MUSSOLINI VS CARFAGNA: VAJASSA 2, LA VENDETTA

Ho già parlato dello scontro verbale tra l’onorevole Alessandra Mussolini e il ministro delle Pari Opportunità Mara Carfagna. (LINK)

Oggi a Montecitorio si è svolto il secondo round. In un clima già teso a causa del voto di sfiducia al governo, in risposta ad un attacco verbale subito da parte della Mussolini che tentava di interrompere il suo discorso, Fassino le si è rivolto, con la consueta pacatezza, dicendo: «Onorevole Mussolini, il ministro Carfagna l’ha già definita egregiamente…», velato riferimento a quel vajassa con cui era stata apostrofata la parlamentare da parte del ministro delle Pari Opportunità.

La scena che si è svolta in seguito all’osservazione di Fassino è tipica dell’impulsività che caratterizza il comportamento della Mussolini. Si è avvicinata come una furia a banchi del Pd, ha afferrato un telefonino dal banco della collega Ileana Argentin e ha tentato di lanciarlo contro Fassino, trascurando il fatto che lui si stesse scusando. La tempestività di un commesso è riuscita a bloccare l’insano gesto, ma non a tappare la bocca dell’onorevole che, rivolta alla Carfagna, ha esclamato: «Hai visto cosa hai fatto, sei una cretina».

Vi pare finita qui? Assolutamente no. La nipote del duce, commentando l’episodio con i giornalisti, ha osservato: «Le ho dato della cretina e lei ha spalancato quegli occhi da civetta». Quindi si è sfogata con il ministro Romani, rincarando la dose: «Hai visto cosa ha fatto quella cretina? adesso vado a prenderla a calci». La saggezza di Romani nell’affrontare quest’ennesimo scontro tra vajasse, ha prevalso: «Ma Alessandra con tutti i problemi che abbiamo…», le ha detto.

I problemi che hanno loro a Montecitorio? E quelli che abbiamo noi nel venire rappresentati da certe persone?

[notizia e foto da Il Corriere]