21 ottobre 2011

“ADOTTA UNA PAROLA” … PER SALVARE L’ITALIANO

Posted in lingua, televisione tagged , , , , , , a 5:49 pm di marisamoles

Interessante un’iniziativa del settimanale IoDonna e del Corriere.it: i lettori possono “adottare una parola“, scegliendola sui dizionari d’italiano Devoto Oli, Garzanti, Sabatini Coletti e Zingarelli. Una specie di gioco on line per salvare l’italiano e, soprattutto, per rispolverare parole ormai considerate obsolete e destinate all’estinzione.

L’iniziativa è partita dalla Società Dante Alighieri, che dal 1889 si propone diffondere la lingua e la cultura italiane nel mondo, e ha ottenuto il supporto delle due testate citate. Sul sito de Il Corriere è possibile, inoltre, giocare con delle parole difficili, poco usate al giorno d’oggi, creando dei testi che le contengano. Le migliori frasi verranno poi pubblicate ogni settimana da IoDonna.

Questa iniziativa un po’ mi ricorda la mia infanzia, quando a casa arrivava puntualmente ogni mese Selezione dal Reader’s Digest ed io mi divertivo, prima ancora di sfogliare e leggere la rivista, a mettere alla prova il mio italiano (già allora, evidentemente, la lingua italiana era scritta nel mio destino!) nella rubrica “Arricchite il vostro vocabolario”. Un giochino senza troppe pretese che si faceva semplicemente con la penna, altro che giochi on line! Venivano elencate delle parole difficili con delle definizioni diverse (una specie di test a scelte multiple, insomma) fra cui scegliere quella corretta. Veniva, inoltre, fornita una sorta di “profilo” sulla base della quantità di significati azzeccati. Se non ricordo male, me la cavavo sempre abbastanza bene anche perché, grazie alla mia maestra, avevo soprattutto imparato a riflettere sulle parole, cercando di ricondurle alla corretta etimologia.

Io non ho ancora deciso quale parola adottare (chi opera la scelta, diventa per un anno custode della parola preferita ed ottiene anche un certificato elettronico che attesta l’adozione), e voi? Se l’idea vi piace, cliccate QUI.

Se invece volete mettervi alla prova con le parole difficili e inventare una frase che ne contenga alcune, cliccate QUI.

Buon divertimento!

P.S. Invece di propinarci le trasmissioni sceme che troviamo, ahimè, su tutti i canali, la tv non potrebbe riproporre “Paroliamo“? Era così divertente …

Annunci

18 commenti »

  1. espress451 said,

    A questo proposito ti segnalo un libretto godibilissimo, “Dizionario affettivo della lingua italiana” della Fandango, che ho raccontato in un post del 7 giugno. Mi avevano colpito numerose parole segnalate da diversi scrittori italiani, tra cui “nonostante”: “credo riassuma un po’ tutta la vita e tutto quello che facciamo”. A presto, Es.

    Mi piace

  2. Bellissima questa proposta, non saprei quale parola scegliere, ma una cosa è sicura, inizierei ad eliminare tutte le parole inglesi…non sono contraria alla lingua, anzi è la MIA lingua…”weekend”, “fashion”
    “trendy” “thriller” “download” “step” “ticket” “meeting” “convention” “cool” “soft” “gossip” solo per citarne alcune.
    Sono inglese, quando parlo Italiano non uso mai parole inglesi, auguro sempre un “buon fine settimana”. Gli Inglesi adesso usano le parole Italiane, non bevono più il “MILK” ma “latte” non vanno più a dancing, ma “ballare” pronunciato senza le doppie…! come gli Italiani non sempre pronunciano bene l’inglese.

    Scusa sono andata fuori tema. A TE MARISA .BUON FINE SETTIMANA, intanto sfoglierò il mio dizionario per trovare una parola simpatica da usare…

    Mi piace

  3. “…per rispolverare parole ormai considerate obsolete e destinate all’estinzione.”

    Lo stesso aggettivo “obsoleto” sta entrando in disuso…almeno dalle mie parti e nel mio ambiente. 🙂

    Mi piace

  4. Raffaele said,

    Ho adottato la parola “retorica”
    Il secondo link non funziona.
    Bel post, mi è piaciuto molto
    Ciao
    PS Quando arrivava Selezione, passavo la notte a leggere anzichè dormire, spesso con una pila sotto la coperta… bei ricordi

    Mi piace

  5. marisamoles said,

    @ Es

    Grazie per la segnalazione. Mi stuzzica non poco e credo che lo cercherò in libreria.
    A presto.

    @ 3theperfectnumber

    A proposito di “buon fine settimana”, ti riporto il commento che ho lasciato sul sito de Il Corriere, in risposta ad un lettore che la pensa esattamente come te:

    «D’accordissimo sul fatto di evitare l’inglese “week-end”, ma dire “buon fine settimana” è sbagliato. Infatti, “fine” al maschile significa “scopo” mentre nel tradurre “week-end” dovremmo dire “buona fine settimana”, al femminile. Io, però, ogni volta che chiedo “cosa fai nella fine settimana?” suscito molta perplessità nel mio interlocutore. Quindi preferisco usare l’inglese “week-end”: meglio ricorrere ad un termine straniero piuttosto che usare erroneamente la lingua italiana, pur trattandosi di un uso ormai consolidato.»

    Insomma, ci sono degli errori così radicati che è davvero difficile estirparli. Non parliamo poi delle brutture che si leggono sui giornali. 😦
    Grazie a te … anch’io sto ancora pensando ad una parola da adottare.

    P.S. Io adoro l’inglese. Peccato che con l’età che avanza la mia memoria vacilli … le regole me le ricordo ma il più delle volte mi manca il lessico. Che disdetta … per usare un’altra parola obsoleta. 🙂

    @ Scrutatrice

    “Obsoleto”? L’ho usato apposta. 😉
    Non sai quante parole italiane i miei allievi scoprono grazie allo studio del lessico latino. Quando mi dicono che non sanno il significato di un vocabolo, li invito a ragionare e tiro fuori qualche parola italiana che ha attinenza con quel dato termine. Io sono tutta entusiasta e loro mi guardano con aria afflitta perché le parole italiane che in teoria dovrebbero aiutarli ad intuire il significato di un vocabolo latino in realtà le ignorano. Ed io rimango basita … altro termine obsoleto che a me piace moltissimo usare! 🙂

    @ Raffaele

    Mi fa piacere che anche a te rievocare (è obsoleto anche questo? mah …) Selezione suscita dei bei ricordi. Se penso a quante scemate i bambini e ragazzi d’oggi leggono su Internet …

    Ho aggiustato il link. Grazie per la segnalazione.

    Buona serata a tutti. 🙂

    Mi piace

  6. FXCM said,

    Questa e’ iniziativa veramente carina. Mi piace e vedro’ d’attuarla.
    Le parole sono molto importanti e vanno valorizzate al meglio.

    Mi piace

  7. @ Marisa

    E’ vero, alcune volte mi vengono spiegate delle parole mediante termini ancora più complicati! 🙂
    Ad ogni modo ho adottato “noncuranza”, ma non riesco a scaricare il certificato d’adozione…non che m’interessi più di tanto, però era una cosa simpatica!
    E sono diventata sostenitrice di “arridere”: lo uso molto frequentemente quando mi trovo ad esporre la vita di un autore o di artista e faccio riferimento alla sua fama. Ci calza a pennello!

    Mi piace

  8. espress451 said,

    Mi aggiungo a te Marisa, e a Raffaele per la lettura di Selezione, così non vi sentite soli! A presto, Es.

    Mi piace

  9. marisamoles said,

    @ Es

    Bene! Quasi quasi apro un fan club! 🙂
    Ciao e buona domenica.

    Mi piace

  10. LadyPaola said,

    ho adottato “divulgazione”…
    grazie per aver segnalato questa bella iniziativa!

    Mi piace

  11. marisamoles said,

    @ LadyPaola

    Grazie a te e … divulga, se puoi, l’iniziativa. 😉

    Mi piace

  12. Cle said,

    Adoravo selezione e soprattutto le rubriche sul lessico!
    che nostalgia, ogni tanto li vado a rispulciare
    esiste ancora? quasi quasi rinnovo l’abbonamento!!!!

    Mi piace

  13. marisamoles said,

    @ Cle

    Purtroppo Selezione ha cessato le pubblicazioni nel 2007.
    Anche a me piacerebbe rispulciare le riviste ma temo che i miei abbiano buttato via le copie, anche perché conservare tutto non si può. Ma forse in qualche mercatino si può trovare qualcosa.

    Hai adottato la tua parola? Io, alla fine, dopo aver eliminato tutte quelle già adottate, ho scelto “strabiliante”, un aggettivo che uso spesso ma che, in effetti, non è più così comune.

    Mi piace

  14. Cle said,

    In verità avevo cominciato a scrivere il post… poi però… ho pensato più ad un divorzio da talune altre parole… non sono ancora ispirata a dire il vero!
    mediterò ancora un po’!

    Mi piace

  15. Avito Monaci said,

    Avito Monaci
    ci sono un sacco di cose che avrei da dire sulle parole belle o sulle frasi ad alta densità semantica. Ma è importante essere brevi:
    io scelgo fra le parole da conservare
    ” vaghe ”
    come da Leopardi per le stelle dell’Orsa.
    Mi viene la pelle d’oca quando la pronuncio per i significati di sfuggente bellezza,di spazi abissali, di sogni dimenticati che evoca. E dire che non saprei in quale altro ambito applicarla oltre che quello siderale di Leopardi: forse anche agli sguardi di un amore solo sognato.
    Cari amici che amate la bellezza, tenete duro!!

    Mi piace

  16. […] in se’, le opere d’arte contenute sono di una bellezza strabiliante (e’ la parola che ho “adottato”, mi devo sforzare di usarla il piu’ possibile …). La mia preferita e’ stata la […]

    Mi piace

  17. […] fa ho dedicato un post ad una interessante iniziativa proposta dalla Società Dante Alighieri e supportata dal settimanale […]

    Mi piace

  18. […] è nata grazie alla Società Dante Alighieri, già promotrice, qualche tempo fa, della campagna “Adotta una parola”, volta a custodire il patrimonio lessicale del nostro bell’idioma, preservando anche il […]

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like @ Rolling Stone

Immagini, parole e pietre lanciate da Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

Non vado a scuola ma all'asilo

Pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: