reggo ma evidentemente è un po’ distratto. Non ha preso da me. 🙂

    @ Raffaele

    Certo, bisognerebbe riflettere su tutte le situazioni in cui, nel mondo, la donna è ancora oppressa. Ma tutti i santissimi giorni.

    Pensa che il Ministero per i Beni e le Attività Culturali consente oggi a tutte le donne l’ingresso gratuito ai musei, ville, monumenti e biblioteche del Paese. A me pare offensivo: cos’è, una specie di “tessera rosa” a scadenza?

    Mi piace

  9. lilipi said,

    Condivido. Però a me la mimosa piace, forse perchè è una nota di colore mentre c’è ancora l’inverno.

    Mi piace

  10. maryonn said,

    Sono d’accordo, e non vedo l’ora che passi l’8 marzo. Mio marito lo sa, ma ha preso la mimosa per nostra figlia, che ci tiene alla festa.
    Io chiamo l’8 marzo la festa dei fioristi e dei ristoratori, almeno loro ci fanno i soldi.

    Mi piace

  11. laurin42 said,

    Mi piacciono le mimose. Il loro colore giallo dorato e luminoso è l’annuncio della primavera
    Non mi piacciono le celebrazioni che accontentano la coscienza di chi di coscienza ne ha poca.
    Mi piacciono le mimose. Il giallo dorato si accende al primo calore del sole di stagione.
    Non mi piace che si divida l’umanità in categorie.
    Mi piacciono le mimose. Spontaneamente offrono il loro profumo inebriante.
    Non mi piace che si creino delle categorie incasellate per sempre in un luogo senza sfumature.
    Mi piacciono le mimose. I fiori sono soffici, impalpabili eppure consistenti.
    Non mi piace che si voglia ricordarmi chi sono e cosa faccio un giorno all’anno.
    Mi piacciono le mimose.
    Mi piacciono tutti i fiori e i loro colori, mi piace la natura che spontaneamente offre colori e profumi da sempre e per sempre.
    Mi piace credere che l’umanità intera, pur con le sue diversità, cammini insieme in armonia
    per costruire il futuro.
    Ieri, oggi e domani.
    Love
    L

    Mi piace

  12. Mi torvate perfettamente d’accordo, una festa che non ha senso…
    Un saluto 🙂
    Lucia

    Mi piace

  13. marisamoles said,

    @ lilipi

    Una nota di colore certamente ma il giallo non è il mio colore preferito: non significa gelosia o invidia?

    @ maryonn

    Una festa consumistica come quella della mamma e del papà. Salverei forse San Valentino, almeno per i giovani. E poi non sopporto le feste dell’8 marzo con gruppi di donne che impazzano in discoteca e nei night dove si spogliano gli uomini. Che tristezza. 😦

    @ Laurin42

    Bel commento. Grazie.

    @ Lucia

    Felice che tu sia d’accordo.
    Buona serata e a presto.

    Mi piace

  14. Quarchedundepegi said,

    Il giallo è un colore bellissimo. È il colore della saggezza!

    Mi piace

  15. maryonn said,

    Quella degli spogliarellisti è una delle cose più tristi e inutili che ci siano.
    Non è comportandosi come certi uomini che si ottengono dei diritti sacrosanti. E sottolineo certi, perché non tutti gli uomini vanno a spogliarelliste.

    Mi piace

  16. frz40 said,

    E’ vero che questa ‘festa’ sa ormai troppo di fastidioso consumismo e politicizzazione qualunquista, ma questa volta non concordo né con te né con il coro di consensi che ha avuto questo post.

    Io amo le donne, le ammiro e le rispetto per 365 giorni l’anno, ma per 364 di questi giorni vedo, anche da parte loro, cose che non vorrei vedere.

    Sarò un inguaribile romantico, ma che male fa, per 1 giorno l’anno pensare che le donne siano tutte cose belle

    Mi piace

  17. LadyPaola said,

    concordo anche io!
    Un abbraccio…
    Paola

    Mi piace

  18. marisamoles said,

    @ Quarchedundepegi

    Dici ❓

    @ maryonn

    Concordo. Una parità del genere, ammesso che lo sia, non la voglio!

    @frz

    Confesso che quando ho scritto il post (a scuola, velocemente, durante un’ora buca) mi aspettavo una valanga di critiche. E invece …
    Ti assicuro che non ho pagato nessuno. 😉

    @ LadyPaola

    Felice di trovarti d’accordo … ancora una volta! 😉
    Un abbraccio anche a te.

    @ TUTTI

    Buon 9 marzo a tutti, giorno sottovalutato che segue l’8 Marzo: la festa dei fiorai, dei venditori di cioccolatini e sì, in fondo, un po’, anche delle donne. E non stupisca la celebrazione tardiva. Non è un caso. È che in Italia, quando si parla di questa metà del cielo, quella più variabile ma anche, spesso, più nitida e affascinante, tutto arriva un giro dopo.

    Com’è andata, uomini? L’avete rivolto un pensiero alle donne vere? O l’unica sinapsi era occupata dalla paura che le mimose del pachistano al semaforo fossero stantie? Com’è andata, donne? Avete ceduto alle lusinghe della cena con le colleghe, del conto alla romana, dello strip alla californiana? Come avete mostrato il vostro orgoglio uterino? Abbeverandovi di sapere gratuito in un museo, oppure di mojito pagato in un capannone di periferia, magari infilando monete da due euro nella canottiera di uomini dall’incarnato caramellato e muniti di sopracciglia depilate ad ali di gabbiano? CONTINUA >>>
    by Geppi Cucciari per la 27esimaOra (Il Corriere)

    Mi piace

  19. ginevra said,

    Hai proprio ragione!
    Guarda, hanno creato un sito che potrebbe piacerti/vi (a tutte le donne)
    Intanto gli uomini non possono entrarci, ci si collega tramite facebook e chi di loro ci proverà… avrà una sorpresa 😀
    C’è anche il test su “che razza di uomo sei”, da morir dal ridere, il mio è uscito Pavone ahahah

    Mi piace

  20. […] Non amo festeggiare questa giornata. Le donne dovrebbero essere ricordate tutti e 365 giorni e non solo l’8 marzo. E poi, come tutte le feste commerciali, questa giornata perde il vero senso e ci si dimentica anche il motivo per cui è stata scelta proprio questa data per la Giornata Internazionale della Donna, alla quale la comune dicitura “Festa della Donna” rende poco onore. […]

    Mi piace

  21. […] la Festa della donna – l’ho già detto – e anche la mimosa non mi piace particolarmente. Però sono curiosa e mi sono documentata […]

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like@Rolling Stone

Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

Non vado a scuola ma all'asilo

Pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: