2 settembre 2011

CASI DI TBC AL GEMELLI: L’AVV. GIULIA BONGIORNO PREPARA UNA CLASS ACTION

Posted in bambini, famiglia, figli, salute tagged , , , , , , , a 2:14 pm di marisamoles

Ormai sembra entrata nel linguaggio comune anche in Italia questa espressione: class action. Il fatto che sia una locuzione inglese riporta alle origini anglosassoni di un’azione collettiva legale condotta da uno o più soggetti che, membri della “classe”, chiedono la soluzione di una questione comune.

L’avv. Giulia Bongiorno, parlamentare oltre che legale di fama, sa perfettamente il significato dell’espressione class action e annuncia, dalle pagine de Il Corriere, che si sta occupando della difesa di sei coppie di genitori che hanno i figli positivi al test della tubercolosi, in seguito alla trasmissione della malattia (che non sempre è contratta, può anche essere solo latente, ed è questo il significato di “positivo” al test) da parte di un’infermiera malata che prestava servizio al nido del Policlinico Gemelli, struttura affidabile, in cui operano medici di altissimo livello, come la stessa Bongiorno ammette. Per questo anche lei ha deciso di partorire lì.

Ian è nato il 22 gennaio. Fin dalla prime voci di questa probabile “infezione”, l’avvocato si è preoccupata della salute del figlioletto, telefonando, pur senza presentarsi come legale e parlamentare, almeno una decina di volte. La risposta, sempre uguale: “Suo figlio non corre alcun pericolo, stia tranquilla”. Per la precisione, le era stato detto che l’infermiera “incriminata” aveva iniziato a lavorare lì da febbraio.

«E questo è un dato assolutamente falso, credo sia fuori discussione che l’infermiera era in servizio da prima, tra i bambini del nido», afferma la Bongiorno nell’intervista. Pur comprendendo che, in casi come questi, sia meglio non creare allarmismi, si deve, tuttavia, pretendere chiarezza e soprattutto onestà.

Ora la mamma di Ian può stare tranquilla davvero: i test hanno escluso il contagio. Ma altri genitori, di cui la Bongiorno comprende il dramma, in quanto vissuto in prima persona, seppur nell’attesa di un riscontro poi risultato negativo, chiedono sia fatta luce sull’increscioso episodio.

«È difficile descrivere l’apprensione. È come se, nel momento iniziale della vita di tuo figlio, la nascita, tu già sbagli. Mi è sembrato un fallimento personale. Vivevo in grande ansia. Sa, ho 45 anni. Per me Ian è davvero un dono di Dio», spiega l’avvocato. Ma anche ora che il suo Ian può dormire letteralmente sonni tranquilli, e lei pure, non riesce a dimenticare i genitori meno fortunati.

Le sei coppie che si sono rivolte a lei all’inizio non sapevano nemmeno che avesse partorito nello stesso ospedale. «Vogliamo fare una denuncia, la depositeremo in Procura. Loro non vogliono solo un’azione risarcitoria sul piano civile, vogliono l’accertamento approfondito dei fatti, una vera azione penale», annuncia, perché chi ha delle responsabilità è giusto che ne risponda. In primis l’infermiera che, come pare, fin dal 2004 era risultata positiva al test della TBC. «Dunque si dovrà spiegare perché sono stati omessi i controlli o perché sono falliti», osserva l’avvocato.

Ma ci sarebbero anche delle eventuali “aggravanti”: pare, infatti, che anche il marito dell’infermiera, che fa lo stesso mestiere, sia stato ricoverato, nel 2004, per pleurite di natura tubercolare, e poi dimesso. A questo proposito, il parere della Bongiorno è che si debbano «cristallizzare le certezze su cosa è accaduto. Se queste due persone sono riuscite a indurre tutti in errore – ma sottolineo il se – avrebbero una responsabilità enorme, a livello di dolo eventuale. Se invece i due hanno rappresentato chiaramente il loro stato alle strutture e li hanno lasciati lavorare, beh, la responsabilità è delle strutture».

Non è difficile immaginare che anche altri genitori si rivolgeranno all’avvocato Bongiorno in cerca di giustizia, non vendetta ma solo la verità.

Annunci

4 commenti »

  1. Simone Ballatore said,

    Vorrei sottoporre alla Vostra attenzione la mia triste storia di ennesima vittima di malasanità…questa volta dell’ IFO di Roma, più precisamente del Dr. F. C. e del Dr. G. F.

    Mia madre Rossiello Raffaella affetta da adenocarcinoma è stata ricoverata all’IFO di Roma e sottoposta a cure e trattamenti chemioteratipi sperimentali che la hanno condotta a morte nel giro di 3 settimane. Il dr. C. di Medicina Oncologica A, si è approfittato dello stato di depressione e scoramento di mia madre (che voleva continuare a vivere) per farle firmare un consenso informato per chemioterapici sperimentali non adatti ad una paziente nello stato fisico di mia madre. Alla prima grave complicazione (una copiosa emorragia) il dr. F. si è rifiutato di trasferirla in ospedale più idoneo (Visto che l’IFO-Istituto Nazionale Tumori – Regina Elena è sprovvisto di Pronto Soccorso e di Rianimazione), facendo morire mia madre per emorragia sotto gli occhi impotenti dei figli. Non contenti di ciò, il dr. C. ha proceduto contro la volontà dei figli ad una autopsia per “blindare” la posizione dell’ospedale in relazione alle gravi negligenze commesse, ed ha proceduto personalmente alla contraffazione della cartella clinica in relazione alle cure/farmaci e quant’altro somministrato a mia madre.

    Questi criminali che in nome della scienza seviziano e portano a morte pazienti oncologici, utilizzandoli come cavie da laboratorio…vanno fermati.

    In Fede

    Simone Ballatore

    Mi piace

  2. marisamoles said,

    @ Simone Ballatore

    Ho a lungo pensato se pubblicare o no il Suo commento perché conteneva i nomi e cognomi dei medici che Lei chiama “criminali” perché hanno fatto morire Sua madre. Alla fine, come vede, ho pubblicato il commento lasciando solo le iniziali dei medici, tanto i riferimenti sono abbastanza precisi e chi conosce l’ospedale può facilmente capire di chi si sta parlando.

    Detto ciò, sono molto dispiaciuta per ciò che Le è accaduto ma ritengo che questa non sia la sede giusta per una denuncia di tal genere. Il mio è un “piccolo” blog e penso che sia meglio scrivere una lettera a qualche testata giornalistica nota (sempre che non l’abbia fatto) per denunciare l’accaduto. Inoltre, la via migliore, secondo me, per far sì che questi medici non facciano altri danni ad ignari pazienti sarebbe rivolgersi al Tribunale del malato, cosa che penso abbia già fatto.

    Mi piace

  3. Simone Ballatore said,

    Grazie per la solidarietà e per aver dato spazio con i Suoi piccoli ma importanti accorgimenti al mio sfogo; stò intraprendendo diverse strade ma sono ancora in alto mare.
    Cordiali Saluti
    Simone Ballatore

    Mi piace

  4. marisamoles said,

    @ Simone Ballatore

    Grazie a Lei. Le auguro di trovare la strada che Le permetta di approdare al lido giusto. Se per la Sua povera Mamma non c’è più nulla da fare, si può e si deve impedire che ad altri accada quello che è successo alla Sua cara.
    Cordiali saluti.

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like @ Rolling Stone

Immagini, parole e pietre lanciate da Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

benvenut* su alerino.blog

pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di critica, di autocritica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: