6 ottobre 2010

CLAMOROSO: LA GELMINI “CONDANNATA” A PAGARE LO STIPENDIO ESTIVO AI PRECARI

Posted in Mariastella Gelmini, MIUR, scuola tagged , , , a 9:31 pm di marisamoles

La notizia viene dal quotidiano Bresciaoggi, quello della città natale di Mariastella Gelmini, per intenderci. La Corte d’appello di Brescia ha condannato il Ministero della Pubblica Istruzione a risarcire con oltre 13 mila euro una professoressa bresciana per gli anni di servizio prestati da precaria, senza percepire lo stipendio nei mesi estivi. La docente si è rivolta al Tribunale contro un’abitudine vietata da una Direttiva della Corte di giustizia europea, recepita anche dalla legislazione italiana ma finora mai applicata. Ora avrà gli stipendi estivi degli ultimi 5 anni, con gli interessi. Tredicimila euro, mica bruscolini!

La sentenza a seguito del ricorso (numero 87/10) è stata pronunciata l’8 luglio scorso dalla sezione Lavoro della Corte d’appello, costituita dal presidente Angelo Tropeano e dai consiglieri Antonella Nuovo e Anna Luisa Terzi. Costituisce un precedente importante per migliaia di precari che ogni anno si vedono negare lo stipendio estivo, pur sapendo di essere riassunti a settembre.
«La Corte ha ristabilito un principio, e mette lo Stato di fronte all’alternativa di continuare così e pagare di più o di mettersi in regola», spiega l’avvocato dell’insegnante, Paolo Lombardi. La professoressa chiederà il risarcimento (può farlo subito e ottenerlo), anche se è prevedibile che il Ministero di Gelmini ricorrerà in Cassazione.

La docente, di cui non è stato diffuso il nome, sosteneva che i vari contratti a tempo determinato fossero illegittimi in quanto stipulati per soddisfare un fabbisogno di personale permanente, e quindi anche alla pubblica amministrazione doveva essere applicato il principio di conversione dei rapporti a termine illegittimi in rapporto a tempo indeterminato. Il Tribunale in prima istanza ha ricusato in toto le richieste, mentre la Corte d’Appello le ha in parte accolte, riferendosi a quanto stabilito dalla Corte Europea. I giudici europei, facendo riferimento alle norme nazionali (art. 36 del dl 165/2001) affermano che la sanzione risarcitoria prevista per l’illegittima stipulazione di contratti a termine nel settore pubblico «non può ritenersi a priori strumento inadeguato», come sosteneva la ricorrente, ma può perseguire gli scopi della Direttiva, che tendono a sanzionare l’uso abusivo di contratti a tempo determinato.

Il danno risarcibile «dovrà essere individuato calcolando la differenza tra quanto effettivamente percepito dai lavoratori e quanto avrebbero percepito se fossero stati da subito inquadrati a tempo indeterminato, ossia tenendo conto della retribuzione dei mesi estivi con gli interessi di legge». La professoressa li avrà per gli ultimi 5 anni, essendo gli antecedenti caduti in prescrizione.

L’avvocato è soddisfatto perché «è il principio che conta». Ora si sa che le conseguenze di un comportamento illegittimo, sono illegittime.

Annunci

5 commenti »

  1. […] FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO POST: “CLAMOROSO: LA GELMINI ‘CONDANNATA’ A PAGARE LO STIPENDIO ESTIVO AI PRECARI” […]

    Mi piace

  2. rosetta said,

    Al suo posto mi vergognerei…..Ma si rende conto dei danni che provoca alla scuola,agli studenti,considerati NUMERI,ALLE CONSEGUENZE CHE QS TAGLI , LE PLURICLASSI GLI ACCORPAMENTI DI PIù ISTITUTI SCOLASTICI DI DIVERSI PAESI PROVOCA NELLA NS SOCIETA’!!!!!!!!!!!!!!!
    PICCOLI CENTRI moriranno,
    l’Offerta formativa degli studenti sempre più carente
    La sicurezza degli studenti che convivono nella stessa aula con altri di età a volte superiore anche di 4 anni ,i DANNI PSICOLOGICI che ne derivano
    ma non gliene può fregare niente….ma io mi chiedo ha il coraggioo di guardarsi allo specchio???? Ha rovinato i nostri figli,il loro futuro,ha violato il DIRITTO ALLO STUDIO dei bambini, che non sono e non devono essere considerati NUMERI….con la tua riforma hai disgustato l’Italia tutta di destra ,di sinistra e di centro,sia da un punto di vista geografico che politico…..spero che qualche giudice ti condanni a pene ben più gravi….
    sicurezza

    Mi piace

  3. rosetta said,

    gelmini sei una mina vagante

    Mi piace

  4. marco said,

    L’evidenza dei fatti è che ci sono moltissimi professori che ogni anno sono nominati a Settembre dai provveditorati con un contratto di insegnamento fino al 30 giugno (tempo determinato).
    Luglio ed Agosto lo stato li risparmia a danno dei laureati, plurispecializzati ed abilitati. Di questi professori la scuola ne ha bisogno ogni anno e quindi a tutti gli effetti dovrebbero essere inseriti di ruolo, ovvero assunti a tempo indeterminato.

    Questo evidenza, nota agli operatori del mondo della scuola, dimostra due cose :
    1) che in Italia lo stato vuole risparmiare sui professori e non su altre categorie o settori. Anche la sinistra lo faceva ma molto di meno rispetto alla destra.
    2) che è una bugia colossale di questo governo affermare che i professori precari sono in esubero rispetto alle esigenze (per colpa di governi irragionevoli) , altrimenti perché ogni settembre li chiamano? E’ solo una piccola percentuale in soprannumero. Non è stato un errore della sinistra ad abilitare troppi professori. Del resto una certa parte di questi lavora nelle paritarie ( che purtroppo al Sud non pagano).

    Conclusioni : Sentenza giustissima !! Speriamo che le cose, le menti o le persone cambino. Molto dipende da noi. Lo stato è del popolo Italiano non dei governanti.

    Mi piace

  5. […] anni di sevizio prestati da precaria, senza percepire lo stipendio nei mesi estivi (ne ho scritto QUI), contro il ministro è pronta una vera e propria class action. I docenti precari, supportati da […]

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like @ Rolling Stone

Immagini, parole e pietre lanciate da Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

Non vado a scuola ma all'asilo

Pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: