26 novembre 2010

NIENTE GITE SCOLASTICHE PER PROTESTA. LE AGENZIE SULL’ORLO DEL FALLIMENTO

Posted in adolescenti, cultura, Mariastella Gelmini, MIUR, scuola, viaggi tagged , , , , , , , a 5:51 pm di marisamoles


Era prevedibile: la protesta degli insegnanti che si rifiutano di portare in viaggio di istruzione (leggi: gita) gli allievi ha avuto ripercussioni negative sulle entrate dei tour operator.
I motivi della protesta li ho spiegati in questo post. Anche se originata, in particolare, dai cosiddetti “tagli” del ministro del MIUR, Mariastella Gelmini, la decisione di disertare i viaggi scolastici ha motivazioni più profonde, prima fra tutte quella della responsabilità, a livello penale e non solo civile, cui sono soggetti i prof che accompagnano i ragazzi.

Leggo su L’Espresso che il danno che ne deriverà al settore turismo si aggira sui 650 milioni di euro all’anno. Questo perché la protesta, partita quasi in sordina e senza il supporto dalle maggiori organizzazioni sindacali, si è estesa rapidamente in tutte le scuole della penisola. Se da una parte l’economia ne soffrirà, dall’altra finalmente l’opinione pubblica potrà comprendere le ragioni degli insegnanti che sono stufi di immolarsi per il bene di tutta la collettività.
L’ultima manovra finanziaria ha, infatti, tolto l’unica diaria che spettava ai docenti che accompagnavano gli allievi all’estero. Perché già da tempo, non era prevista per le “gite” in Italia. Ma, spostando l’attenzione dalle ragioni dei prof a quelli degli studenti, si può concludere che a farne le spese saranno soprattutto quelli che frequentano i licei linguistici o gli istituti per il turismo che dovranno rinunciare ai viaggi all’estero, utili per chi studia le lingue straniere.

Da parte loro, le agenzie turistiche fanno quello che possono per non perdere i guadagni: in Lombardia, ad esempio, un’agenzia di viaggi è arrivata a proporre di pagare di tasca sua i professori, pur di evitare la cancellazione delle gite. Ma c’è chi si è spinto oltre: nel Lazio, la Fiavet ) ha chiesto alla Regione un bonus economico per gli istituti che sceglieranno il Lazio come meta per le gite scolastiche.
Andrea Costanzo, presidente della Fiavet regionale, spiega: Abbiamo sempre avuto a cuore le problematiche legate ai viaggi di istruzione. Riteniamo fondamentale promuovere questo tipo di incontri, perché i rapporti tra agenti di viaggi, dirigenti scolastici e istituzioni devono essere sempre più chiari e diretti. In Piemonte, Alberto Cirio, Assessore regionale al Turismo, ha aperto uno sportello che elargirà 150 euro a ogni classe che potrà dimostrare di aver effettuato viaggi di istruzione all’interno dei confini regionali.

Alla Fiera annuale, tenutasi a Rimini, gli operatori turistici hanno lanciato l’allarme. Secondo le stime del Centro Studi turistici di Firenze, il fatturato garantito dalle “gite scolastiche” lo scorso è stato di 651 milioni di euro, un miliardo se si considera anche l’indotto. Ora questo business sarà notevolmente ridimensionato, mettendo in crisi non solo le agenzie turistiche ma anche le famiglie di chi vi lavora. Ezio Moretti, presidente della Caravan Tour, ha osservato: L’anno scorso abbiamo mosso, per parlare solo del mio gruppo, 300 mila studenti, per un fatturato di 26 milioni di euro. Ho quaranta dipendenti, giovani, quasi tutte donne: rischiano di restare per strada. Moretti, che ha già carta e penna in mano per scrivere ai prof “luddisti”, come sono stati soprannominati, esprime il suo malcontento, pur comprendendo anche le motivazioni che hanno spinto i professori a rinunciare ai viaggi di istruzione: Capiamo le vostre ragioni, ma non mettete nei guai altri lavoratori, se cala il business dovrò licenziarli. Già se viene meno il 20 per cento di gite è un disastro.

Che dire? Dovremmo essere mossi a pietà? Certamente non siamo insensibili ai problemi di chi vive con le “gite” scolastiche, ma perché dovremmo accollarci una responsabilità enorme senza nemmeno un rimborso spese?. Mi dispiace, ma ognuno fa i conti nelle proprie tasche, specialmente in questi tempi di crisi.

Annunci

4 commenti »

  1. Raffaele said,

    Ieri ho visto un pullman di ragazzi in gita al centro commerciale Auchan. Ma servono a qualcosa le gite scolastiche?

    Mi piace

  2. marisamoles said,

    @ Raffaele

    Dipende da chi le organizza. Io non vado quasi mai in gita e al limite accompagno le classi in giornata. Per principio non lascio i ragazzini minorenni da soli, nemmeno dieci minuti. Altri non si preoccupano e li lasciano liberi per il pranzo.

    Ho fatto un’eccezione una sola volta per uno stage linguistico a Londra. ma, in quel caso, i ragazzi erano ospitati in famiglia, quindi non ho dovuto passare notti insonni per sorvegliarli. Ti dirò che era una classe eccezionale, si poteva star tranquilli. Una di quelle classi che capitano una volta ogni dieci anni (e adesso si offenderanno i miei attuali allievi! 🙂 ).
    A Londra li abbiamo portati da Harrods, ma direi che è un po’ diverso che portarli da Auchan. O no?

    Mi piace

  3. miriana di bari said,

    apparteniamo allo stesso mondo, voi professori e noi studenti, e noi con voi paghiamo i risultati delle decisioni della politica , e saremo noi a risentirne molto più di voi..si dovrebbe protestare insieme. E di certo non lo si fa impedendoci di andare in gita,

    Mi piace

  4. marisamoles said,

    @ miriana di bari

    Ci sono molte forme di protesta e questa, a mio parere, è la più consona ai tempi: credo che evitare delle spese superflue faccia piacere anche alle famiglie. Senza contare che le scuole risparmiano quei fondi che, sebbene miseri, possono essere utilizzati in altri servizi utili per gli studenti.

    La “gita” non è un diritto sacro e inviolabile e per noi docenti, con le responsabilità che comporta, non rappresenta un dovere. Credo che questo debba essere chiaro. Inoltre, questa è una forma di protesta che non lede il vostro diritto allo studio, visto che in questo modo non si perdono giorni di scuola.

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like @ Rolling Stone

parole, pensieri e pietre di Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

Non vado a scuola ma all'asilo

Pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: