8 dicembre 2011

I SOLITI ITALIANI

Posted in attualità, viaggi tagged , , , , , a 2:39 pm di marisamoles

Per chi non lo sapesse, in Austria (come anche in Slovenia) le autostrade non sono a pedaggio diretto, in relazione al tratto percorso. Si paga, infatti, una quota variabile a seconda del tempo in cui si vuole usufruire della autostrade austriache, acquistando la cosiddetta “vignetta”, ovvero un tagliando che si appone al parabrezza bene in vista. L’Asfinag, la società che gestisce autostrade e superstrade in Austria, fa sapere che ben il 98% degli utenti sono in regola. La rimanente percentuale viene equamente divisa tra “portoghesi” italiani e austriaci che rischiano grosso: la contravvenzione, infatti, è di 120 euro (il costo delle “vignette” per una settimana attualmente è di 7 euro e 50, se ricordo bene), da pagare immediatamente, altrimenti i controllori dell’Asfihag sono autorizzati a chiamare la polizia e, si sa, con la gendarmeria austriaca non si scherza.

Consolante il fatto che gli Italiani non siano da meno degli stessi Austriaci, per quanto riguarda il mancato acquisto della “vignetta”. C’è però una caratteristica che i nostri connazionali non hanno in comune con i vicini di casa: le scuse che accampano per giustificare la mancata esposizione del tagliando. Non si limitano semplicemente a dire “non sapevo che si deve acquistare la vignetta”, scusa banale anche se la più sfruttata, ma poco credibile perché in tutti gli autogrill della A4 (tratto Trieste-Palmanova) e della A23 (che porta direttamente al confine) sono esposti dei cartelli che avvisano in modo inequivocabile che il pedaggio delle autostrade austriache si paga in un’unica soluzione acquistando il pass.

E così gli Italiani, dicono quelli dell’Asfinag che hanno addirittura raccolto in un libro le scuse degli automobilisti colti in flagrante, scatenano la fantasia, anche a costo di passar per scemi. Eh sì, perché è inutile dire che gli Austriaci non mangiano la foglia e sono inflessibili, non solo quando pretendono che i furbetti paghino la multa.
Così descrive Il Piccolo, in un articolo firmato da Marco Di Blas, le assurdità che i nostri connazionali sono pronti a tirar fuori dalla bocca nella speranza di farla franca:

C’è chi dà la colpa al cane che avrebbe divorato la “Vignette”, chi ai bambini, responsabili di averla distrutta per gioco. I più tecnologici chiamano in causa il navigatore, che li avrebbe dirottati a loro insaputa in autostrada. Altri giurano di aver acquistato regolarmente la “Vignette”, ma questa poi si era persa nella borsa della moglie. Alcuni arrivano addirittura a sostenere: «Quest’auto non è mia».

Che dire? La creatività degli Italiani non ha limiti ma nulla può contro la severità dei cugini austriaci. E dire che oggigiorno questi ultimi, almeno da come guidano in autostrada, sembrano molto indisciplinati. Forse perché hanno capito che in Italia anche se vai a 160, hai una probabilità su un milione di beccarti la multa. Avranno imparato da noi.

Annunci

10 commenti »

  1. quarchedundepegi said,

    Gli italiani pensano di poter fare i “furbetti” anche quando escono dai confini. Se si fossero accorti un po’ prima che non ne valeva la pena, oggi non ci sarebbe un “Monti” a fare il “castigamatti”.
    Anche in Svizzera si paga una “vignetta” che è valida tutto l’anno e costa niente (40 franchi svizzeri) rispetto a quello che costano le autostrade italiane.
    Chi non ha la vignetta paga una multa di 200 franchi. Credo che si possa pagare la multa alla polizia anche con la carta di credito. In Italia non potrebbe funzionare perché di polizia in autostrada se ne trova solo a bere il caffè in autogrill! Scrivo questo per esperienze recenti!

    Mi piace

  2. Raffaele said,

    Anche in Svizzera e Germania funziona in questo modo. Lo trovo un sistema molto intelligente e pratico ed in ultimis più economico. Ma forse perché le Autostrade italiche noi le abbiamo regalate ai privati per fare affari e lucrarci?
    Ciao

    Mi piace

  3. icittadiniprimaditutto said,

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    Mi piace

  4. marisamoles said,

    @ Quarchedundepegi

    Parole sante le tue! Proprio vero: se gli Italiani non avessero quel vizio di fare i furbetti, oggi Monti non farebbe il “castigamatti” (che poi sarebbe meglio dire “castigapoveridiavoli” 😦 )
    Auspico che il sistema “vignette” sia adottato anche in Italia. Con la quota che in Austria chiedono in un anno, io e mio marito facciamo Udine-Trieste e ritorno più o meno 11 volte (se non ho sbagliato il conto …). Ma noi di viaggi ne facciamo di più, senza contare che mio marito attualmente in autostrada va spessissimo per lavoro, quindi per lui sarebbe una grande convenienza.
    Però, proprio perché gli italiani pensano sempre di fregare il prossimo, pagare il pedaggio al casello rimane l’unico modo di essere sicuri – o quasi – che paghino.

    @ Raffaele

    Purtroppo non so rispondere alla tua domanda. Oggi sono un po’ scarsa di idee … 😉

    Ciao.

    Mi piace

  5. Cle said,

    Italiani, se non ci fossimo bisognerebbe inventarci!!!

    Mi piace

  6. marisamoles said,

    @ Cle

    E ci vorrebbe una fantasia sconfinata! 😉

    Mi piace

  7. Raimondo said,

    Buona sera,
    voglio dire in controtendenza che sono fresco di multa e non per voglia di fare il furbo, mi sono sentito taglieggiato senza scrupoli e con crudeltà e ora:
    ho attraversato il confine di Tarvisio (strada statale) per andare al mercatino di natale di klagenfurt percorrendo un tratto di autostrada, arrivo a destinazione (sosta a pagamento euro 5,00 l’ora) caffè espresso euro 1,80, 200g. di castagne euro 5.00) l’ultima volta che sono stato in Austria non si pagava anni fa ora io non lo so quanti cartelli ci fossero a indicare queste vignette che non contesto, mi chiedo avendo imboccato l’autostrada di ritorno a klaghenfurt dove sono provvisti di energia elettrica è possibile che un cartello così importante non venga adeguatamente segnalato anche con lampeggio luminoso, questo perchè a differenza il controllo viene quasi illuminato a giorno da cartelli luminosi per un intero km e presidiato da circa una decina di persone addette alle verifiche.
    c’era la fila per le multe è possibile che siano più furbi di noi? e anche in mala fede?
    Ps. per chi non avesse capito non ero per niente al corrente che servisse la vignetta.

    saluti Ray

    Mi piace

  8. marisamoles said,

    @ Ray

    Be’, ovviamente puo’ capitare di essere in buona fede … anche se distratti! 🙂

    Mi piace

  9. Vado da circa 15 anni in austria e ho sempre acquistato il bollino,oggi ho preso per sbaglio l’autostrada e mi hanno fregato.

    Mi piace

  10. marisamoles said,

    @ Riccardo Varriale

    Ovviamente chi per abitudine non acquista la vignetta non viene fermato mai. 😦
    Per capirci, io sono una che se deve andare al supermercato (senza parcheggio riservato) e sa di sbrigarsi in cinque minuti, massimo dieci, paga il ticket del parcheggio per mezzora. La volta in cui non lo farò, sono certa che mi becco la multa.

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like @ Rolling Stone

Immagini, parole e pietre lanciate da Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

benvenut* su alerino.blog

pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di critica, di autocritica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: