12 marzo 2010

I GENITORI NON NASCONO SOTTO I CAVOLI

Posted in adolescenti, affari miei, famiglia, figli, scuola tagged , , , , , a 6:06 pm di marisamoles


Lo so, è banale ma il detto “genitori non si nasce, si diventa” è sempre valido. Il mestiere del genitore è il più difficile al mondo e, nonostante ci si metta la più buona volontà, c’è sempre qualcosa che non va, un errore lo si commette sempre. E poi arrivano i sensi di colpa: avete presente quei macigni che pesano sul cuore, di cui è difficile liberarsi se non con una profonda riflessione su sé stessi, sul proprio cammino, mettendo sul piatto della bilancia i difetti ma anche i molti pregi che ogni genitore ha? C’è una parola magica che, in casi come questi, allontana per sempre i sensi di colpa: autostima. Che poi significa volersi un po’ più bene.

I genitori d’oggi sono spesso sotto accusa: non sanno educare i figli, concedono troppe libertà e infliggono poche punizioni, di contro sono sempre pronti a premiare anche quando i figli fanno solo il loro dovere. Li difendono sempre, specie quando a scuola sono un fallimento; in quel caso la colpa è degli insegnanti che non capiscono, non giustificano, non aiutano, sono solo pronti a mortificare i poveri e innocenti pargoli con dei votacci e delle note sul libretto. Quasi mai questi genitori si fanno un esame di coscienza. Giudicano, ma molto raramente gradiscono essere giudicati.

Capita, a volte, che ai colloqui arrivino delle madri o dei padri (più raramente) pronti ad affrontare il docente di turno armati di una corazza e pronti a sferrare il primo colpo. Spesso i professori non hanno nemmeno il tempo di difendersi perché i genitori attaccano, con la presunzione di essere dalla parte della ragione.
Eh sì, il mestiere più difficile al mondo, dopo quello del genitore, è quello dell’insegnante alle prese con i figli e, di conseguenza, i genitori altrui. In questa guerra bisogna armarsi di infinita pazienza, cercando di spiegare che la collaborazione scuola-famiglia non è un’utopia, può essere una realtà solo se ci fosse davvero uno sforzo da parte di entrambi per giungere all’unico obiettivo finale che sta a cuore a tutti e due: il benessere dell’allievo. Il che non vuol dire necessariamente che uno studente si debba per forza “trovare bene” a scuola: da questo punto di vista, se chiedessimo ai ragazzi come stanno a scuola, risponderebbero che l’unico momento in cui si trovano a proprio agio è quello dell’intervallo e l’unico luogo è la palestra.
Il vero obiettivo, invece, è quello di far star bene a scuola gli allievi perché possano trarre il maggior vantaggio possibile dal punto di vista emotivo per giungere ad un apprendimento ottimale.

Io personalmente non ho avuto grossi scontri con i genitori. Ricordo, però, quando all’inizio della carriera ero rimasta allibita di fronte ad un attacco in piena regola da parte di una collega nei confronti di un’altra collega, ognuna delle quali assumeva in quel contesto un ruolo diverso: una quello della madre, l’altra quello dell’insegnante. Non ricordo bene come siano arrivate agli insulti, ma ho ben impresso nella memoria l’attacco verbale della collega-madre nei confronti della collega-insegnante: “Che credibilità vuoi avere tu con quelle minigonne che mio figlio ti ha visto pure le mutande!”. Se consideriamo che sto parlando degli anni ’80, in effetti la situazione non era proprio normale. Voglio dire che oggigiorno si sente parlare di prof osé che con il loro abbigliamento turbano gli allievi nell’età dell’innocenza ( o almeno crediamo sia tale). È accaduto anche che qualche prof con pantaloni a vita bassa e perizoma ben in vista sia stata filmata dagli allievi e che il video poi sia stato scaricato su you tube. Ma negli anni ’80 queste cose non succedevano e devo dire che io stessa, nonostante la giovane età, andavo a scuola vestita come una suora.

Ho fatto cenno a quel lontano episodio solo per dimostrare che talvolta la peggior specie di genitore è proprio quella dell’insegnante-madre di un tuo allievo. Ma, a onor del vero, episodi del genere rimangono comunque isolati. La stima è, innanzitutto, la prerogativa da cui può originarsi un buon rapporto tra le due parti. È anche vero che la stima uno se la deve guadagnare e può avere un certo successo se assume un comportamento coerente con il suo ruolo e con il patto formativo che viene stretto tra insegnanti e allievi. Detto in soldoni: meglio evitare fregature.
Proprio per questo, qualche giorno fa mi sono ritenuta fortunata per avere avuto due incontri con dei genitori che hanno apertamente appoggiato il mio comportamento nei confronti dei loro figli, ritenendolo coerente: in un caso, avevo punito un allievo poco attento alle lezioni, nell’altro avevo reagito dimostrando rigore e serietà di fronte ad una palese violazione del regolamento. Ricevere le scuse dei genitori degli allievi in questione per il comportamento irrispettoso dei figli sarebbe già bastato a rendermi felice. Ma quello che mi ha dato più soddisfazione è stato un “grazie” sincero ed onesto da parte di persone che non solo hanno fiducia nel mio operato, ma sono pronte ad appoggiare ogni mia decisione, anche se “crudele”, nel momento in cui ci sia da parte loro la consapevolezza che ogni risoluzione è presa da me per il bene dei loro figli.
Si chiama semplicemente collaborazione “scuola-famiglia”, ma sembra quasi un miracolo.
È proprio vero che se genitori si diventa, qualche volta lo si nasce ma non sotto i cavoli!

Annunci

1 commento »

  1. […] Originale: I GENITORI NON NASCONO SOTTO I CAVOLI « Marisa Moles's Weblog Articoli correlati: GLI ESAMI, PER FORTUNA, SONO FINITI « Marisa Moles's […]

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like @ Rolling Stone

parole, pensieri e pietre di Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

Non vado a scuola ma all'asilo

Pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: