14 giugno 2010

ERGASTOLO AL PADRE DI SANAA: GIUSTIZIA È FATTA

Posted in cronaca, figli, Legge, religione tagged , , , , , a 10:58 pm di marisamoles

Nonostante il rito abbreviato, nessuno sconto di pena per il padre di Sanaa, la ragazza di origine marocchina che è stata barbaramente uccisa il 15 settembre 2009 dal genitore. Troppo occidentale, fidanzata con un italiano … troppo difficile da accettare da parte di un musulmano.
Il Tribunale di Pordenone ha inflitto a El Kataoui Dafani, cuoco quarantacinquenne, il carcere a vita. Giustizia è fatta, almeno per ora: i legali del marocchino hanno, infatti, già annunciato il ricorso in Appello, come da prassi. Sono state riconosciute dal giudice Patrizia Botteri tutte le aggravanti: il rapporto di parentela, la premeditazione e l’efferatezza. Nessuna attenuante, mentre la difesa aveva chiesto quella culturale, come se essere musulmani significasse essere costretti ad uccidere.

Da parte sua, la difesa tenterà di smontare la premeditazione, mentre l’ex fidanzato di Sanaa, Massimo De Biasio, rimasto ferito nella stessa trappola mortale che ha visto vittima la povera ragazza, non ritiene che questa pena possa bastare per l’uomo che ha distrutto la sua vita e la felicità di due ragazzi innamorati: «L’ergastolo non è sufficiente – ha invece attaccato il fidanzato di Sanaa, Massimo De Biasio, assistito dall’avvocato Massimo Ranaldi –. In questi casi andrebbe introdotta la pena di morte».
La disperazione di Massimo è umanamente comprensibile ma non si accorge, il giovane, di mettersi allo stesso livello dell’omicida di Sanaa: per il padre di lei, infatti, la punizione nei confronti della figlia disubbidiente doveva essere la morte; Massimo pensa forse che la pena capitale, quindi il diritto di uccidere legalmente, sarebbe così diversa?

Più ragionevole la presidente dell’Associazione Donne Marocchine in Italia, parte civile al processo: «È stato un delitto in cui un padre uccide una figlia, credendo di poter assurdamente lavare un’onta inesistente col sangue di un’innocente. Questa condanna esemplare è una vittoria per tutta l’Italia e per tutte le donne e gli uomini italiani ed immigrati che amano il nostro Paese e che credono nei suoi valori fondanti».

[fonte e foto da Il Messaggero Veneto]

Annunci

2 commenti »

  1. gigino371 said,

    la cosa che stupisce nella giustizia italiana è condanne diverse sempre per lo stesso risultato quando si ammazza una persona la condanna non è sempre uguale,perchè? perchè è un marrocchino?in questo caso l’assassino.oppure per far vedere che sappiamo far applicare la legge.non sono contento nemmeno dell’affermazione della presidente dell’Associazione Donne Marocchine in Italia, parte civile al processo,per quale motivo costituita parte civile al processo? «È stato un delitto in cui un padre uccide una figlia, credendo di poter assurdamente lavare un’onta inesistente col sangue di un’innocente. Questa condanna esemplare è una vittoria per tutta l’Italia e per tutte le donne e gli uomini italiani ed immigrati che amano il nostro Paese e che credono nei suoi valori fondanti». non è una vittoria delle donne,riflettere quante donne mamme ammazzano i propri figli,come va messa la giustizia,in questo caso? il processo al padre ,secondo me è stato molto mediatico e meno giusto.

    Mi piace

  2. marisamoles said,

    @ gigino372

    In effetti, sono d’accordo con te sul fatto che la Giustizia Italiana adotti due pesi e due misure. Ma non c’entra nulla il fatto che, in questo caso, l’omicida sia marocchino e musulmano. Infatti, se prendiamo in esame un altro caso che ha fatto discutere e che è stato spesso messo a confronto con questa vicenda, l’assassinio di Hina, ragazza pakistana uccisa perché troppo “occidentale”, al padre, autore del delitto, è stata comminata una pena di soli 30 anni di reclusione (ai due figli maschi, complici del delitto, solo 17 anni!), non l’ergastolo. E dire che in quel caso, all’omicidio si era affiancato l’altro reato di “occultamento di cadavere”.

    Per me questa è davvero una giusta sentenza, al di là del fatto che si tratti o meno di un extracomunitario o di un musulmano. Purtroppo, però, omicidi altrettanto efferati commessi da Italiani non sono giudicati con lo stesso criterio (vedi, ad esempio, la condanna di Annamaria Franzoni: non ha forse ucciso suo figlio?). Quanto al discorso della presidente dell’Associazione Donne Marocchine in Italia, secondo me è giusto che si sia costituita parte civile per dare un forte segnale: le donne musulmane, infatti, sono fortemente discriminate. Le nostre, seppur madri a volte assassine, non lo sono.

    Per il caso di Hina puoi leggere, se ti fa piacere, questo interessante articolo che riguarda, tra l’altro, anche la questione dell’ attenuante (ma sarebbe meglio dire aggravante) culturale.

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like @ Rolling Stone

Immagini, parole e pietre lanciate da Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

benvenut* su alerino.blog

pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di critica, di autocritica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: