12 settembre 2010

IL SOLE DI SETTEMBRE SCOTTA ANCORA … SPECIE QUELLO DELLE ALPI

Posted in attualità, politica, Renato Brunetta, Satyricon, televisione tagged , , , , , , , , , a 6:25 pm di marisamoles

«Se non avessimo la Calabria, la conurbazione Napoli-Caserta, o meglio se queste zone avessero gli stessi standard del resto del Paese, l’Italia sarebbe il primo Paese in Europa». Così Renato Brunetta oggi [11 settembre, NdR] su Il Giornale. (da Il Messaggero.it )

Si legge sul quotidiano La Padania: «In molti hanno spiegato che ‘I Cesaroni’ hanno il pregio di rappresentare la famiglia media di questo Paese. Che le loro storie sono un po’ le storie di tutti. Ma da qui a dire che ‘I Cesaroni’ sono lo specchio degli italiani ce ne corre. […] tutto in perfetta salsa romanesca, compreso, ovviamente, quello dei linguaggio declinato in ogni spessore semantico dai vari personaggi e protagonisti».
Replica Claudio Amendola, protagonista della fiction I Cesaroni: «Questo attacco della Padania ai Cesaroni non mi tocca minimamente. Non mi sento neanche offeso. Mi sembra un attacco pretestuoso, ma a dir la verità da loro non mi aspettavo niente di diverso» […] Sia a livello di contenuti che a livello linguistico abbiamo avuto sempre un riscontro positivo nelle persone: da Trento, a Milano, fino alla Sicilia». (tratto da Il Messaggero)

Sì, il sole di settembre scotta ancora. Si consiglia di esporsi al sole nelle ore meno calde e indossare un berrettino … possibilmente di un colore diverso dal verde. Tricolore andrebbe meglio, ma sarebbe chiedere un po’ troppo.

AGGIORNAMENTO DEL POST, 13 SETTEMBRE 2010

Ad Adro, in provincia di Brescia, c’è un polo scolastico pubblico, perfettamente efficiente, costruito a costo zero per lo Stato, grazie all’autotassazione dei cittadini (tutti? Boh …). Le aule dispongono di sedie e banchi ergonomici, armadietti con chiave, ogni cattedra dispone del pc per l’insegnante, un proiettore, che pare avere anche funzione di telecamera consentendo agli alunni assenti di seguire le lezioni anche da casa.
Il rovescio della medaglia di tanta perfezione è che si tratta di un edificio scolastico i cui zerbini, i posacenere sui cestini dell’immondizia, ed ogni banco riportassero inciso in modo indelebile il simbolo della Lega Nord, ovvero il sole delle Alpi. (fonte: ilsegnocheresta , il blog di Loretta Dalola in cui potete trovare, fra i commenti, anche una mia riflessione sul caso).

«Il sindaco di Adro, Lancini, ha spiegato che “il Sole delle Alpi” impresso su tutte le attrezzature scolastiche non e’ un simbolo di partito. Al contrario, un simbolo di identità e tradizione, un po’ come la rosa camuna per la Lombardia. Impedire l’uso di quel simbolo sarebbe un segno di regime; se anche la Lega lo usa, non posso farci niente.» (fonte: liberonews)

Oggi qui è un po’ nuvoloso, ma evidentemente sulla Padania splende ancora, e soprattutto scotta, il sole … delle Alpi.

Annunci

13 commenti »

  1. No, sarebbe chiedere solo il giusto, c’è di che preoccuparsi – io e te ci siamo conosciute ( e poi apprezzate) per un tuo invito ad un confronto da “professioniste” …anch’io oggi ti chiedo : se hai tempo di leggere il mio ultimo post che peraltro si aggiunge al tuo – attendo con trepidazione il tuo commento!

    Mi piace

  2. marisamoles said,

    Cara Loretta,

    ho letto il tuo post e ho subito pensato che siamo telepatiche! 🙂
    Non ho commentato subito perché merita un’ampia riflessione e quindi un po’ di calma. Mi metto subito al lavoro, comunque.

    L’ho linkato perché ritengo sia molto interessante anche per i miei lettori.

    Mi piace

  3. giavie said,

    PERò sono andato a farmi un giro in macchina e noto tutti questi aerei che si incrociano nel cielo lasciando scie sospette…anche da te?

    Mi piace

  4. marisamoles said,

    @ giavie

    Sì, anche da me. Li ho visti dal terrazzo di casa e, anche se conosco a memoria tutta l’esibizione (ho visto le Frecce un sacco di volte a Lignano, a Trieste, ad Aviano, a Rivoli di Osoppo oltre che a Rivolto, naturalmente), ogni volta che vedo quelle scie di fumo mi vengono i brividi.

    Il monocromatismo, invece, non mi fa alcun effetto.

    Mi piace

  5. Paolo Sizzi said,

    Il Tricolore è rimasto nel cuore devo dire, soprattutto dei parenti delle vittime del disastro di Rammstein.

    […]

    Mi piace

  6. marisamoles said,

    @ Paolo Sizzi

    Pensavo di non pubblicare il tuo commento. Alla fine ho tolto una parte e il link (la politica, specie quella faziosa, non m’interessa né credo interessi i miei lettori).

    Certamente per i parenti delle vittime di quel tragico evento una scia di fumo tricolore ricorderà sempre la scomparsa delle persone care. Ma gli incidenti possono capitare (e nelle manifestazioni di quel tipo sono assai rari) e certamente per una fatalità, non per la precisa volontà di fare del male.

    Trovo, comunque, il tuo commento fuori luogo e di cattivo gusto.

    Mi piace

  7. […] a 11:24 am di marisamoles Ne ho parlato giorni fa in un post “satirico” (questo è il LINK). Il polo scolastico di Adro, che riunisce la scuola per l’infanzia, la primaria e la media, […]

    Mi piace

  8. […] Pubblicato su Uomini e donne, amore, donne, famiglia, televisione tagged Claudio Amendola, Elena Sofia Ricci, fiction, I Cesaroni, televisione a 4:22 pm di marisamoles La fiction più amata dagli italiani è tornata. Le avventure dei Cesaroni sono riprese nella quarta edizione che sta andando in onda in queste settimane. Un calo negli ascolti dovuto, forse, alla decisione dell’attrice Elena Sofia Ricci di abbandonare il cast (tranne qualche “partecipazione straordinaria”) oppure alle critiche mosse, nei giorni scorsi, da parte della Lega Nord che ritiene che la famiglia più strampalata della Garbatella non rispecchi per nulla la famiglia tipo italiana, partendo dal linguaggio in cui si esprime la maggior parte dei suoi componenti: «tutto in perfetta salsa romanesca, compreso, ovviamente, quello del linguaggio declinato in ogni spessore semantico dai vari personaggi e protagonisti» (ne ho parlato QUI ). […]

    Mi piace

  9. VULCANITA said,

    Anche Acqui Terme (AL) è stata colpita numerose volte dall’ideologia padana.
    Qua sotto i link di una lecture-performance che ho tenuto lo scorso 19 settembre ad Acqui Terme. Un’analisi storica su come la città di Acqui Terme sia laboratorio d’imposizione di potere politico attraverso l’utilizzo di simboli in luoghi pubblici.
    1° parte
    2° parte

    Mi piace

  10. marisamoles said,

    @ Vulcanita

    Grazie per la segnalazione.

    Mi piace

  11. giavie said,

    Scusa ma no ho letto i miei commenti da un pò. Ma penso che se tu non soffri di monocromatismo ora vuol dire che lo soffrirai un domani, da uno sguardo alle mie foto.

    Mi piace

  12. marisamoles said,

    @ Giavie

    Ho dato un’occhiata: molto belle le tue foto. Complimenti!

    Mi piace

  13. […] dichiara. Quindi, bambini a pane e acqua. Confortato dall’esperienza del collega della scuola primaria di Adro (tristemente famoso per aver tappezzato il comprensorio scolastico con il simbolo leghista del Sole […]

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like @ Rolling Stone

parole, pensieri e pietre di Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

Non vado a scuola ma all'asilo

Pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: