15 ottobre 2011

GLI INDIGNATI? SIAMO NOI

Posted in attualità, cronaca tagged , , , , , a 10:33 pm di marisamoles

ROMA, 15 OTTOBRE 2011

AUTOMOBILI IN FIAMME

ATTACCO ALLA VETRINA DI UNA BANCA …

… E A QUELLA DI UNA GIOIELLERIA

L’ASSALTO AD UN MEZZO DELLA POLIZIA …

… E QUELLO AD UN BLINDATO DEI CARABINIERI

LANCIO DI IDRANTI …

… E DI SANPIETRINI

FORZE DELL’ORDINE BERSAGLIATE CON SASSI E BASTONI

OLTRE 70 FERITI, TRE GRAVI. IL PIÙ GRAVE, UN CARABINIERE COLPITO DA INFARTO. TUTTA LA ZONA ATTORNO A SAN GIOVANNI DEVASTATA. DISTRUTTA LA SEZIONE DEL PDL A PIAZZA TUSCOLO. DANNI MATERIALI INCALCOLABILI.

E dopo aver assistito a tutto questo, GLI INDIGNATI SIAMO NOI. Noi, padri e madri di famiglia, giovani e meno giovani, che cerchiamo di trasmettere ai nostri figli dei valori. Insegniamo loro a difendere la libertà e dignità senza mai rinunciare ad esprimere la propria opinione ma senza ricorrere alla violenza. Gli indignati siamo noi che guardiamo indietro e ci rendiamo conto che la storia, con la esse minuscola o maiuscola, non ha insegnato nulla. Vediamo di fronte agli occhi immagini già viste e sofferenze già vissute da altri. Gli indignati siamo noi che, pur continuando a credere nel futuro, in quello dei nostri figli, ci rendiamo conto che nessuna lezione di vita può essere impartita da gente che conosce solo la violenza e la distruzione. Noi che, invece, crediamo ancora nell’educazione dei figli per farne i cittadini responsabili di domani e, nonostante l’incertezza e la precarietà che caratterizza la vita di molti di noi, che sopportiamo ma non ci diamo per vinti, ancora nutriamo la speranza di poter consegnare nelle loro mani un mondo migliore.

Ma a Roma quest’oggi c’è stata anche un’altra protesta, pacifica. E qualcuno, come questa ragazza, ha avuto voglia di scherzare.

Almeno l’ironia non ha provocato danni né feriti.

[tutte le foto, di vari autori, sono dell’ANSA, pubblicate da Il Messaggero]

Annunci

4 commenti »

  1. frz40 said,

    Certo gli indignati siamo noi, ma queste cose non capitano per caso e solo qui da noi. Ti riporto in proposito qualche passo del commento ai fatti di Roma da parte di Giampaolo Pansa, in un articolo che titola “Ma quali black bloc!Si sa chi sono i violenti” e che puoi trovare per intero qui sul mio blog.

    «I media italiani si rendono conto di quel che può accadere? In parte sì e in parte no. I cortei, le battaglie di strada, gli scontri fra dimostranti e forze dell’ordine piacciono molto a giornali e tivù. Sono occasioni che sembra alzino le vendite e l’audience. Rimango esterrefatto nel vedere certi cronisti televisivi che si comportano come se dovessero raccontare un grande party. Affascinati da quanto vedono. E protettivi verso i ragazzi che si agitano. Spesso i «ragazzi» sono trentenni, ma che importanza ha? Possono essere criminali come quelli che abbiamo visto in azione a Roma. Ma per molti media sono bravi figlioli che giocano. Amano le maschere. Mostrano una fantasia da veglione delle matricole.

    Gli unici che non suscitano orgasmi sono i poliziotti e i carabinieri. Loro risultano sempre sporchi, brutti e cattivi. Fanno un lavoro pericoloso per difendere la tranquillità della gente. Ieri molti hanno rischiato di morire. E in tasca hanno meno soldi degli Indignati e di chi li sostiene. Mi domando per quanto tempo resisteranno ancora, senza decidere rappresaglie che nessuno
    deve augurarsi.

    Ipolitici. Gli Indignati avevano deciso di tenerli in fondo al corteo. Una misura che di solito riguarda gruppi di poco conto o impresentabili. Ma un po’di big della casta non erano infastiditi di dover marciare in coda. Per raccattare qualche voto, si sono travestiti da indignati anche loro, malgrado gli stipendi e le auto blu. Ieri in piazza era annunciata la presenza di Nichi Vendola, il capo di Sinistra e libertà. Con lui doveva marciare il suo ex maestro, Fausto Bertinotti, pronto a manifestare «con intensità e modestia». Era previsto pure Tonino Di Pietro, famoso agitatore che teme di passare di moda. E il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris. Lui aveva spiegato: «Sono sempre stato più vicino ai movimenti che ai partiti». In fondo è una compagnia migliore delle spazzatura sulle strade della sua città.

    Come avranno reagito a quell’assalto alla democrazia repubblicana, durato per ore e ore? Forse lo sapremo domani. Grazie a qualche dichiarazione ipocrita: condanna della violenza, solidarietà alle forze dell’ordine, bla bla bla».

    Già: bla, bla, bla urlando al fuoco, col cerino ancora acceso in mano.

    Mi piace

  2. Sono immagini agghiaccianti.
    Posso anche condividere le ragioni della loro protesta, ma non posso certo accettare il modo in cui l’hanno portata avanti.

    Mi piace

  3. Raffaele said,

    Si continua a confondere gli indignati con i delinquenti. Io vorrei sapere perchè 2000 poliziotti armati con ogni ben di Dio non abbiano catturato qualche centinaio di delinquenti, che tra l’altro si sapeva cosa avrebbero fatto. Non vorrei che sotto sotto, questo gran casino sia servito a qualcuno, di certo ai cittadini pacifici ed onesti han solo fatto danno.
    In qualsiasi altro posto avrebbero riempito le carceri, qui nulla.
    Forse il problema è un altro…

    Mi piace

  4. marisamoles said,

    @ frz

    Su quanto afferma Pansa non mi pronuncio. Rimane il fatto che i media italiani hanno dato enorme rilievo alle azioni deplorevoli di questi criminali e molto meno alla manifestazione pacifica.

    @ Scrutatrice

    Le ragioni della protesta? Per me quelli avevano solo lo scopo di distruggere i simboli del capitalismo (banche gioiellerie …) e della legalità (polizia, carabinieri …). Chi si comporta così non ragiona proprio.

    @ Raffaele

    Non so a chi possa aver giovato tutto ‘sto casino, davvero non lo so.
    Io, comunque, non ho confuso gli indignati con i delinquenti: alla fine del post ho infatti parlato della manifestazione civile e tranquilla degli altri. Ho solo voluto “giocare” con la parola “indignati” che ha caratterizzato, o almeno avrebbe dovuto caratterizzare, quella giornata.

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like @ Rolling Stone

parole, pensieri e pietre di Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

Non vado a scuola ma all'asilo

Pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: