22 aprile 2011

NATALE CON I TUOI E PASQUA … ANCHE!

Posted in affari miei, Buona Pasqua, famiglia, figli tagged , , , , , , , a 5:17 pm di marisamoles


La mia è sempre stata una famiglia unita. Unita e allargata, ma non nel senso che intendiamo noi oggi. I miei genitori sono sposati da cinquantotto anni, nessun/a nuovo/a compagno/a, nessun/a figliastro/a, nessun divorzio in famiglia, almeno nell’ambito della parentela diretta.
I miei genitori hanno sempre attribuito un valore profondo all’unità familiare. Sono stati l’elemento di coesione tra il nostro nucleo familiare (mamma, papà, figlio, figlia, nonna) e il resto del parentado. Fin da giovanissimi, i miei hanno sempre frequentato i cugini di entrambi e da questa amicizia sono nati dei matrimoni stranissimi, almeno ai miei occhi di bambina: mia nonna e una delle sue sorelle, ad esempio, hanno sposato due fratelli; uno dei cugini di mia mamma ha sposato la sorella di mio papà; una cugina di mia mamma ha sposato il fratello di mio papà. Insomma, come dice spesso mio marito, che mai è riuscito a destreggiarsi tra l’intricata parentela, un bel casino. Nel senso buono, naturalmente.

Ad ogni festa comandata, ci si incontrava tutti, a casa dell’uno o dell’altro. La domenica si usciva tutti assieme e io potevo giocare con le mie cugine, cosa che gradivo particolarmente avendo un fratello più grande che non è mai stato per me un compagno di giochi. D’estate si andava al mare la domenica e ogni famiglia portava qualcosa: ricordo ancora le lasagne della zia paterna e i dolci di quella materna, oltre, naturalmente, alle superbe melanzane impanate di mio papà. Un menù poco adatto per una giornata al mare, ma si usava così.

Due alberi genealogici che s’incrociavano, fino a formare un’unica grande pianta dai rami rigogliosissimi. Eh sì, perché, avendo dei cugini molto più grandi di me, ho vissuto la nascita dei pro-cugini e anche loro sono stati per me compagni di giochi. Diciamo che per loro io ero una specie di piccola mamma: me li stringevo al petto, li cullavo, fino ad addormentarli, cantavo per loro sulle note del juke box. Ho manifestato con loro i primi segni della mia vocazione: fare la mamma. Poi sono cresciuti e le mie cugine me li mandavano a lezione, intuendo fin d’allora che avevo un’altra vocazione: quella dell’insegnante.

Quando ripenso a come sono cresciuta io, un po’ mi sento in colpa nei confronti dei miei figli. D’altra parte, riflettendoci, non è stata del tutto colpa mia. Loro non sono cresciuti in simbiosi con i cugini, un po’ per la distanza (siamo, infatti, un po’ sparsi qui e là, non viviamo tutti nella stessa città) e un po’ perché nella famiglia di mio marito non c’è mai stata una frequentazione assidua con gli zii e i cugini. L’incontravo, e li incontro, solo in occasioni particolari: matrimoni, battesimi, anniversari, comunioni, cresime e funerali. Come se fosse una specie di parabola: nascita, crescita e morte. Non è il massimo, effettivamente.
Così i miei figli non hanno dei rapporti speciali, come li ho avuti io, con i loro cugini. Si sentono, si scrivono messaggi, a volte si incontrano per qualche ritrovo. Nulla di più.

Pensando alle feste, come ho detto, ci si trovava sempre tutti assieme: Natale o Pasqua, non faceva differenza. Per questo, almeno fino all’adolescenza, non ho mai pensato che ci fosse alcuna distinzione tra una festa e l’altra, nel senso che davo per scontato che si dovesse passare tutti assieme entrambe le ricorrenze. Crescendo, soprattutto dopo aver incontrato mio marito, ho iniziato ad allontanarmi da casa per Pasqua, ma andavo in montagna con quelli che poi sono diventati i miei suoceri e con le cognate. Sempre in famiglia stavo.

Dopo il mio matrimonio, le cose non sono granché cambiate. Solo nel 1986, appena sposati, siamo andati a Roma per Pasqua, a trovare una coppia che avevamo conosciuto durante il viaggio di nozze. Poi, dopo la nascita dei figli, la regola era: il giorno di Pasqua con i miei e il Lunedì dell’Angelo con i miei suoceri. Regola che raramente abbiamo trasgredito (solo un anno siamo andati da soli, con i bambini, sulla riviera romagnola), anzi, più volte abbiamo festeggiato la Pasqua tutti assieme, con genitori e suoceri. Naturalmente quasi sempre mio fratello si è unito a noi.

I miei figli, invece, fin dall’adolescenza hanno fatto proprio il famoso detto “Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi”. D’altra parte è giusto che sia così. E proprio per rispettare la “mia” tradizione sono in partenza per l’Austria con mamma, papà, fratello, cognata, nipote e fidanzato, e naturalmente mio marito. Noi non trasgrediamo, i miei figli sì. Ma va bene così.

Colgo l’occasione per augurare una FELICE PASQUA A TUTTI.

[immagine tratta da questo sito]

Advertisements

12 commenti »

  1. Bè, buon viaggio e tanti auguri di buona Pasqua! 🙂

    Mi piace

  2. marisamoles said,

    @ Scrutatrice

    Grazie, auguri anche a te. 🙂

    Mi piace

  3. frz40 said,

    Auguri, Auguri !!!!

    Mi piace

  4. lordbad said,

    Mi piace il post! Inoltre cogliamo l’occasione per fare gli auguri di Buona Pasqua…Conigliosa….!!!

    Spero avrai modo di ricambiare la visita sul nostro blog Vongole & Merluzzi!

    Ricorda: il Grande Coniglio ci ama!

    Mi piace

  5. cavaliereerrante said,

    Buon viaggio, cara Lady @Marisamoles, i miei auguri pasquali ti giungono con ritardo, ma non con minore affetto, stima e apprezzamento per ciò che sei e fai !
    Ti sia lieta la permanenza in Austria ed il ritorno, liete le tue incombenze alla ripresa dell’ insegnamento, lieto il tuo continuo apprendere ed insegnare ai tuoi amati studenti, le incomparabili bellezze della nostra lingua madre, la lingua di Ennio e Lucrezio, di Cicerone e Virgilio, di Orazio e Ovidio, di Seneca e Tito Livio, di Plinio e Tacito e dei tantissimi altri che ci fanno amare il vivere 🙂 !
    Un abbraccio !

    Mi piace

  6. marisamoles said,

    @ frz

    Grazie, auguri anche a te e a tutti i tuoi. 🙂

    @ lordbad

    Letto il post: molto carino. Contraccambio gli auguri. Grazie per essere passato.

    @ Cavaliereerrante

    Breve gita nell’incantevole e ospitale Carinzia già finita. 😦
    Contraccambio gli auguri e ti ringrazio per la stima e l’apprezzamento che mi dimostri. Ma ti chiedo: perché, visto che ho ancora un giorno di vacanza, mi ricordi che poi devo ritornare al duro, anche se amatissimo, lavoro?!?
    Un abbraccio anche da parte mia. 😀

    Mi piace

  7. cavaliereerrante said,

    Eh … Lady @Marisa … perchè ?!?
    Melius cogitare antea, quam postea lugère !
    😀

    Mi piace

  8. marisamoles said,

    @ Cavaliereerrante

    Etiam nunc lugeo cogitando. 😦 Soprattutto se penso al pacco di compiti che non sono riuscita a correggere. D’altra parte, il clima gioioso della Pasqua austriaca poco si addiceva alla correzione dei compiti di Latino. Quindi, piangerò meglio domani. Ora vado a nanna.

    Buona notte.

    Mi piace

  9. Diemme said,

    Cara amica, che bello spaccato familiare che ci hai offerto, e quanti ricordi hai risvegliato!

    Anche la mia famiglia funzionava così, un po’ perché era la normalità dei tempi, un po’ per una tacita regola di endogamia piuttosto rispettata nella comunità ebraica, almeno quella di Roma, e quindi pure noi avevamo gli alberi genealogici piuttosto intrecciati; difficile che non si fosse parente di qualcuno, e capitava anche che qualcuno ti fosse contemporaneamente parente sia da un lato che dall’altro della famiglia, magari zio da parte di padre e cugino da parte di madre. Anche nella mia di famiglia divorzi non se ne conoscevano, le famiglie erano grandi e legatissime, e quella è l’idea di famiglia con cui sono cresciuta.

    I tempi poi, ahimé, sono cambiati. L’arrivo degli ebrei di Tripoli ha portato linfa nuova alla comunità ma, al di là di questo, è stato soprattuto una questione di tempi che cambiano, e di confini e mentalità che si sono decisamente allargati. Matrimoni misti a gogò, e col progresso se ne sono andati sia l’aspetto negativo della mentalità ristretta, sia il positivo della solidità familiare: ma il progresso non si può fermare, anche se più che progresso la cambierei semplice evoluzione, metamorfosi e trasformazione.

    Mi piace

  10. marisamoles said,

    Più che una consuetudine dettata da tradizioni religiose ( i miei sono cattolici, anche se mia nonna, portando un cognome “di città” deve aver avuto qualche antenato ebreo), quella dei miei era veramente sentita come conseguenza di un legame di amicizia speciale che stringeva persone apparteneneti alle diverse famiglie. Se poi dall’amicizia sbocciava qualche amore, a maggior ragione i legami diventavano più stretti. Ma io da bambina non riuscivo a capire il valore di questa mia famiglia speciale. Lo capisco solo ora e capisco anche che i tempi sono cambiati e c’è un diffuso egoismo che porta a pensare solo a sé stessi. Le famiglie, anche i rami diretti, non s’incontrano più. Un gran peccato.

    Grazie per aver apprezzato il mio post rievocativo dei tempi che furono. Un abbraccio.

    Mi piace

  11. miulan said,

    ciao mi è piaciuto molto il tuo blog. io mi sono iscritta da poco. ti va di darmi una tua opinione sul mio blog? se l’ho costruito bene?

    Mi piace

  12. marisamoles said,

    @ miulan

    Ciao e grazie per l’apprezzamento! 🙂

    Ho dato un’occhiata al tuo blog ma, per un motivo che non comprendo, la visualizzazione è strana, come se fosse una pagina di editing … non so spiegartelo. Però ho notato che in questi ultimi giorni WordPress è terribilmente lento e non so perché, ma ogni tanto lo fa.
    Se vuoi qualche consiglio “tecnico” (sempre nel limite delle mie modeste possibilità!), scrivimi pure all’indirizzo che trovi QUI.

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like@Rolling Stone

Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

Non vado a scuola ma all'asilo

Pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: