14 marzo 2011

IL GIAPPONE DELLE DONNE

Posted in cronaca, cultura, donne tagged , , , , , a 5:35 pm di marisamoles


Della tragedia che ha colpito il Giappone si è scritto di tutto e molto si scriverà ancora per giorni, settimane, forse mesi. Al di là della cronaca, che si può leggere su tutti i giornali e vivere attraverso i filmati e i fotogrammi che ci arrivano ora dopo ora da un Paese distrutto dal dolore, prima ancora che dai danni materiali, non si può dire nulla di questa immane tragedia. Nulla che non sia scontato e che possa apparire retorico, cose dette per circostanza, niente di più.

C’è un articolo sul Corriere.it, firmato da Laura Cuppini, che ha attirato la mia attenzione. Parla delle donne giapponesi, belle, forti, eleganti, mai volgari. Travolte dalla catastrofe si sapranno rialzare, come sanno fare i giapponesi, uomini e donne che siano. Senza dimenticare, però, le decine di migliaia di morti che forse nessuno mai si sarebbe aspettato, in un Paese all’avanguardia per quanto riguarda i sistemi antisismici, un Paese che ha sempre guardato avanti e mai si è pianto addosso, nemmeno dopo la terribile esperienza della bomba atomica. Quella catastrofe, però, era opera dell’uomo, questa è opera della natura che i giapponesi hanno sempre rispettato e con cui sono vissuti sempre in simbiosi. Questa volta la Natura non è stata equa, non ha contraccambiato l’Amore che i nipponici le hanno sempre donato, disinteressatamente, e che continueranno a donarle.

Riporto di seguito alcuni brani dell’articolo della Cuppini, che potete leggere integralmente QUI:

IN GIAPPONE, CON IL CUORE

Cosa avrebbero fatto le eroine di Hayao Miyazaki trovandosi di fronte alla inimmaginabile tragedia che ha colpito il Giappone?

La piccola Chihiro (“La città incantata”), Nausicaä (che salva il mondo dalla distruzione definitiva e riporta la pace tra uomini e natura in “Nausicaä della Valle del vento”), la Principessa Mononoke, la bambina-vecchia Sophie del “Castello errante di Howl” che grazie alla sua bontà riesce a immaginare un’alternativa alla logica della guerra, Satsuki e Mei, le due indimenticabili sorelline di “Il mio vicino Totoro”, le sole in grado di vedere e comprendere la meravigliosa magia della natura. E Ponyo, la bambina-pesce, che involontariamente causa un terribile tsunami per essersi innamorata di un piccolo umano ed è costretta a superare una difficile prova per ristabilire l’equilibrio tra terra e mare. Cosa avrebbero fatto queste piccole grandi donne davanti a un terremoto che potrebbe aver ucciso decine di migliaia di persone? Avrebbero trovato un modo per riappacificarsi ancora una volta con la natura? […]

Vedendo le foto di queste donne e uomini con i volti impietriti ma fermi, con in braccio pochi oggetti e i loro amati animali, che cercano di soccorrere chi ha bisogno, è impossibile restare indifferenti. Penso alle donne che ho incontrato nel mio viaggio in Giappone, l’anno scorso: bellissime e curate fino quasi alla perfezione, eleganti, mai volgari, spesso sinceramente interessate alla vita e ai pensieri di chi hanno di fronte (nonostante la difficoltà di capirsi in inglese), intelligenti, discrete. Ragazze in tailleur o che sembrano uscite dai manga, anziane in forma smagliante che fanno lunghe camminate sui monti o abluzioni alle terme. Geishe per le strade, giovani con i bellissimi kimono a fiori nei giorni di festa. Donne (e uomini) che passano delle ore a osservare, fotografare o ritrarre meravigliose aiuole fiorite nei giardini pubblici, curati nei minimi dettagli dai guardiani dei parchi. Una simbiosi con la natura che si percepisce nel centro di Tokyo, come nel più sperduto paesino tra i monti.

“Presto, riportala al mare o richiamerà uno tsunami” dice un’anziana a Sōsuke, che ha preso con sé la pesciolina Ponyo per farla diventare, come lei desidera, una bambina. “Usa la magia a suo piacimento, ha finito per aprire una voragine sul mondo” grida il padre della pesciolina, Fujimoto, un tempo uomo e ora stregone che vive negli abissi. Subito dopo si scatena il finimondo: onde altissime, fatte di enormi pesci che si confondono con il blu del mare, e che rischiano di travolgere tutto. Il mare prende il sopravvento sulla terra e le leggi della natura sembrano non esistere più. Alla fine ogni cosa torna al suo posto e Ponyo diventa umana. Nell’ultima immagine del film la bambina Ponyo sta in bilico sul naso di Sōsuke. E il bambino pensa (senza formulare la domanda): “Ma non aveva perso i superpoteri?”. Miyazaki ci parla di questa grande tenerezza, di un infinito amore tra uomo e natura. Un amore non privo di incomprensioni, ma sempre capace di tornare all’armonia. Sarebbe bello pensare che anche questa volta è così, ma la tragedia sembra davvero troppo grande.

A tutti i giapponesi, donne e uomini. Il nostro cuore è con loro.

[nella foto sotto il titolo: Una superstite a Ishimaki (Reuters); per vedere le altre foto del terremoto in Giappone, CLICCA QUI]

Annunci

7 commenti »

  1. La cosa che più mi ha sorpreso di tutta questa storia è stata che i giapponesi (uomi e donne) hanno reagito tutto sommato…bene. Non si sono scomposti più tanto o afflitti senza più alcuna possibilità di recupero. Hanno proseguito la loro vita, come se niente fosse.

    Mi piace

  2. marisamoles said,

    @ Scruty

    Be’, certo nei luoghi dove il terremoto e il maremoto non hanno fatto disastri la vita scorre tranquilla come sempre. Laddove, invece, il sisma ha colpito maggiormente, il dolore c’è ma quello che si nota è la compostezza dei giapponesi, la loro dignità che non va mai persa. E poi il loro senso del dovere che viene prima di tutto.

    Ricordo che molti anni fa su un libro di geografia ho letto con i miei allievi un brano che parlava del Giappone e dei terremoti. C’era anche una sorta di statistica e, fra le altre, veniva riportata la domanda (evidentemente rivolta ad un giapponese): “Nel caso di una scossa particolarmente violenta, cosa fa se si trova per strada mentre si sta recando al lavoro: telefona a casa per chiedere come stanno i suoi familiari o in ufficio per avvertire che ritarda?”. C’è bisogno che ti dica quale opzione è stata la più gettonata? Credo di no.

    Mi piace

  3. frz40 said,

    Sul mio blog ho dedicato anch’io un post a questa immane tragedia, causata non tanto dal terremoto in sé, in quanto i sistemi antisismici hanno sostanzialmente tenuto, quanto dalla forza d’urto dello tsunami.
    Ho utilizzato anch’io l’immagine di due donne per testimoniare il dolore di questo popolo che, però, saprà reagire meglio di ogni altro: uomini e donne. Ne sono certo.

    Mi piace

  4. marisamoles said,

    @ frz

    Anch’io ne sono certa. Questa consapevolezza, però, non attenua il loro dolore e la nostra commozione. Che Dio, qualunque esso sia, li aiuti.

    Mi piace

  5. I giapponesi mi stupiscono sempre di più. Forse qualche volta dovremo prendere esempio da loro.

    Mi piace

  6. P.S. Ti ringrazio di avermi aggiunto nel blogroll!

    Mi piace

  7. marisamoles said,

    @ Scruty

    Sì, dovremmo prendere esempio da loro.

    Prego. Ho ricambiato la gentilezza. 🙂

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like @ Rolling Stone

Immagini, parole e pietre lanciate da Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

benvenut* su alerino.blog

pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di critica, di autocritica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: