I 5 IN CONDOTTA AUMENTANO: I NUOVI PIERINI ALLA RISCOSSA


In un Comunicato Stampa (questo il LINK ) il MIUR ha reso noti gli esiti degli scrutini del I quadrimestre nelle scuole secondarie italiane. I dati riguardano l’80% delle scuole di I e II grado e non sono per nulla confortanti: 63.525 allievi (su un totale di scrutinati pari a 3.875.987) hanno riportato l’insufficienza nel comportamento, 11.181 in più rispetto allo scorso anno.

La cosa che più fa riflettere è il numero di ragazzi insufficienti in condotta alla scuola media: 17.035, con un aumento esponenziale nel passaggio dalla prima classe alla terza. Il che autorizza a pensare che la situazione peggiori di anno in anno, nel passaggio alle superiori, dove, infatti, ben 46.490 allievi hanno avuto il 5 in condotta, con percentuali più alte ai professionali e le insufficienze diminuiscono passando ai tecnici ed arrivando ai licei. Qui, però, si assiste ad una diminuzione del numero degli indisciplinati man mano che si avvicina al quinto anno: si parte dalle 16.347 unità nella prima classe per arrivare ai “soli” 3844 allievi insufficienti in quinta. Come dire: più passano gli anni, più diventano saggi o semplicemente meno autolesionisti.

Sia alle medie che alle superiori, gli studenti che non mantengono un comportamento corretto nelle aule scolastiche sono più numerosi al sud e nelle isole e meno numerosi al nord. In entrambi gli ordini di scuola i più bravi sono gli studenti del nord est (1293 insufficienze alle medie e 2556 alle superiori). E i numeri non sono più confortanti per quanto riguarda il profitto: alle superiori, ad esempio, ben il 76% ha riportato almeno un’insufficienza in pagella, contro il 72% dello scorso anno. Le materie decisamente più ostiche sono risultate la matematica e le lingue straniere, specie l’inglese.

Di fronte a questi dati, il ministro del MIUR Mariastella Gelmini ha osservato, soddisfatta, che la nostra scuola è lontana dal 6 politico e, per quanto riguarda il voto di condotta, il comportamento è importante nella valutazione complessivo dei ragazzi, perché gli studenti sono titolari di diritti ma anche di doveri come il rispetto delle istituzioni scolastiche e dei compagni.

Certo, se trasformiamo in percentuali i dati relativi alle insufficienze in condotta, nella scuola secondaria di I grado si va dal massimo di un 2,1% ad un minimo dello 0,5%, il che fa sembrare la situazione meno preoccupante. Alle superiori, invece, la percentuale più alta di insufficienze in condotta si riscontra sempre al sud con il 4,1%, mentre i più bravi sono gli studenti del nord-est, solo lo 0,7%.

A questo punto, mi sento di fare un’osservazione: l’introduzione del 5 in condotta doveva servire da deterrente, ma così non è stato, visto l’aumento del numero di studenti insufficienti. Per fare un esempio, quando è stata introdotta la patente a punti, nell’arco di un anno sono diminuiti drasticamente gli incidenti (o comunque le vittime sulla strada) e le infrazioni in generale. Si può dire, quindi, che il provvedimento sia servito a dare una regolata al comportamento troppo dissennato al volante.
La stessa cosa non si può affermare sugli studenti che frequentano le aule scolastiche. È lecito pensare, quindi, che siamo di fronte a dei nuovi Pierini, assai diversi dal discolo e un po’ volgarotto Pierino dei film con Alvaro Vitali. I nuovi Pierini, infatti, non si limitano a fare le battutacce o gli scherzetti ai compagni più deboli o agli insegnanti più odiati. Niente più chewing-gum o colla sulla sedia del prof o ragni finti nello zaino delle ragazzine perbene. I nuovi Pierini sono tecnologicamente avanzati: armati di telefonino, fotografano i professori o i compagni, prendendo di mira i più deboli, incapaci di difendersi, e scaricano le scenette delle loro bravate su You tube. E se non hanno voglia di fare un compito in classe, non telefonano a scuola per dire che c’è una bomba (come accadeva ai miei tempi), tanto non ci crederebbe nessuno, ma entrano nottetempo nei locali dell’istituto e lo allagano. Se, poi, non vogliono riferire a casa i brutti voti delle interrogazioni o dei compiti, non si limitano a mentire ma, sempre nottetempo, penetrano negli edifici scolastici e danno fuoco non ai registri dei loro docenti, ma direttamente a tutta la sala insegnanti.
Se poi consideriamo che alla fine dell’anno scolastico spesso vengono graziati perché si deve pur sempre considerare lo sforzo per migliorare, allora comprendiamo bene che la maggior parte dei Pierini sono disposti a simulare un qualche pentimento, salvo prepararsi alla riscossa nel nuovo anno scolastico.

Eh no, cara Gelmini, non basta essere fieri di “una scuola del rigore e della severità”. La scuola deve recuperare la sua valenza educativa, deve lanciare precisi segnali per evitare che si manifestino i casi di bullismo e per venire incontro ai disagi psicologici che talvolta sono all’origine dei casi più eclatanti di comportamenti scorretti. Non solo, la scuola deve offrire ai docenti degli strumenti per arginare i fenomeni sopradescritti attraverso una seria formazione degli insegnanti (almeno nelle aree più a rischio), senza aspettare che gli stessi si muovano spinti da quella buona volontà che da anni caratterizza l’insegnamento, ma obbligandoli a corsi di aggiornamento ciclici. E poi, visto che negli ultimi anni si parla di azienda-scuola, di utenza, di offerta di un prodotto di qualità, bisognerebbe garantire a tutte le componenti -docenti, personale ATA, genitori e allievi- un supporto psicologico attraverso uno psicoterapeuta o la figura del counselor che in America è una realtà da decenni.
Per fare questo, però, ci vogliono dei fondi che il ministro non ha voglia di spendere, visto che la riforma della secondaria di II grado ha portato a dei tagli del personale per risparmiare sugli stipendi. Anche per venire incontro alle difficoltà prettamente scolastiche degli studenti, il ministro ha deciso di non investire grandi somme (in netto contrasto con la C.M. 6163 del 4 giugno 2008) e così potrà sempre dire che la “sua scuola” non regala niente a nessuno e che il solo modo per ottenere un buon profitto è quello di studiare e comportarsi bene.
Mettere sullo stesso piano i doveri della scuola, intesa come istituzione, e quelli degli studenti sarebbe un’idea. Non si può sempre ricordare a degli adolescenti che hanno dei doveri, dimenticandosi di quelli che competono allo Stato nei confronti dei suoi cittadini.