7 giugno 2011

VORREI CHE UN UOMO MI SPIEGASSE …

Posted in dieta, donne, moda tagged , , , , , , , , , a 4:34 pm di marisamoles

Due giorni fa ho dedicato un articolo alla cover di Vogue Italia di giugno, dedicata a tre modelle curvy … insomma, taglia 46, per intenderci. E anche oltre, a giudicare dal sederotto e dalle cosciotte ostentate da almeno due delle belle fanciulle in carne immortalate da Steven Meisel.

Insomma, era ora che venisse concesso un po’ di spazio anche a delle modelle non regular. A maggior ragione se tanta attenzione è stata rivolta alle curve da parte di una delle riviste cult della moda nel mondo. Anche se, come ho scritto nell’articolo precedente, ho trovato il servizio un po’ volgare. Certamente avrebbero potuto scegliere per le tre grazie abbondanti delle pose sexy ma non volgari, anche per dimostrare che la sensualità non è un appannaggio delle magre.

A proposito di magre, sono rimasta decisamente inorridita nel leggere alcuni commenti pubblicati sul sito di Vogue Italia. La scelta della rivista, d’altra parte, voleva essere soprattutto una provocazione. Oggigiorno, infatti, i grandi stilisti fanno sfilare solo le taglia 38: ragazze magrissime, spesso insignificanti, senza forme e con uno sguardo infinitamente triste, quasi imbronciato. Sembrano il ritratto dell’infelicità, quella che probabilmente è dettata da una vita (almeno una breve parte di essa, dato che la professione di modella ha i suoi tempi ben definiti) di rinunce. E non sono per nulla attraenti né sensuali.

Io non sono una che pensa solo alla buona tavola e che non è capace di trattenersi alla vista di torte al cioccolato o manicaretti vari. Non sono nemmeno una che dà all’aspetto fisico più importanza di quella che in realtà dovrebbe avere. Insomma, è giusto curarsi, tenere alla linea nel limite del possibile, cercare di muoversi piuttosto che poltrire su un divano, mangiare cibi sani e variare molto nella scelta degli alimenti. Un po’ di tutto, evitando certamente i cibi nemici della linea, pur facendo qualche strappo, ma non tanto di tutto. Insomma, basta regolarsi un po’ …

Ma qualche volta, effettivamente, non basta. Conosco donne magrissime che mangiano tre volte me, anche se a vederle sembrerebbe che facciano la fame. Insomma, madre natura ci mette lo zampino: in altri termini, si chiama “costituzione” ed è una questione genetica. Quando, però, si esprimono giudizi senza nemmeno conoscere le persone (ciò vale anche per chi è convinto dell’equivalenza “magra = anoressica”), la cosa mi fa andare in bestia.

È il caso di una lettrice che ha lasciato più commenti sul sito di Vogue Italia e che ho già riportato nello spazio discussione del precedente post.
Questa tale M.B., modella regular, sostiene che le modelle riprese da Meisel siano grasse da far schifo. Cosa che a me non pare: anche se le foto sono state sicuramente ritoccate, non vedo pance prominenti e rotoli strabordanti, né braccia flaccide o cosce tipo prosciutti di San Daniele. Complice anche il gioco delle luci e l’abbigliamento studiato per queste forme generose, le modelle (che per la “nostra” M.B. non sono nemmeno degne di questo nome) a me personalmente non sembrano assolutamente grasse da far schifo o come quelle che “si abbuffano di dolci e di cibo, senza contegno e senza pudore…”. Ma che ne sa lei se queste sono un po’ in carne perché si abbuffano o semplicemente perché non riescono a mantenere il peso forma per la loro costituzione?

Quello che decisamente non sopporto è il fatto di trarre facili conclusioni e di pensare di essere nel giusto mentre il resto del mondo la pensa diversamente. M.B., infatti, sostiene che «Magro è bello,magro è bello! Certo,non tutte le magre sono belle..ma le grasse belle non esistono».
Intanto, le magre magre (e devono essere tali visto che la commentatrice sostiene che quelle che indossano una taglia maggiore della 42 sono grasse) non sono affatto belle: cosa c’è di affascinante in due gambe e due braccia a stecchino o in un seno da prima o seconda misura? Se tutte pensassero che il seno ideale sia quello che sta nella coppa da champagne allora i chirurghi estetici potrebbero cambiar lavoro. Non dico quei seni da esibizioniste (intendo le quinte o seste non naturali), ma una terza-quarta ci sta bene, anche su un fisico asciutto. La tabula rasa non è per nulla attraente, coppa di champagne a parte. E poi i fianchi, da che mondo è mondo, sono sempre stati associati alla maternità, all’accoglienza di una creatura che cresce dentro la donna, un luogo caldo e accogliente. Altro che quella specie di tronco di pioppo cui assomiglia il corpo delle magre magre. Non è un caso se madre natura, quando una donna in età fertile è sottopeso, sospende il ciclo. Come potrebbe una che non nutre nemmeno se stessa nutrire un feto?

Passiamo all’abbigliamento. Quando vado a fare shopping, specie nel periodo dei saldi, sono felice di trovare perlopiù le taglie small ed extrasmall. Significa che le taglie dalla 42 in giù rimangono negli scaffali, capi appesi sulle grucce negli stand, in attesa di una magra che possa indossarli. Le altre taglie, invece, vanno via come il pane. Perché? Perché le forme hanno ancora un valore e, diciamolo, vestono meglio. Quando osservo le sfilate, a parte il fatto che nessuna donna normale se ne andrebbe per strada con certi capi, mi sembra che gli abiti sfilino addosso a delle grucce. Anche in questo caso il ragionamento della “nostra” M.B. è del tutto errato: «se una è magra come un chiodo certi abiti al massimo la fanno sembrare un po’ formosa..ma se una è già formosa,la fanno sembrare obesa». Ma non è vero! Io non vedo sfilare in passerella delle modelle rese formose dagli abiti, ci vorrebbe un’imbottitura creata ad hoc. Mentre una donna un po’ in carne, con l’abbigliamento giusto, fa la sua bella figura ed è elegante, altro che manici di scopa!

E ora, dulcis in fundo, un’altra affermazione della modella magra che disprezza le colleghe in carne: «se fossi un uomo non mi ecciterei con tutto sto grasso».

Ecco, io ora VORREI CHE UN UOMO MI SPIEGASSE CHE GUSTO C’E’ A TOCCARE SOLO PELLE E OSSA.

Annunci

16 commenti »

  1. Raffaele said,

    Parlo x me, si intende.Toccare un mucchio di pelle e ossa nn mi ha mai detto granchè, altro che eccitarmi, per intenderci parliamo sempre di prime impressioni ricevute tramite l’aspetto fisico, perchè poi a me è capitato nella vita di innamorami di una magrissima, ma non per questa sua caratteristica dell’aspetto fisico. Viceversa a prima vista una donna “in carne”, mi ha sempre fatto un gran sangue… 🙂
    Ciao

    Mi piace

  2. frz40 said,

    Ahi, ahi, ahi !!!! Mi sento tirato in ballo.

    Diciamo che “Est modus in rebus, sunt certi denique fines | quos ultra citraque nequit consistere rectum”(C’è una giusta misura nelle cose, ci sono giusti confini | al di qua e al di là dei quali non può sussistere la cosa giusta).
    (Quinto Orazio Flacco)

    O no?

    Mi piace

  3. marisamoles said,

    @ Raffaele

    Ohi, ciao! pensavo fossi ancora in vacanza! 😉

    Be’, mi fa piacere che apprezzi anche le donne in carne. Per quanto riguarda i sentimenti, be’ quelli condizionano un po’. Non ho detto che sia escluso che ci si possa innamorare di una magra magra; contestavo il fatto che un uomo potesse trovarla eccitante a prima vista.
    Io non amo i palestrati ma non mi piacciono un granché gli uomini grissino. Mio marito è uno di quelli e, in un primo momento, si può dire che non lo degnassi nemmeno di uno sguardo (non so se te l’ho detto, lavoravamo nella stessa radio privata locale). Poi, però, l’ho apprezzato per altre doti ed è logico che la sua magrezza non abbia pregiudicato la relazione che dura ormai, tra alti e bassi, da quasi 32 anni.

    Fatto sta che LUI ha apprezzato ME moltissimo nonostante i miei chiletti in più. 🙂

    @ frz

    Ma come? Non hai detto che a te piaccion tutte?

    Ma è ovvio che “in medio stat virtus” … comunque non hai effettivamente risposto alla mia domanda.

    Ahi ahia ahi, questi uomini tergiversano … 😉

    Mi piace

  4. frz40 said,

    Ma quel che conta è ciò che hanno nel cuore……. 😀

    O no?

    Mi piace

  5. LadyPaola said,

    Concordo con te Marisa! gli abiti vestono sicuramente meglio con un seno intorno alla terza/quarta… a me che porto una prima e mezzo stanno malissimo! 😉

    Mi piace

  6. trippi said,

    Penso che ognuno di noi sa benissimo qual’è il suo peso forma. Personalmente quando salgo o scendo dai miei 48-49 kg ideali so che corro il rischio di non sentirmi a mio agio con certi abiti. Non mi piace quando prendo 2 o 3 chiletti in più e cerco di smaltirli, ma mi piaccio ancora meno quando scendo sotto quella soglia. Nel primo caso mi spuntano due angoli sui fianchi, nel secondo il viso appare subito tirato e abbruttito (oltre che dimostrare tutti gli anni!).

    Mi piace

  7. marisamoles said,

    @ frz

    Bugiaaaaaaaaaaaaaa !!!!!!!!!!!!!!!!! 😀

    @ Lady Paola

    Prova il push-up: fa miracoli! 🙂

    A parte gli scherzi: qui si sta parlando di modelle che vogliono a tutti i costi essere magre e si convincono che loro sono strafighe e le altre una schifezza. Chi, invece, ha la fortuna di essere magra di suo, senza tanti sacrifici, si deve accettare e può, in ogni caso, valorizzare la silhouette anche compensando ciò che madre natura non ha donato con generosità: una bella collana, un paio d’orecchini, un foulard, un trucco curato, sobrio ed elegante, in tinta con l’abbigliamento … insomma, qualcosa che allontani lo sguardo dalla parte del corpo che non apprezziamo. Io ho la fissa dello smalto sulle unghie (ma già lo sai 😉 ): spero sempre che guardando le mie mani lo sguardo si distolga dalla pancetta …

    Mi piace

  8. marisamoles said,

    @ Trippi

    48-49 chili? Spero tu non sia alta un metro e ottanta!
    E’ vero: in certo casi il dimagrimento si nota di più sul viso che non nelle parti in cui vorremmo effettivamente calare. Dopo una certa età, infatti, le rughe non risparmaino nessuna, se è troppo magra. Meglio un bel viso florido e senza rughe. Guarda, ad esempio, Barbara De Rossi: da quando è dimagrita dimostra gli anni che ha … altro che fidanzato trentenne! Con lui a fianco la differenza d’età si vede, eccome.

    Mi piace

  9. Gianni said,

    Oddio una delle modelle in effetti è un pò troppo big per i miei gusti 😀
    La risposta alla domande, in my humble opinion, è che non vi è alcun gusto(se gusto è la parola adatta :)) da parte di un uomo a toccare pelle ossa; secondo il mio punto di vista un fisico “interessante” sarebbe questo, anche se ha più addominali del 70% degli uomini italiani…:D

    Mi piace

  10. marisamoles said,

    @ Gianni

    Buoni gusti, non c’è che dire. 🙂

    Mi piace

  11. frz40 said,

    A me basta che respiri….. 😀

    Mi piace

  12. marisamoles said,

    MA NOOOOOOOOOOOOOOOOOO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! 😯

    Mi piace

  13. Antonello said,

    Nessun gusto, almeno per me. E’ vero che il sentimento prevalica dimensioni, peso, massa…quello che conta è non farsi influenzare da stereotipi standardizzati. La donna, nela sua essenza, è già bella. Il resto è solo un semplice contorno.

    Mi piace

  14. Diemme said,

    “Sì è sempre detto che bel pezzo di carne e mai che bel pezzo d’osso”.

    Antico detto, alla faccia delle magrissime! 😛

    Mi piace

  15. marisamoles said,

    @ Diemme

    Vero. E aggiungo: tiè … alle magrissime, naturalmente.

    Mi piace

  16. Diemme said,

    😀

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like @ Rolling Stone

parole, pensieri e pietre di Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

Non vado a scuola ma all'asilo

Pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: