19 dicembre 2010

DAI BIGLIETTINI ALL’I-PHONE: L’ARTE DEL COPIARE

Posted in attualità, scuola, Trieste tagged , , , , , a 11:41 am di marisamoles


Alzi la mano che non ha mai tentato di copiare durante un compito in classe! Domanda inutile quanto l’invito di biblica memoria: chi è senza peccato scagli la prima pietra.

L’arte del copiare, dunque, dev’essere proprio tale. Chi è maldestro viene scoperto, anche se talvolta si fa finta di non vedere, pur continuando ad osservare il reo. E sì, perché il tempo che si impiega per sbirciare tra i bigliettini, cercando di decifrare la grafia o di leggere chiaramente il carattere minuscolo della fotocopia nascosta, è tempo prezioso sottratto a quello a disposizione che si potrebbe far fruttare decisamente meglio studiando. Poi, se la scopiazzatura è proprio palese, si deve intervenire, si ritira il compito, si mette una nota sul registro, una sul libretto, si scrive sul compito che è stato ritirato, perché, a quale ora, che verrà valutato con un 2, senza nemmeno essere corretto … insomma, un’operazione complessa, lunga e noiosa che agevola, inevitabilmente, la copiatura di altri che approfittano della momentanea distrazione dell’insegnante, tutta intenta (o intento, se è un uomo) a svolgere queste azioni burocratiche che, in quanto tali, non si possono proprio trascurare.

Così, da studenti, s’impara a copiare. Ma, come dice il proverbio, il lupo perde il pelo ma non il vizio. E così, con qualche capello in meno (dicono che con lo stress dello studio si iniziano a perdere anche in giovane età), l’aspirante avvocato è arrivato all’esame di stato armato di tutto punto. Peccato, però, che l’arte del copiare sia proprio un’arte, come dicevo, e in quest’arte qualcuno, con ben poco talento, fa la figura dell’incompetente.
Il giovane aspirante avvocato, dicevo, è stato colto in flagrante: pareri legali infilati nei calzini, libri pocket nascosti nella biancheria intima, pagine di manuali proibiti accartocciate nelle tasche e persino un iPhone occultato sotto il giaccone.

È successo a Trieste, durante l’esame di stato per avvocati. Un candidato venuto da fuori, che ha destato dei sospetti nella commissione: un giubbotto un po’ troppo voluminoso (che evidentemente non si è tolto nemmeno durante la prova) e un modo frenetico di consultare carte e foglietti sparsi sul banco. All’invito a consegnare il “materiale” in suo possesso, l’aspirante avvocato ha ribattuto: . «Non ho niente da nascondere . Se volete perquisitemi pure». Detto, fatto: affidato ai poliziotti presenti per sorvegliare l’andamento dell’esame, è stato perquisito (è ovvio che i commissari non avrebbero potuto farlo, così come noi poveri insegnanti non possiamo “mettere le mani addosso” agli studenti). In ben quattro round, è saltato fuori di tutto: il telefonino, assolutamente bandito dalla sala come indicato nei cartelli affissi all’ingresso, poi i pareri legali, i foglietti dei manuali e infine i ”Bignami” di diritto. Il tutto piegato e nascosto nei punti più strategici, ma anche i più scontati: gli slip, i calzini, le tasche interne degli abiti.

Caso isolato? Niente affatto. Ad un’ispezione nei bagni, sono stati trovati dei biglietti anche là. Non potendo impedire ai candidati di recarsi ai sevizi, gli stessi sono stati fatti presidiare dai carabinieri.

Che dire? Forse che ci vorrebbe davvero più polso per evitare che i ragazzi imparino a copiare a scuola? Fosse per me, scatterebbe d’ufficio il 5 in condotta con relativa bocciatura. Ma, si sa, alla fine a questi poveri studenti vengono date ulteriori chance … a scuola. Ai concorsi no, però.

[fonte: Il Piccolo]

Annunci

Scelti per voi

Selezione di post che hanno attirato la mia attenzione scelti per voi dalla blogsfera

wwayne

Just another WordPress.com site

Diario di Madre

Con note a margine di Figlia

Scrutatrice di Universi

Happiness is real only when shared.

Like @ Rolling Stone

Immagini, parole e pietre lanciate da Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo-Psicoterapeuta. Battipaglia (SA)

Psicologo Clinico, Terapeuta EMDR di livello II, Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale, Terapia Metacognitiva Interpersonale.

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

oןısɐ,ןןɐ ɐɯ ɐןonɔs ɐ opɐʌ uou

pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di critica, di autocritica, di insulti, di ritrattazioni, di sciocchezze e sciocchezzai, di scuola e scuole, buone e cattive, di temi originali e copiati, di studenti curiosi e indifferenti, autodidatti e eterodidatti, di nonni geniali e zie ancora giovani (e vogliose), di bandiere al vento e mutande stese, di cani morti e gatti affamati (e assetati)

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

CORSI DI SCRITTURA CREATIVA, ATTUALITA' EDITORIALE, DIDATTICA E STRUMENTI PER LA SCRITTURA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Studio di Psicoterapia Dr.ssa Chiara Patruno

Psicologa - Psicoterapeuta - Criminologa - Dottore di Ricerca Università Sapienza

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Le Ricette di Cle

Ricette collaudate per ogni occasione

Messaggi in Bottiglia

Il diario di Cle

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: