29 gennaio 2011

LA MIA COMPAGNA DI BANCO

Posted in affari miei, amicizia tagged , , , a 4:36 pm di marisamoles


Lei era diversissima da me, a partire dai caratteri somatici: capelli castani, occhi scuri, carnagione olivastra, non molto alta, magrissima … mentre io ho i capelli biondi (ora forse non troppo ma allora sì), gli occhi azzurri, la carnagione chiara, un’altezza media, né spilungona né nana, decisamente non magrissima, ahimè.

Per carattere, poi, eravamo il giorno e la notte: lei particolarmente seria, piuttosto permalosa, molto timida (specialmente con l’altro sesso), introversa … io, invece, allora ero sempre allegra, un po’ permalosa ma non troppo, espansiva (specialmente con l’altro sesso), estroversa.
A scuola lei se la cavava abbastanza ma le versioni di latino e greco gliele passavo quasi sempre. Alla fine, alla maturità ottenne il mio stesso voto e a me sembrò un’indicibile ingiustizia. Forse, senza che ce ne rendessimo conto, da lì le nostre strade hanno iniziato a dividersi, per non incontrarsi mai più. All’inizio avevo pensato che la nostra amicizia si fosse spenta come una candela che si consuma lentamente: io avevo cambiato città per proseguire gli studi all’università e i momenti d’incontro erano sempre più rari. Poi, a febbraio, il nostro legame, già agonizzante, finì per sempre. Ripensandoci, il motivo della rottura fu davvero ridicolo, ma lei se la prese come se avessi commesso nei suoi confronti l’offesa più grande.

Siamo state compagne di banco per cinque anni al liceo ma in realtà ci conoscevamo fin dalla prima elementare. A quei tempi non sedevamo allo stesso banco (allora non esistevano proprio i banchi a coppie) ma ci vedevamo spesso anche al di fuori della scuola. Poi, per i tre anni delle medie abbiamo frequentato scuole diverse ma non ci siamo mai perse di vista: ci incontravamo due volte alla settimana al corso d’inglese. Quando decidemmo entrambe di iscriverci al classico, scegliemmo lo stesso liceo e chiedemmo di essere messe nella stessa sezione. Ormai la nostra era un’amicizia e, per il principio degli opposti che si attraggono, siamo diventate inseparabili.

D’estate, ci si incontrava al mare, a Lignano Sabbiadoro. Anche se stavamo in posti diversi, affrontavo venti minuti di camminata sotto il sole cocente delle due di pomeriggio per stare con lei. Poi, in agosto, lei andava in montagna e ci si rivedeva solo a settembre inoltrato, visto che la mia famiglia passava la prima quindicina del mese in un’altra località montana.
Allora non c’erano i telefonini né internet né sms. Ci si scriveva semplicemente una cartolina, a volte delle lettere, e si passava buona parte dell’estate aspettando il momento del nuovo incontro, sempre pronte a raccontarci le novità, specialmente i nuovi amori. Lei era sempre molto cauta nell’affrontare i legami. Perlopiù se li immaginava, sognava ad occhi aperti, riempiva i diari scrivendo il nome dell’innamorato di turno, ma non erano mai legami veri. Era più portata per gli amori platonici. Forse per questo reagì in modo inaspettato quando le confidai la mia prima volta: non dimenticherò mai lo sguardo severo, come volesse dire “ti sei buttata fra le braccia del primo venuto”. Non era stato così e i fatti mi diedero ragione. Probabilmente era solo invidia.

Anch’io la invidiavo, specialmente per i bei vestiti, sempre comprati nelle migliori boutique. Le invidiavo i capelli, così folti, e cercavo di imitarne il taglio senza capire che il “ciuffo” davanti non sarebbe mai stato come il suo, nemmeno lo stesso parrucchiere poté compiere il miracolo. I miei capelli biondi e sottili non potevano competere con la sua folta chioma scura.
Le invidiai soprattutto la prima pelliccia che sfoggiò all’inizio del liceo: una volpe bianca, bellissima. Anch’io chiesi una pelliccia ai miei e, come erano soliti fare, mi accontentarono. Ma il mio umile lapin non poteva competere con la sua aristocratica volpe.
Una cosa non riuscivo a comprendere: come potesse andare in giro con i jeans indossati sotto quella magnifica volpe, portando ai piedi le scarpe da ginnastica (che allora non andavano tanto di moda come adesso) e sotto il braccio una copia dell’Unità. Proprio non lo capivo. Mi sembrava il massimo dell’incoerenza.

Condividevamo le stesse passioni, prima fra tutte quella per il teatro. Avevamo lo stesso turno di abbonamento per la prosa e insieme abbiamo visto così tanti spettacoli! Quando, un po’ cresciute, ottenemmo il permesso di fare un po’ più tardi la sera, alla fine della rappresentazione andavamo a bere qualcosa al caffè Politeama e ci scambiavamo i commenti su ciò che avevamo visto.
La domenica pomeriggio si andava a ballare ma non in discoteca, come adesso. Allora chi aveva un garage, lo allestiva con gli spot colorati, le luci psichedeliche e l’impianto stereo e organizzava i festini, dietro compenso di una modica cifra. Noi ragazze ci andavamo da sole e lì nascevano gli amori. Lei non era assidua perché la domenica i suoi la portavano a pranzo fuori, spesso fuori città. Non ho mai capito se fosse obbligata o se semplicemente le facesse piacere passare la domenica con i genitori. Certo è che, come ho già detto, per lei era molto problematico l’approccio con l’altro sesso, quindi alle feste forse non si divertiva più che tanto.

Una volta fui invitata ad un loro pranzo domenicale. Ci recammo in un ristorante molto chic, rinomato soprattutto per la bontà e la varietà dei vini, trovandosi in una località di campagna nella pianura friulana. Ricordo i camerieri che, con tanto di guanti bianchi e divisa accuratamente stirata, stavano attorno al tavolo pronti a versare del vino non appena i bicchieri si svuotavano. Ad ogni portata veniva servito un vino diverso, così alla fine abbiamo mescolato i bianchi con i neri, finendo con un meraviglioso fragolino che accompagnava il dessert. Stranamente non ricordo nemmeno una pietanza di quel pranzo. Rammento benissimo, però, che io e lei cantavamo a tavola, sotto lo sguardo allibito degli avventori e, soprattutto, dei suoi genitori. I canti proseguirono, poi, per tutto il viaggio di ritorno in macchina. Ubriache è il termine esatto. Ma fortunatamente era una sbornia allegra, non una di quelle che fanno star malissimo e vomitare in continuazione.
Fu la prima e unica volta che i suoi mi invitarono a pranzo. Devono aver pensato che fossi una beona mentre invece non amavo affatto bere. Non so cosa mi prese, forse ero solo felice di stare con lei e lei, a sua volta, era felice di avermi al suo fianco per rompere la monotonia dei pranzi domenicali con mamma e papà.

Suo papà era un uomo molto riservato e parecchio più vecchio della moglie. Quest’ultima era bellissima ed era diventata mamma a soli diciannove anni. Ricordo che il primo giorno di scuola, in prima elementare, la vidi e la confrontai con mia mamma che, seppur bellissima anche lei, era decisamente più “vecchia”. Credo che le invidiassi quella madre bellissima e giovanissima, ma non riuscii mai a stabilire un rapporto aperto con lei. Anche quando telefonavo e rispondeva la madre, ero sempre superformale: mi presentavo, chiedevo cortesemente che mi venisse passata la mia amica, ringraziavo e attendevo che lei raggiungesse la cornetta, sentendo la signora che la chiamava con una voce che mi dava sempre l’impressione di essere contrariata. Immagino che fosse solo una mia fissazione, ma proprio perché mi fissavo che i genitori non approvassero la mia amicizia con la figlia, in casa loro mi sentivo sempre a disagio.

Dei nostri cinque anni di liceo, come compagne di banco, ricordo molte cose: i bigliettini che ci scambiavamo durante le lezioni meno impegnative, le battaglie navali nell’ora di religione, la sua rinite allergica che la costringeva a tenere sempre nell’astuccio delle penne il Deltarinolo che si spruzzava di tanto in tanto nelle narici. Pregavo che mi venisse il raffreddore per potermi spruzzare lo stesso farmaco, ma la prima volta che lo provai mi fece un tale schifo che non osai mai più invidiarglielo. E poi lei aveva un difetto terribile che la metteva enormemente a disagio: forse per la sua emotività, per quel suo sentirsi perennemente in imbarazzo in ogni situazione, le mani le sudavano in continuazione, estate e inverno. A scuola, per non macchiare le pagine dei libri e dei quaderni, era costretta ad usare la carta assorbente che, normalmente, si utilizzava per asciugare l’inchiostro quando si scriveva con la stilografica. Comprai anch’io le carte assorbenti, anche se non ne avevo affatto bisogno.

Non ne sono sicura, ma credo di averla in qualche modo convinta a provare a fumare: lo facevano tutte, sembrava quasi discriminante non sottomettersi, almeno per provare, a quella sorta di rito di iniziazione. Iniziò a fumare anche lei, non molto però, ma, probabilmente, quanto bastò ai suoi per pensare che io la portassi sulla via della perdizione. O almeno a me sembrava che ci fosse sempre un atteggiamento ostile nei miei confronti da parte della famiglia.

Fu la prima a prendere la patente, essendo nata a febbraio. Un bel giorno arrivò a scuola con una Fiat 126 nuova fiammante, bianca. Non amava guidare ma non voleva rinunciare a sfoggiare quello che lei aveva e gli altri no. Era viziata, indubbiamente, ma nella mia classe c’erano parecchi figli di papà. Tuttavia lei era più viziata degli altri e credo fosse consapevole di essere oggetto d’invidia per molti. Doveva esserlo per forza dal punto di vista materiale, dato che madre natura non l’aveva dotata di una bellezza strabiliante. Eppure lei si faceva notare, eccome.

Già verso la fine del liceo i nostri rapporti erano diventati più distanti. Eravamo ancora compagne di banco (lo siamo sempre state a parte qualche periodo in cui ci siamo allontanate per degli screzi momentanei) ma molto meno amiche. Io avevo i miei “giri” e frequentavo gente che faceva già l’università. Lei non so. Probabilmente era molto sola ma io, tutta presa dalle nuove amicizie e già proiettata in quel mondo universitario in cui non vedevo l’ora di immergermi a capofitto, non mi curavo molto di lei.

Dopo il definitivo allontanamento, anche se c’eravamo già perse di vista da qualche tempo, di lei avevo sempre notizie. Non avevo mai capito perché si fosse arrabbiata a quel modo ma non le ho nemmeno mai telefonato. Questo è un mio terribile difetto: non faccio mai il primo passo. Comunque, avevo saputo che stava con un ragazzo, un tipo pure molto bello e ambito da molte. Non so quanto sia durato questo legame ma so che fu lei a lasciarlo. Credo ci fosse più di un motivo per pentirsene. Ma lei era fatta così. Quando era no, era no. E basta.

Dopo il mio matrimonio ci siamo incontrate una volta al Caffè degli Specchi, in piazza Unità d’Italia. Avevo avuto da pochi mesi il mio primogenito ed ero al banco del bar in attesa del cappuccino, quando mi sentii toccare leggermente una spalla mentre una vocina flebile diceva: “Signora, guardi, il bambino ha perso una scarpina”. Era una sorta di stivaletto in montone, senza nemmeno la suola rigida, visto che mio figlio ancora non camminava. Ricordo il gesto che quella signora premurosa fece nel porgermi la scarpina che aveva raccolto da terra e non dimenticherò mai il momento in cui i nostri sguardi s’incrociarono: era lei. Mi chiese: “è tuo figlio? Com’è essere madre?”. Una domanda decisamente insolita: come si fa a rispondere? Avrei voluto dirle che è la cosa più bella del mondo, una gioia indicibile, un’esperienza da non perdere, per nessun motivo al mondo. Ma osservando i suoi occhi scuri scuri che mi fissavano, in attesa di chissà quale rivelazione, riuscii solo a mormorare: “Una gran fatica”. Fu come se mi rendessi conto che lei non avrebbe mai provato quella gioia ed evitai di lasciarle un rimpianto inconsolabile nel cuore.

L’ultimo incontro, molti anni dopo, fu un trauma per me. La vidi vicino a casa dei miei: ancor più magra, con i capelli grigi, trascurata nell’abbigliamento, incerta nel parlare, sembrava quasi che la mente e la lingua non fossero in grado di andare di pari passo. La ricordai nei suoi vestiti di Yves Saint Laurent o di Dior, con i foulard di seta pura firmati Pierre Cardin, le cinture di Ferragamo e le borse di Gucci o di Fendi. Avevo di fronte a me un’altra persona che solo nel sorriso, un po’ stentato, per la verità, mi ricordava la mia vecchia amica e compagna di banco.

In pochi minuti, mi fece il resoconto della sua vita: non aveva completato gli studi universitari, non si era mai sposata, non aveva un lavoro, aveva perso entrambi i genitori. L’unica cosa che le rimaneva era la casa, in cui vivere la sua solitudine, forse ricordando i bei tempi vissuti nel lusso e i sogni mai realizzati.

Così l’hanno trovata: sola, riversa sul pavimento della sua casa muta. Per una settimana, sette lunghi giorni, nessuno si è ricordato di lei, nessuno ha bussato alla sua porta, nessuno le ha chiesto come stesse. Vittima di una solitudine forse cercata, non so. Vittima di se stessa, può darsi. Avrebbe potuto vivere una vita diversa, se solo avesse voluto. Ma ora è troppo tardi.

Ciao Mariolina.

Annunci

15 commenti »

  1. frz40 said,

    Povera Mariolina.

    Un carattere forse difficile, e tanta sfortuna. Così è, a volte, la vita.

    Mi piace

  2. fabrizio said,

    capperi bel temino …..anche un pò commovente…….. mi associo anchio considerato che era anche la mia compagna di classe……. ciao mariolina!

    Mi piace

  3. Raffaele said,

    Poverina, posso immaginare che sia caduta in forte depressione, quando si è depressi ci si lascia andare e non importa più nulla. Forse se non fosse stata così sola, se qualcuno l’avesse aiutata, mah troppi forse, nessuno può sapere se sarebbe cambiato qualcosa, la prova che anche se si ha tutto, si può essere ugualmente infelici, come è successo per il figlio di Gianni Agnelli.
    Ciao

    Mi piace

  4. marisamoles said,

    @ frz

    Sì, sfortuna è la parola giusta. Ché la fortuna vera non è quella che crediamo di avere nel presente, ma quella che ci riserva il futuro.

    @ Fabrizio

    Grazie. Apprezzo molto il tuo gesto.

    @ Raffaele

    La depressione è una brutta bestia. Quando si è soli, poi, apre le porte del baratro più profondo.
    Ciao.

    Mi piace

  5. Quarchedundepegi said,

    Hai scritto un bell’articolo. L’ho letto tutto. Quella che potrebbe essere la morale dell’articolo, anzichè della favola, è che quella tua compagna che si faceva, in un certo senso, invidiare, aveva molto bisogno di aiuto. E non aveva saputo chiederlo. Tante persone NON chiedono aiuto.

    Mi piace

  6. marisamoles said,

    @ quarchedundepegi

    Grazie per l’apprezzamento.
    Forse ha chiesto aiuto, ma non alle persone giuste. Era rimasta sola: niente parenti e probabilmente niente amici. D’altra parte, conoscendola, sarebbe stato davvero difficile capire che aveva bisogno d’aiuto. Mia mamma, che l’aveva incontrata più recentemente di me, se ne era resa conto. Ma che cosa poteva fare per lei? E io, abitando in un’altra città, come avrei potuto aiutarla? Non so, forse sarebbe stato già qualcosa farle una telefonata. Ma non l’ho fatta.

    La maggior parte delle volte è difficile prendere la decisione più giusta. Così, a parte il dolore, ci si sente anche in colpa.

    Mi piace

  7. E perchè dovresti sentirti in colpa. È quasi impossibile aiutare chi non chiede aiuto. Credimi.
    Buona notte.

    Mi piace

  8. marisamoles said,

    @ quarchedundepegi

    Perché non ho fatto quella telefonata. Comunque hai ragione, forse non dovrei sentirmi in colpa.
    Buona notte.

    Mi piace

  9. Cle said,

    Molto triste…

    accade spesso però che si faccia “più strada” o si realizzino più cose/desideri rispetto alle persone che anni prima ci intimorivano o ci facevano sentire in difetto…
    Non so se quel sentirsi in difetto funziona da pungolo (pungolo che chi è già sul piedistallo evidentemente non avverte) oppure il piedistallo sia tutta fuffa.

    Fatto sta che è molto triste questa storia.

    Mi piace

  10. marisamoles said,

    @ Cle

    Il tuo commento mi offre l’occasione per chiarire una cosa. Ho scritto il post immedesimandomi in quella che ero e ho espresso i miei sentimenti e le mie sensazioni provati a quel tempo. Ora le cose le vedrei da tutt’altra ottica.

    Forse hai ragione nel dire che talvolta quel sentirsi in difetto possa servire da pungolo ma io, in realtà, non mi sono mai messa in competizione con lei. Anche quando parlo di “invidia”, uso quel termine perché allora ero convinta di invidiarla, ma credo di non essere stata davvero invidiosa nei suoi confronti: non si possono invidiare le persone cui si vuole bene.

    In ogni caso l’aver realizzato ciò che desideravo, al contrario di lei, non mi fa sentire affatto meglio. Mi lascia solo, come dici anche tu, tanta tristezza.

    Grazie e a presto.

    Mi piace

  11. Cle said,

    Se è vero quello che dici
    tante persone, amici, sorelle… non ci vogliono bene…

    io credo che l’invidia (quella vera, quella brutta) sia una firma sotto mille cambiali di infelicità.
    Ho colto leggendo che quando usavi la parola “invidia” (riferita ai tuoi sentimenti) il significato fosse diverso, e forse quella sensazione che si ha di “credere di essere invidiosi” io credo (in base anche a quella che è la mia esperienza) che sia PAURA non non poter essere davvero felici senza certe cose.
    E la differenza tra chi è invidioso e chi non lo è è proprio questa, secondo me,
    l’invidioso non si accontenta di quello che ha
    il non invidioso semplicemente riesce ad ACCORGERSENE e a goderne!
    (ecco… volevo scriverci un post, ci ho scritto un commento!)
    Baci

    Mi piace

  12. marisamoles said,

    @ Cle

    Mah, forse ci sono, fra i miei parenti, amici e conoscenti, delle persone che mi invidiano ma io non me ne accorgo! Generalmente apprezzo e stimo le persone che hanno ottenuto di più dalla vita. Non sopporto, invece, quelle che hanno tanto e piangono il morto, come si suol dire. Ho un’amica del genere e si lamenta sempre. Insopportabile.

    Anche se hai commentato qui, puoi sempre scrivere il post … lo leggerei volentieri.

    Contraccambio i baci. 🙂

    Mi piace

  13. Ifigenia said,

    Storia triste. Mi era sembrato semplicemente il ricordo di una vecchia amica, e invece era di fatto la commemorazione di un defunto.

    Sono in molti a morire soli, senza che nessuno per giorni se ne accorga, ma peggio che morire soli è viverci.

    Forse, essendo nata privilegiata, non si era mai accorta dei suoi limiti: e il bagno di sangue con la realtà le è stato fatale.

    Mi piace

  14. marisamoles said,

    @ Ifigenia

    A che cosa sono serviti, poi, tutti quei privilegi? Fare i conti con la realtà, a volte, è dura. Non ci si arrende ma nello stesso tempo non si riesce a reagire. Non si meritava una fine così ma forse l’aveva tenuta in conto.

    Mi piace

  15. […] frequentato la stessa scuola media o addirittura la stessa scuola elementare. Magari erano stati compagni di banco. In cinque anni di liceo si stringono amicizie oppure si rimane estranei per sempre. Qualcuno […]

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like @ Rolling Stone

parole, pensieri e pietre di Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

Non vado a scuola ma all'asilo

Pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: