IMPARARE NUOVE PAROLE? BASTANO 14 MINUTI. GLI STUDENTI SONO AVVISATI


Repetita iuvant, dicevano i Romani. E io lo ripeto spesso ai miei allievi che dicono di non riuscire ad imparare a memoria le regole e il lessico … della lingua dei Romani. Poi, se vogliamo, sembrano solo delle scuse, visto che la memoria dei quindicenni non fa cilecca.

Se non vogliono credere a me, ora devono per forza dar fiducia alle parole di alcuni ricercatori di Cambridge secondo i quali, quando si studia una nuova lingua, per imparare una parola sconosciuta basta ripeterla 160 volte. Tempo richiesto? Solo quattrodici minuti, il tempo impiegato dal cervello per non distinguere più i nuovi vocaboli dai vecchi.

Lo studio è stato pubblicato dal Journal of Neuroscience: sono stati esaminati 16 volontari, di cui sono stati registrati i segnali cerebrali mentre ascoltavano parole familiari. Dopodiché, è stato fatto ascoltare loro più volte un termine inventato per l’occasione. Uno degli autori della ricerca, Yury Shtyrov, spiega: «All’inizio il cervello doveva fare un duro lavoro per riconoscerlo. Dopo 160 ripetizioni, effettuate in 14 minuti, le nuove tracce della memoria erano indistinguibili dalle altre. Questo suggerisce che per praticare una nuova lingua basta ascoltarla».

Io aggiungo un’osservazione: basta ascoltare l’insegnante. Ora, però, visto che i miei allievi frequentano il liceo scientifico e sono bravi in matematica, consiglierei loro di farsi due conti: ho spesso ripetuto che al termine del biennio dovrebbero – il condizionale è d’obbligo – conoscere almeno 1600 vocaboli latini; considerando che chi mi ha ascoltata probabilmente di vocaboli ne conosce già un bel po’, quanto tempo dovranno impiegare per imparare a memoria quelli che rimangono?

Ora so che qualcuno borbotterà e, a denti stretti, dirà: perché non l’ho ascoltata prima?

P.S. I consigli sono per gli studenti del biennio. Quelli del triennio sono senza speranza. 🙂

[fonte: Il Corriere]

17 pensieri riguardo “IMPARARE NUOVE PAROLE? BASTANO 14 MINUTI. GLI STUDENTI SONO AVVISATI

  1. Si voglia scusare la mia ignoranza.
    Cosa significa FB? Anche se è una sigla, e non una parola, dopo la vostra risposta, dovrò ripeterla 160 volte?… o, dato che ho superato abbondantemente l’età del triennio, non c’è proprio più niente da fare?
    Ringrazio per la benevolenza.

    "Mi piace"

  2. @ Quarchedundepegi

    🙂 🙂 🙂
    La sigla FB sta per Facebook. Non credo tu debba ripeterla 160 volte per memorizzarla, visto che ormai fa parte del linguaggio quotidiano.

    Dai, che la tua memoria è migliore di quella degli studenti del triennio … almeno per quanto riguarda il lessico latino!

    "Mi piace"

  3. Che ignoranza da far paura. Cercherò di non guardarmi nello specchio altrimenti mi viene un infarto.
    Comunque sia grazie per l’informazione. Ma lo sai che ancora non ho capito come funziona FB (!!!)? In fondo in fondo non mi interessa.
    Non è come quello che cade da cavallo e dice che voleva scendere!

    "Mi piace"

  4. Ho scritto:”Cercherò di non guardarmi nello specchio altrimenti mi viene un infarto”.
    Cara Professoressa, avrei dovuto scrivere “mi verrebbe”. Bisogna sempre rileggere. Chiedo venia.
    Grazie per Facebook.
    Hai già letto la mia ultima fatica?

    "Mi piace"

  5. @ quarchedundepegi

    In ogni caso, cerca di star lontano dagli specchi … per mantenerti in buona salute! 🙂

    Non ho letto ancora la tua ultima fatica (ma lo farò presto), per ora debbo sobbarcarmi la fatica di correggere i compiti dei miei allievi … mentre loro, probabilmente, si perdono dietro a FB. 😦

    "Mi piace"

  6. @marisa
    per rispondere alla tua domanda: “…conoscere almeno 1600 vocaboli latini; considerando che chi mi ha ascoltata probabilmente di vocaboli ne conosce già un bel po’, quanto tempo dovranno impiegare per imparare a memoria quelli che rimangono?”.
    Bisognerebbe sapere quanti vocaboli per quante ore alla stessa persona ripeti per almeno 160 volte durante le tue lezioni 🙂
    Non sapendolo, si può fare solo un calcolo generale: un quarto d’ora per ogni vocabolo moltiplicato per 1.600 vocabili fa 400 ore.
    Vorrebbe dire, su di un biennio, circa un’ora al giorno per i circa 220 giorni “lavorativi” degli studenti (365gg -52 domeniche-52 sabati- 22 di ferie-20 di altre festività varie, notare che le ferie estive le ho ridotte ad un mese).
    E questo solo per il latino! E poi, l’inglese?, la seconda lingua straniera?, l’italiano? 🙂 🙂 🙂 e non stiamo considerando tutte le regole grammaticali e il tempo necessario a leggere testi, problemi e compiti vari per casa. Infine, un po’ di tempo per le altre materie lo vogliamo lasciare?
    Certo che l’attenzione durante le lezioni è essenziale, anche per sfruttare adeguatamente le ore di scuola, non considerate in quanto sopra, oltre a passare un po’ meno tempo su FB, su SMS, su videoconsumo in generale.
    Ma, lasciamelo dire, che faticaccia!!! Non li invidio proprio, questi studenti!
    Un cari saluto

    "Mi piace"

  7. @ Giorgio

    Intanto bentornato! 🙂 Poi, grazie per aver fatto tu il conto perché ci avrei rinunciato.
    In effetti un’ora al giorno è tanto, però a scuola incontriamo tanti vocaboli, ogni giorno, che almeno un migliaio dovrebbero saperne senza tanti sforzi. Certo, ci sono anche le regole ma per il latino, così come per tutte le lingue, la conoscenza del lessico è fondamentale a livello di comprensione globale del testo. Questo gli allievi non capiscono, specie quando, durante il compito, non vedono l’ora che passino i venti minuti iniziali, tempo in cui non possono usare il dizionario. Non si sforzano nemmeno di capire quello che devono tradurre e per questo hanno tante difficoltà nel latino.

    Basterebbe ascoltare gli insegnanti … altro che ricercatori di Cambridge! 🙂

    Ciao!

    "Mi piace"

  8. @marisa
    D’accordo con te sui ricercatori di Cambridge.
    In effetti tutto il mio chiaccherare voleva sottolineare proprio la poco utilità pratica della ricerca in questione.
    400 ore solo per memorizzare 1600 vocaboli ripetendoli o sentendoli ripetere, in maniera avulsa da qualsiasi contesto culturale (basilare per imparare una lingua straniera) diventa solo, forse, un dato statistico.
    Per fortuna che i ricercatori di Cambridge se li pagano gli inglesi!

    "Mi piace"

  9. @ Giorgio

    Oggi un mio allievo mi ha fatto notare che il tempo impiegato per memorizzare i vocaboli dev’essere raddoppiato visto che devono imparare anche i significati; non solo, dato che molti vocaboli latini hanno più significati, il tempo potrebbe essere triplicato, quadruplicato, quintuplicato … 😦

    Meglio lasciar perdere le ricerche.

    Quanto ai Premi IgNobel, ne ho due che andrebbero bene al caso mio:
    1. Economia: Gauri Nanda del MIT (USA), per aver inventato una sveglia che corre via e si nasconde ripetutamente, assicurando così che le persone si alzino effettivamente dal letto, teoricamente aumentando le ore produttive di lavoro. Se scopro dove si può acquistare questa sveglia, la regalo al mio primogenito.
    2. Pace: Howard Stapleton (Galles), per avere inventato un’apparecchiatura che emette suoni fastidiosi per gli adolescenti, ma non udibili dalle persone adulte. Se è in vendita quest’apparecchiatura, la regalo al mio secondogenito così mi vendico per la musica a tutto volume (inascoltabile per le mie orecchie) che devo sorbirmi mentre correggo i compiti.

    🙂 🙂 🙂

    "Mi piace"

  10. Volendo essere un po’ più precisi visto che si tratta non di 15 ma di 14 minuti le ore per imparare 1600 vocaboli sono 373 e non 400.

    Infatti se moltiplichiamo 373 per 60 minuti e lo dividiamo per 14 abbiamo circa 1600.

    A parte questa doverosa precisazione che su numeri così grandi non è di poco conto, penso che l’osservazione più corretta l’abbia fatta lo studente che ha posto il problema non solo dei vocaboli ma anche dei rispettivi significati.

    Dobbiamo però considerare l’uso che si fa di questa tecnica, sicuramente non per tutte le parole ma solo per quelle più difficili da memorizzare per le altre si possono usare anche le associazioni ad immagini mentali od emozionali.

    Trovo impensabile che uno studente cerchi di memorizzare HOME in inglese usando questa tecnica o MENS,VINO,ROSA .. in latino, solo con queste tre parole abbiamo già tolto 42 minuti e come questa c’è ne sono tante altre.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...