SANREMO 2010. VALERIO SCANU-PIERDAVIDE CARONE: UN BINOMIO NON PROPRIO AZZECCATO

AGGIORNAMENTO, 21 FEBBRAIO ORE 1:05

Alla fine Valerio ha vinto! E chi se l’aspettava, dopo un inzio del festival così travagliato?
La cronaca delle fasi finali della serata l’ho scritta QUI.

PREMESSA: scrivo questo post per le irriducibiliziedivalerio cui tempo fa avevo promesso di guardare l’esibizione di Valerio a Sanremo. In particolare per Marinella. 🙂

La canzone è bella, intendiamoci. Ma forse è più vicina allo stile di Carone che ne è l’autore. Valerio è stato bravo, anche a vincere l’emozione che, indubbiamente, un palcoscenico come quello del Teatro Ariston di Sanremo suscita in tutti, debuttanti e non. A maggior ragione quando si è giovani come Valerio.
Insomma, secondo me il pezzo non valorizza le doti canore dello Scanu. Meritava qualcosa di meglio e non sono solo io a pensarlo.
Leggete QUA.

AGGIORNAMENTO DEL POST, 18 FEBBRAIO 2010

Trascrivo alcuni commenti ripotati dalla stampa all’indomani della prima esibizione di Valerio a Sanremo:

17 febbraio 2010

Libero: Valerio Scanu ha pagato lo scotto dell’emozione

Il Messaggero: il giovane principe di Amici che a Sanremo gira smarrito davanti ad una platea il cui consenso va conquistato

La Stampa: partono, come in un agguato, i 5 giorni di Zarrillo, ma Scanu conquista poi autonomia nel brano fresco, rutilante nei versi, coraggiosamente minimalista nell’interpretazione: l’emozione frena le ambizioni (e per il carisma tocca spettare)

La Repubblica: Valerio Scanu è uno che sembra uscito da quelle melodie indistinte che si facevano per i Sanremo minori degli anni 70.

Paolo Biamonte, Ansa: se non si sapesse che Valerio Scanu è un ex di Amici, dalla sua canzone si potrebbe pensare che è coetaneo di Cutugno.

[fonte: mondoreality]

Ma le critiche sono incominciate già prima del festival (dicembre 2009):

Paolo Giordano (Il Giornale): Valerio Scanu, un altro talento forse immaturo, ma voce che è ancora alla ricerca dell’esperienza giusta per colorarsi

Marinella Venegoni (La Stampa): Per non trascurare Amici di Canale 5 è stato scelto Valerio Scanu: come big lo vediamo un po’ poco (anzi per niente) ma questo è il festival dei nostri tempi, gara tv ad uso tv per chi guarda la tv e basta

Roberta Brunelli (L’Unità): quest’anno dalla fabbrichetta di Maria De Filippi arriva Valerio Scanu, faccetta da bimbo viziato e voce finto-soul

[fonte: mondoreality]

Non significa che sono d’accordo, ovviamente. Un po’ mi ritrovo in quello che dice Marinella Venegoni, in generale e non nello specifico su Valerio, e Paolo Biamonte, riguardo alla canzone un po’ da “vecchietto”.

Una cosiderazione me la permetto: Pierdavide io me lo vedo un po’ come il “vecchio” Branduardi, ma la canzone che ha scritto per Valerio (se l’ha scritta apposta, non so) è un po’ strana: è come se l’apprendista-cantautore (dire cantautore mi sembra azzardato, in fondo sta ancora studiando!) avesse creato un pezzo arrivando ad un compromesso: un po’ suo stile e un po’ canzone melodica cara al Valerio di “Sentimento”. Magari sto dicendo una bestialità, ma questa è la mia impressione.

A tutte le zie faccio un appello: non perdete la speranza e TELEVOTATE! 🙂

AGGIORNAMENTO, ORE 21.38

Dopo aver ascoltato il duetto con Alessandra Amoroso, devo ammettere che la canzone è meravigliosa e Valerio è stato molto bravo. Sono sicura che sarà ripescato!

LEGGI ANCHE IL NUOVO POST: Amici 9. Pierdavide a Maria: “Quando mi nominano divento stupido”

SANREMO 2010: PRIMI ELIMINATI PUPO, CUTUGNO E D’ANGELO

Stando alle prime eliminazioni (provvisorie, c’è sempre il ripescaggio), il 60esimo Festival della Canzone di Sanremo si annuncia come il festival dei giovani. Non so quali aspettative avessero i primi tre eliminati (in realtà cinque, visto che Pupo si presentava con due “compari”), in ogni caso dovrebbero capire che il mondo musicale è cambiato, specie dopo l’avvento dei talent-show. Le nuove generazioni di cantanti prendono il sopravvento, con buona pace dei veterani e ottimi auspici per i discografici.

Non metto in discussione la qualità delle canzoni eliminate -non sono un critico musicale e i gusti sono comunque sempre personali-, ma credo che si sia un po’ stufi di vedere sempre le stesse facce. Pupo ha ormai una fulgida carriera di conduttore ben avviata, Cutugno, come dice, fa concerti all’estero, D’angelo avrà sempre i suoi estimatori nell’ambito della canzone partenopea … si ritirino, una buona volta e lascino spazio ai giovani.

L’unico tra i veterani a tener duro pare sia Ruggeri, ma lui è giovane di spirito e, nella veste di conduttore televisivo, ha messo in luce la sua capacità di affrontare anche delle tematiche care ai giovani. Dovesse andar male, ha sempre un’occupazione alternativa.
Che dire dei fischi impietosi che ha dovuto subire il principe Emanuele Filiberto? Forse lui di colpe non ne ha: è stato Pupo a tirarlo in ballo … però, visto che come ballerino ha dimostrato delle doti, poteva limitarsi a mettere in mostra quelle!

I pronostici sono dalla parte del new talent Marco Mengoni, già vincitore di XFactor. Se l’anno scorso la vittoria è andata a Marco Carta, trionfatore della precedente edizione di “Amici”, non sarà che per la par condicio fra Rai e Mediaset faranno vincere proprio Mengoni?

LEGGI ANCHE L’ARTICOLO CORRELATO: Sanremo 2010: il festival del revival, dei talenti e dei misteri.