21 luglio 2010

“VIA I GAY DAL PIAVE: DEVONO FARSI CURARE”. LO DICE UN SINDACO … DI SINISTRA

Posted in politica, società tagged , , , , , a 6:49 pm di marisamoles

Una campagna di “pulizia” del Piave, ordinata dal sindaco. Per una volta, però, sotto accusa non sono le acque, piuttosto torbide, dei nostri fiumi, ma i … gay.
Accade a Spresiano, un paese in provincia di Treviso, dove pare che sul greto del fiume, ad ogni ora del giorno e delle notte, si svolgano degli incontri a luci rosse, prevalentemente gay. Si sospetta, anche, che non si tratti semplicemente di incontri “clandestini” tra amanti, ma di prostituzione. Ciò, secondo il sindaco, è un male, è da perseguire perché ne va del decoro del paese. Via, quindi, ai controlli a tappeto per tutta l’estate: si inizia domani e le forze dell’ordine saranno occupate in questa attività fino al 22 settembre.

Fin qui nulla di male. Ovvero, se si tratta di atti illeciti e di “malcostume”, è bene che la polizia eviti che qualche ignaro passante si ritrovi a dover fare da spettatore ad un poco gradito spettacolo osé. Specialmente se si tratta di ragazzini. Come racconta l’assessore De Nardi, è accaduto che alcuni minori si siano trovati addirittura accerchiati da persone che hanno fatto intendere in maniera esplicita le proprie intenzioni.

La gente protesta: bisogna intervenire. È giusto, ribadisco. E il dovere del primo cittadino è quello di garantire ai suoi concittadini la sicurezza e al suo paese un certo decoro. A maggior ragione se si tratta di difendere il decoro del fiume sacro alla Patria, quel Piave che tutta l’Italia conosce grazie al “mormorio” di cui si parla nella celebre canzone.
Il sindaco Missiato dichiara: Non voglio giudicare nessuno ma sono contro il malcostume. Può essere che qualcuno si offenda, allora io rispondo che rispetto tutti. Ma devo anche far rispettare la legge, per cui chi va fuori dalle regole e dal buon senso dev’essere allontanato. Parole sante, oserei dire. Però, nel proseguire con le sue dichiarazioni, ho l’impressione che tutto questo “rispetto” lo dimostri solo a parole. Infatti esprime un suo personalissimo giudizio sui gay:
Sono delle persone ammalate, devono essere comprese e posso comprenderle. Però non possono offendere, andando ad occupare un territorio dove ci sono persone che non sono della loro stessa tendenza. Devono farsi curare, se sono curabili, altrimenti devono stare dentro le loro mura, perché non possono invadere la libertà altrui.

Bene. Il sindaco dice che loro non possono offendere chi non appartiene alla stessa “sponda” (visto che parliamo di fiumi, perdonatemi la licenza). Ma il signor Missiato si rende conto che è proprio lui ad offendere, dando giudizi gratuiti sulle persone che non la pensano come lui?

La cosa che, però, fa maggiormente riflettere è che il sindaco di Spresiano è di sinistra: ma come, l’omofobia non era di destra?

Leggendo questa notizia mi è venuta in mente una canzone di Gaber, un cantautore che ho sempre apprezzato, specie per la sua ironia, e, onestamente, non mi sono mai chiesta se fosse di destra o di sinistra. Vi lascio il video (anche per sdrammatizzare un po’): un piccolo omaggio ad un uomo che sul prossimo la sapeva ben lunga!

[fonte e foto: Il Corriere del Veneto]

AGGIORNAMENTO DEL POST, 25 AGOSTO 2010

Il sindaco di Spresiano, Riccardo Missiato, non si è perso d’animo e non ha rinunciato alla sua battaglia contro gay, lucciole e nudisti che degradano il greto del fiume Piave. Ha fatto costruire, infatti, un fossato lungo il fiume per evitare l’accesso ai litorali di auto e motorini.
Il fossato antisesso è largo 80 centimetri e profondo 60 e si trova in prossimità delle sponde del Piave, tra Lovadina e Palanzon. Missiato giustifica con queste parole la scelta operata: «Filo spinato e palizzata costavano troppo e così ecco l‘intervento ecologico con una ruspa a scavare una scolina per impedire l’accesso alle macchine».

[fonte: Il Gazzettino]

Annunci

4 commenti »

  1. Forse essere gay oggi è di “moda”.
    Indipendentemente da tutto penso che possa essere disdicevole e controproducente essere troppo apertamente gay.
    Esistono infatti “bande” di eterosessuali che, qualche volta, dimostrano in modo violento il loro “dissenso”.

    Mi piace

  2. marisamoles said,

    @ quarchedundepegi

    Ormai l’outing va di moda e non mi piace. Insomma, i fatti privati, soprattutto certi fatti privati, devono rimanere tali.

    Ma tu, da medico, andresti a dire a un gay che è malato e deve farsi curare? Sarebbe come dire ad una trentenne vergine che è malata e ha bisogno di cure. O no?

    Mi piace

  3. Rispondere seriamente a questa domanda è estremamente difficile; inoltre non si può assolutamente generalizzare.
    Rispondo che, senza generalizzare, esistono omosessuali (raramente di sesso femminile) che desiderano essere curati e/o non accettano la loro situazione.

    In ogni caso questa situazione non è assolutamente paragonabile alla trentenne vergine.
    Forse sarebbe da curare la quattordici o quindicenne che si sente a disagio “perchè non l’ha ancora fatto”!

    Mi piace

  4. marisamoles said,

    @ quarchedundepegi

    La mia domanda voleva essere provocatoria, per mettere in evidenza che ci sono quelli che considerano anormali persone o situazioni che non rientrano nella norma.

    Certo, se un omosessuale chiede di essere curato è perché lui stesso non accetta la sua anormalità. Ma credo che queste siano eccezioni e comunque non si può negargli un aiuto. Più che una cura farmacologica, un sostegno psicologico.

    Quanto al discorso delle ragazzine, sono perfettamente d’accordo!

    Grazie e a presto.

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like @ Rolling Stone

parole, pensieri e pietre di Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

Non vado a scuola ma all'asilo

Pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: