TEMPO DI AVVENTO


La scorsa domenica è stata, per la Chiesa Cattolica, la prima dell’Avvento. Comunemente, però, si è portati a considerare questo periodo, in cui si attende la celebrazione del Natale, coincidente con i ventiquattro giorni di dicembre che precedono il 25, data che convenzionalmente si identifica con la nascita di Gesù. L’Avvento, però, è un periodo che i Cristiani festeggiano diversamente per quanto riguarda la sua durata.

Per la Chiesa Cattolica, l’Avvento (dal latino adventus che significa “venuta”) inizia la quarta domenica precedente il Natale e può durare, appunto, quattro settimane. Questo secondo il rito romano. Ma in quello ambrosiano, invece, questo periodo di attesa della nascita di Gesù può durare sei settimane e generalmente ha inizio con la prima domenica dopo il giorno di San Martino (11 novembre).

Se ci spostiamo ad Oriente, però, troviamo una periodizzazione ancora più particolare. Per la Chiesa Ortodossa, infatti, l’Avvento dura quaranta giorni, proprio come la Quaresima e, infatti, questo periodo viene chiamato Quaresima del Natale. Il periodo è, dunque, quello che va dal 15 novembre al 24 dicembre ma nel calendario gregoriano si sposta dal 28 novembre al 6 gennaio, questo perché la maggior parte degli Ortodossi celebrano il Natale il 7 gennaio.

Per i Cattolici non ci sono precise prescrizioni (non che io sappia, almeno!) riguardo alla dieta, anche se è tradizione abbastanza diffusa quella di non mangiare carne il giorno della vigilia, il 24 dicembre. Forse questa è un’usanza più meridionale che settentrionale visto che qui a Udine la tradizione vuole che si serva la trippa … Io che sono mezza sicula e mezza napoletana, invece, ho sempre rispettato la tradizione di mangiare il pesce, così come anche il venerdì santo nel periodo che precede la Pasqua e il mercoledì delle Ceneri.

Gli ortodossi, invece, osservano il digiuno cosiddetto invernale, per distinguerlo da quello primaverile in coincidenza con la Quaresima. Nella loro dieta in questo periodo vengono esclusi la carne, le uova, il latte e i suoi derivati. Sembra che una dieta rigida faccia riflettere meglio sul significato profondo della festa del Natale, prassi consolidata anche in altre religioni, se pensiamo, ad esempio al famoso ramadan degli islamici.

Da noi, invece, nei giorni che precedono la celebrazione della nascita di Cristo il rito più diffuso è quello dell’acquisto dei regali (onde evitare la corsa affannosa degli ultimi giorni) e l’assaggio di panettoni e pandori – ma anche di altri dolci tipici come il torrone, ad esempio -, che danno bella mostra di sé nei supermercati e nelle pasticcerie già ai primi di novembre.

E che dire dei calendari dell’Avvento in cui, sotto ciascun giorno di dicembre, dal 1° al 24, si celano i gustosi cioccolatini che ai bimbi piacciono un sacco? Io ricordo che i miei figli ne avevano due – anche perché il mio tentativo di imporre la divisione di uno solo, mangiando un cioccolatino a testa un giorno sì e uno no, fallì miseramente – ma immancabilmente saltavano qualche data e così si rimpinzavano in sol colpo di cioccolato al latte con conseguenti eruzioni cutanee … Per non parlare di quella volta in cui ebbi la brillante idea di appendere uno dei due calendari sopra il radiatore, per sfruttare un chiodo già pronto. Il malcapitato, vedendosi sciogliere i cioccolatini in mano, sbraitava perché quelli di suo fratello erano intatti.

Bei ricordi! Mi rendo conto che quando i miei figli erano piccoli questi giorni avevano un significato diverso. Ora è solo un periodo di superlavoro, visto che il “quadrimestre” finisce il 22 e che … be’, il resto ve lo racconto la prossima volta. 😉

[fonti: Wikipedia e Orientecristiano.com]

Annunci

14 thoughts on “TEMPO DI AVVENTO

  1. I miei calendari dell’Avvento non nascondevano mai i cioccolatini. Mamma non me li ha mai comprati forse perchè, negli anni in cui tenevo questi calendari, andavo letteralmente matta per la cioccolata e sarei stata capace di fare un’indigestione di cioccolatini, aprendo le caselle anche prima del tempo! 😉

    P.S. …Posso farti una domanda?

    Mi piace

  2. @ Scrutatrice

    Saggia la tua mamma!!! 🙂

    Puoi farmi tutte le domande che vuoi, naturalmente. Qui, se è una questione che si può affrontare “in pubblico”, o via e-mail (marisamolesblog@gmail.com) se privata.

    Mi piace

  3. Effettivamente avevo un’amica che trascorreva cinque – sei mesi all’anno in Grecia, a Corfù, e mi raccontava, affascinata, i riti ortodossi cui assisteva nei mesi di permanenza lì. Poi c’è da dire che a Trieste, dove sono cresciuta, c’è un’apertura particolare nei confronti di tutte le religioni. Abbiamo chiese di tutti i riti, dalla sinagoga alla chiesa greco-ortodossa a quella serbo-ortodossa. Infine, all’università ho studiato la Storia delle Religioni (anche se l’esame, in verità, non mi ha entusiasmato … uno dei voti più bassi del libretto, che non ho rifiutato solo per non rivedere la prof che sinceramente mi stava molto antipatica! 😦 ) il che dimostra la mia passione e curiosità per tutte le religioni.

    Nessun legame in particolare se non quello affettivo che mi riporta alla mente un’amica che non c’è più e che mi ha portato una testimonianza diretta sull’ortodossia.

    Mi piace

  4. Io ho un’amica ortodossa.
    Ricordo il tuo post relativo al 15 Agosto, in cui citavi anche la concezione ortodossa di quella festività. Beh, quell’articolo mi ha dato modo di parlarne con lei, di confrontarmi e capire meglio alcune cose.

    Vedendo poi che continuavi con i richiami alla religione ortodossa, mi è sorta una certa curiosità ed è nata la conseguente domanda. Che fossi cattolica l’avevo inteso, ma magari potevi esserti convertita…almeno questa è la prima cosa che ho pensato.
    Grazie comunque di aver saziato la mia curiosità. 🙂

    Mi piace

  5. Cara Marisa, ma chi ha inventato il trimestre seguito dal pentamestre? Anche per me periodo di superlavoro, con pacchi di compiti in ogni dove e tornate di interrogazioni, con gli studenti che tengono sotto controllo (beati loro!) programmate e verifiche, al punto che sono io a dire a loro “scialla”…
    Un abbraccio, Es.

    Mi piace

  6. @ Scrutatrice

    Mi fa piacere che i miei post ti ispirino conversazioni interculturali! 😉

    @ Ester

    Non so chi abbia inventato il trimestre seguito dal pentamestre ma so che finché si è votata questa ripartizione al collegio docenti, ho sempre votato contro. Da qualche anno, però, non viene nemmeno messa in discussione eppure tutti si lamentano, docenti studenti e genitori. Per noi, poi, non cambia nulla: passerò le vacanze natalizie a correggere le ultime verifiche, come sempre. 😦

    Contraccambio l’abbraccio e … corro a preparare una verifica per domani, tanto per cambiare.

    Mi piace

  7. Grazie, Lucia, e benvenuta! 🙂

    Ho fatto un veloce salto sul tuo blog e ho letto il post “Chi sarei io” … mi sono commossa. Ti auguro ancora tanta tanta felicità con la tua famiglia.

    Quando tornerai a trovarmi per me sarà sempre un piacere.

    Buona notte.

    Mi piace

  8. CIAO MARISA, SCUSAMI IL RITARDO HO VISTO SOLO OGGI, BELLISSSIMO QUESTO TUO POST, MOLTO DETTAGLIATO GRAZIE CHE HAI INSERITO ANCHE ALTRE RELIGIONI ! TANTO CI PORTANO SOLO ED AD UNICO DIO , SAI QUEST’ANNO SONO STATA AD ASSISI AL CONVEGNO DELL’INTERRELIGIOSO , SI SONO INCONTRATI TUTTI I CAPI DELLE RELIGIONI BELLISSIMA ESPERIENZA , BUON AVVENTO TORNERO’ A TROVARTI BACIONISSIMI TANIA

    Mi piace

  9. Grazie, Tania. Lo scambio interreligioso dev’essere stao davvero interessantissimo. Come ben dici, alla fine siamo accomunati dallo stesso Dio agli altri “fratelli”.

    Bacioni anche a te e torna a trovarmi! 🙂

    Mi piace

  10. Non riesco più a riemergere, cara Marisa, dalla valanga di compiti che ho da correggere! Un vero incubo. Riporto due verifiche e torno a casa con altre quattro. Ma che senso ha questa corsa al voto? E poi che senso ha la valutazione del primo trimestre/quadrimestre se poi nulla conta nella seconda parte dell’anno? Gli studenti furbetti l’hanno capito e cominciano a farsi vivi solo da gennaio. Dovremmo a tal proposito aprire una discussione.
    Buone correzioni! Ester.

    Mi piace

  11. Cara Ester,
    segni a parte, mi sa che siamo anche telepatiche. Un’ora fa pensavo di scriverti una mail per chiederti se sei anche tu sommersa dai compiti e avvilita come me. Anch’io non finisco più e anch’io mi chiedo che senso abbia questa corsa al voto. Questa settimana, poi, ho lavorato tutte le sere almeno fino a mezzanotte (vedi che ora è? ho appena finito un pacco di latino di 5^) perché, oltre alla correzione, per ogni compito che devo preparare perdo l’intero pomeriggio, senza contare che devo preparare anche delle integrazioni ai testi davvero miseri (non li ho scelti io!) e gli impegni di famiglia sembra vengano scaricati solo su di me.

    Altro che Avvento! A me quest’ultima è sembrata una settimana di Passione … e mi attende un we superintenso. 😦

    Buonanotte, mia cara. Speriamo almeno di dormire (io son già contenta se dormo cinque ore, ma visto che mi alzo alle sei ed è passata la mezzanotte, anche domani sarò uno straccio perché prima di un’ora non riuscirò a chiudere occhio!)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...