4 luglio 2011

AUTOWED, LA MACCHINA PER MATRIMONI LAMPO

Posted in amore, matrimonio, Uomini e donne tagged , , , , , a 9:04 pm di marisamoles

Tempo fa ho dedicato un post al matrimonio e alla convivenza. In breve, sostenevo che quel che conta è l’amore e l’assunzione di responsabilità condivisa per far funzionare un’unione, indipendentemente da un pezzo di carta. E poi, molti giovani, spaventati dal costo talora esorbitante di un matrimonio, preferiscono la convivenza. Ciò non significa che facciano questa scelta per sentirsi liberi di andarsene qualora la vita di coppia non funzioni.

Ora, per evitare le lunghe e noiose cerimonie nuziali e i relativi costi, è stata inventata la “macchina dei matrimoni“. Si chiama AutoWed e arriva direttamente dalla Cornovaglia, partorita dalle menti geniali della Concept Shed’s, ma già è richiesta da Paesi di tutto il mondo, tra cui Russia e Brasile. Pochi minuti e il gioco … pardon, il matrimonio è fatto. Basta inserire un dollaro o una sterlina nella macchina e selezionare sul display il tipo di cerimonia che gli sposi vogliono celebrare. AutoWed, poi, rilascia pure una ricevuta di matrimonio avvenuto e due fedi in plastica per i neo sposi.
Se poi uno dei due ci ripensa, basta premere il tasto “fuga” e … amici come prima.

Posso dire la mia? Che squallore!

P.S. Non sarebbe necessario ma è bene precisare che il matrimonio celebrato dalla macchina non ha alcun valore legale.

[fonte: donnamoderna.com]

Annunci

19 commenti »

  1. frz40 said,

    Ma è un giocooooooooo

    Non lo prenderai mica sul serio

    Mi piace

  2. marisamoles said,

    @ frz

    Certo che è un gioco, scemo e squallido. 😦

    Mi piace

  3. Sarà pure un gioco, ma non si scherza con una cosa come il matrimonio!

    Mi piace

  4. Quarchedundepegi said,

    Non male come gioco.

    Mi piace

  5. marisamoles said,

    @ Scrutatrice

    Appunto!

    @ Quarchedundepegi

    Stai scherzando ❓

    Mi piace

  6. Quarchedundepegi said,

    Non sto scherzando. Due persone che si vogliono bene possono giocare.
    Molto, ma molto meglio, dei videogiochi violenti ora vendibili (almeno in USA) anche ai minorenni. Diventa bello e quasi lecito ammazzare qualcuno. Nei videogiochi la vita non ha più valore!
    Dico a Scrutatrice:È vero che con il matrimonio non si scherza (anche se lo fanno moltissimi – intanto poi c’è il divorzio) ma non si dovrebbe neppure scherzare con la “pelle” della gente. Ci si trova obbligati a prendere il male minore.

    Mi piace

  7. marisamoles said,

    @ quarchedundepegi

    Mah, io non paragonerei questo “gioco” ai videogames violenti. Piuttosto al tamagogi, sai quel giochino elettronico in cui allevi un cucciolo e non lo devi far morire? Alla fine, tutti si stufano e ammazzano i cuccioli. Con l’AutoWed si ammazza l’amore. Sempre dal mio punto di vista, è ovvio.

    Mi piace

  8. Quarchedundepegi said,

    Hai ragione. Purtroppo certi valori vanno “a farsi benedire”.

    Mi piace

  9. frz40 said,

    Chissà poi perché si ammazza l’amore. Sarà una gag un po’ scema, ma tutto lì.

    Concordo 100% con quarc.

    Mi piace

  10. marisamoles said,

    @ Quarc e frz

    Uomini poco romantici! 😥

    Mi piace

  11. Quarchedundepegi said,

    L’essere romantici è un’altra cosa. Considerando come oggi gira il mondo, dato che non potremo noi cambiarlo, possiamo solo sorridere. Dato che sorridere fa bene, miglioriamo il benessere generale. Ti va bene Marisa. E ridi un po’… che fa bene anche a te.

    Mi piace

  12. marisamoles said,

    @ Quarchedundepegi

    Su questo ti do ragione. 🙂

    Mi piace

  13. Stefano said,

    Mi sembra che alcune persone abbiano molta confusione sul romanticismo. Al di là del’ aspetto filosofico (come tutti i concetti umani anche il romanticismo è inventato a nostro uso e cosumo ed è suscettibile di infiniti significati, uno per ogni persona), mi pare che si sia frainteso il significato basilare. Romanticismo non significa necessariamente matrimonio in chiesa, fiori, cioccolatini, ed altri stereotipi di questo tipo. Il senso del romanticismo si sintetizza in “è bello ciò che piace”. Perciò QUALUNQUE cosa può essere o non essere romantica. Se ad entrambi i partners della coppia la cosa piace è romantica, se anche ad uno solo dei due non piace non è romantica. Romantico può per esempio essere incontrarsi nel luogo del primo appuntamento, fosse anche una discarica, se è lì che i due sentono essere iniziato il loro amore ed è lì che vogliono incontrarsi. Non ci sono regole, se non quelle stabilite esclusivamente dalle due persone innamorate. Cosa sia romantico e cosa non lo sia è un giudizio, e come tutti i giudizi (umani) è soggettivo. Quindi non ha senso dividersi in chi pensa che questa macchinetta sia romantica e in chi pensa non lo sia. Tutti, con una sufficiente apertura mentale, possiamo fare parte di entrambi i gruppi, a seconda delle circostanze. Con un partner e/o in una determinata circostanza la macchinetta può farci vivere una bella esperienza, romantica; con un altro partner e/o in altre circostanze invece può essere una bella esperienza ma non romantica o anche una brutta esperienza.

    Mi piace

  14. marisamoles said,

    @ Stefano

    Scusa se la replica arriva in ritardo, ma fra un commento e l’altro e due blog da gestire, mi sono persa. 😦

    Comunque, qui è inutile aggrapparsi all’etimologia e al significato dell’aggettivo “romantico” … si potrebbe scrivere un saggio. La questione è: a chi può interessare un “gioco” così? Ai miei tempi (ma credo anche oggi, stando almeno a ciò che vedo in famiglia con i figli) si usava scambiarsi una veretta, d’oro o d’argento a seconda delle possibilità economiche o dell’intenzione di fare le cose sul serio o meno, ed era un modo per dirsi “ti amo e voglio avere un futuro con te”. Il matrimonio, però, è un’altra cosa. E su questa cosa, a mio modesto parere, non si scherza. Detto questo, non vedo nessun lato romantico nella macchinetta o nelle “fedi” di plastica che vengono rilasciate. Mentre, come dici tu, può essere romantico anche un cantiere in costruzione se lì è successo qualcosa come preludio ad un’unione. Il riferimento non è casuale: mio marito è geometra quindi mi portava in giro per cantieri e proprio in uno di questi ci siamo scambiati il primo bacio. 🙂

    Mi piace

  15. Stefano said,

    Mi sorprende che proprio tu che trovi romantici i cantieri… sconfini nel desiderio di imporre agli altri quale sia la visione che devono avere rispetto alla fede, ai giochi e al matrimonio. Voglio sperare che si tratti di un retaggio cattolico che sta per scomparire.

    Non ha alcun senso ed alcuna utilità stabilire a priori se la macchinetta in questione possa interessare a qualcuno. Qualcuno l’ha prodotta e chi vorrà la utilizzerà, credo che la libertà sia un bene che nemmeno tu vorresti togliere alle altre persone, se ci pensi bene.

    Se poi tu vuoi introdurre un concetto di bene superiore, assoluto, ovvero Dio nella visione cattolica, allora finisci col ritenere improprio scherzare sul matrimonio, forse piu per le convinzioni dei preti (ovvero del papa) che per le tue personali.

    E’ questione di premesse. Tu le hai, io non le ho. Perciò per me il giudice ultimo legittimato a scegliere per la propria vita e a decidere cosa sia bene e cosa sia male è l’ individuo stesso.

    Io concedo agli altri la stessa libertà che concedo a me. Quindi per me hai tutto il diritto di trovare inopportuno scherzare col matrimonio, così come per me un’altra persona con idee diverse ha tutto il diritto di scherzare sul matrmonio.

    Personalmente non so se utilizzerei la macchinetta in questione, dipenderebbe dall’umore del momento mio e della mia compagna. Credo che comunque nemmeno Dio si arrabbierebbe. Penso che le regole sul matrimonio derivino più dalla società del tempo che da Gesù, e che in ogni caso abbiano una valenza pratica e non assoluta. Tradotto, siccome oggi non è considerato socialmente scandaloso vivere insieme senza essere sposati, ecco che si può vivere una relazione seria anche senza necessità di sposarsi e senza necessità di fuggire quando si vede la macchinetta in questione 🙂

    Mi piace

  16. marisamoles said,

    @ Stefano

    Veramente sono io che mi sorprendo: se avessi letto il post che ho linkato all’inizio di questo, non avresti parlato così. E poi, che c’entra il matrimonio, visto come qualcosa di serio, con la religione? Anche il matrimonio civile è una cosa seria. O no?

    Quanto al ritenere romantico il cantiere, era solo per fare un esempio, seguendo il tuo ragionamento. Effettivamente non trovo romantici i cantieri ma sicuramente meno romatica ritengo la macchina dei matrimoni.

    Poi, cosa significa «sconfini nel desiderio di imporre agli altri quale sia la visione che devono avere … »? Io impongo? Ho solo espresso il mio parere così come tu hai espresso il tuo. Parli tanto di libertà, sarò libera di esporre il mio pensiero? Ciò non significa imporre un bel niente.

    Infine, «ecco che si può vivere una relazione seria anche senza necessità di sposarsi»: è esattamente quello che sostengo io. Forse l’articolo linkato ti è sfuggito. Lo trovi cliccando QUI.

    Mi piace

  17. Chiara said,

    Ma si triva solamente in America o c’èanche in Italia? 🙂

    Mi piace

  18. Chiara said,

    Trova* scusate!

    Mi piace

  19. marisamoles said,

    @ Chiara

    Sinceramente non ne ho mai viste qui in Italia. Non saprei, mi dispiace.

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like @ Rolling Stone

Immagini, parole e pietre lanciate da Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

Non vado a scuola ma all'asilo

Pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: