“VITA”: GIGI D’ALESSIO DEDICA UNA CANZONE AL FIGLIO ANDREA. IL VIDEO

Questa sera, ospite di Antonella Clerici a “Ti lascio una canzone”, Gigi D’Alessio (per la biografia clicca QUI) ha cantato per la prima volta in pubblico una canzone scritta per il figlio Andrea, nato il 31 marzo scorso dalla compagna Anna Tatangelo.
Emozionato, il cantautore napoletano ha spiegato alla conduttrice che non è stato difficile comporre questa canzone perché quando si scrive per un figlio le parole escono dal cuore.

Una decina di giorni fa in un’intervista (questo il LINK) D’alessio aveva anticipato l’esibizione di stasera: Ho già una canzone per Andrea, si chiama “Vita” e la presenterò al programma “Ti lascio una canzone”. Questa volta credo proprio di aver scritto qualcosa di importante, è quella che preferisco in assoluto al momento. Anna quando l’ha sentita si è messa a piangere.
Il prossimo cd uscirà in Mp4 a metà giugno.

Il titolo della canzone dedicata la piccolo Andrea è semplicemente “Vita“; può sembrare forse banale ma è una parola ricca di significato. Ecco il testo, tratto dalla pagina di Facebook di Anna e Gigi. (LINK)

Vorrei che fosse una canzone a dare un’emozione con insolite parole provo a scrivere di te
su di un foglio bianco latte c’è una stella che riflette gli occhi tuoi che dalla culla fanno luce nelle notte
poco piu’ di mezzo metro vali tutto gia’ per me
ma non sai che per qualcuno io valevo come te tanto amore

Vita,qui com…incia la tua vita
perchè Dio m’ha regalato un amore sconfinato dal pensiero d’un peccato cominciato e mai finito
e che porto dentro me
ci saro’ io pronto a difenderti dal male
farò a pugni con la febbre per non farla mai salire, lotterò contro i dolori per non farti mai soffrire sarò sempre accanto a te,
sei vita per me
tu sei qualche cosa di speciale sei luce del mio cuore

Vedrai le nuvole arrivare poi dissolversi nel sole basterà solo una rondine per far primavera sarò io l’amico vero per giocare insieme a te
troverai qualcuno al mondo che ti parlerà di me, con amore

Ti dirà che sono stato un grande
ci sarà poi qualcun’altro a dirti non contavo niente ma alla fine quel che conta è che per te sarò importante
chi può amarti più di me, nessuno
tu che sei la vera mia ricchezza
sei l’incontro di due cuori una capanna di dolcezza
sei il futuro nel mio tempo che raccoglie tutti i giorni
ogni battito di te, sei vita per me

Prima che tu fossi figlio mio
di mio padre e di mia madre sono stato figlio anche io
ma non è bastato il tempo e tutto quello che mi manca forse è una carezza di più che avrei voluto anche io ma io non ero Dio

VITA,QUI COMINCIA LA TUA VITA PROVA AD ANDARCI A PIEDI NUDI
ATTRAVERSA LA TUA STRADA SIA IN DISCESA CHE IN SALITA
PER CERCARE IN OGNI GIORNO UNA RISPOSTA AI TUOI PERCHE’
SARAI FELICE COME ME E PROPRIO COME ME A UN FIGLIO TUO GLI PARLERAI DI TE

[ultimo aggiornamento 28 aprile 2010; foto by pourfemme.it]

LA RESPONSABILITÀ DEL BLOGGER È LIMITATA AI POST FIRMATI

I fatti risalgono al 2006: un giornalista valdostano, Roberto Mancini, era stato denunciato da quattro colleghi per aver riportato sul suo blog delle dichiarazioni a loro avviso infamanti. In primo grado il blogger era stato condannato sulla base di semplici indizi che non riconducevano all’imputato stesso la paternità dei commenti oggetto d’indagine. Mancini era stato condannato dal giudice Eugenio Gramola al pagamento di una multa di 3mila euro, delle spese processuali e legali e ad una previsionale di 1.500 euro per ognuna delle parti querelanti per l’accusa di diffamazione a mezzo blog, nonostante l’ “anonimato” del blog. L’avvocato difensore, Katia Malavenda di Milano, legale di fiducia dei giornalisti del “Corriere della Sera”, aveva fin da subito annunciato il ricorso in appello. Considerato il fatto che al giornalista Mancini è stata attribuita la responsabilità del blog anonimo su cui, con il nickname di “Generale Zhukov”, criticava prevalentemente l’attività di politici e giornalisti valdostani, dal giudice il suo ruolo era stato equiparato a quello del direttore di un giornale. Nella sentenza di condanna, infatti, si leggevano le seguenti motivazioni: Colui che gestisce un blog altro non è che il direttore responsabile dello stesso, pur se non viene formalmente utilizzata tale forma semantica per indicare la figura del gestore e proprietario di un sito internet. Ma, evidentemente, la posizione di un direttore di una testata giornalistica stampata e quella di chi gestisce un blog (e che, infatti, può cancellare messaggi) è, mutatis mutandis, identica.

La sentenza d’appello ha, però, ridimensionato la responsabilità di Mancini che è stato condannato solo per gli articoli da lui stesso firmati: la terza sezione della Corte di Appello di Torino (presidente-relatore Gustavo Witzel) ha, infatti, ritenuto che la figura del blogger non sia equiparabile a quella di un direttore di giornale e che la responsabilità del blogger sia relativa solo ai testi che lui stesso firma. Ne consegue che tutti i post che non sono firmati non possono essere attribuibili al gestore.

La sentenza lascia comunque perplessi: se il blog non ha un nome fittizio, il gestore è responsabile in prima persona di ciò che scrive, in quanto sono attribuibili a lui stesso tutti gli articoli. Quindi, a rigor di logica, è meglio non esporsi con critiche che possono essere mal interpretate, ad esempio se celate sotto il velo della satira.
Il blogger, tuttavia, non può “mettere il bavaglio” ai commentatori, anche se è libero di pubblicare o meno i commenti. Il fatto che si dissoci, come spesso capita anche a me, può tutelarlo da eventuali denunce? Mah.

Insomma, in ogni caso si potrebbe invocare la libertà di espressione, anche per quanto riguarda il dissenso. È vero, tuttavia, che si possono esprimere delle critiche mantenendo il tono civile, senza trascendere e rischiare una denuncia per diffamazione.

Mi sorge spontanea una domanda: cosa potrebbe pensare di questa sentenza George Orwell secondo il quale la vera libertà di stampa è dire alla gente ciò che la gente non vorrebbe sentirsi dire?

[fonte: Il Corriere]