IL VOLONTARIATO DEI GENITORI A SCUOLA PUÒ RISOLVERE I PROBLEMI FINANZIARI?

Leggo su Tuttoscuola.com un interessante articolo che riguarda l’iniziativa di un istituto comprensivo milanese: chiedere l’appoggio dei genitori per arginare il problema finanziario dovuto alle sempre più magre risorse destinate dal MIUR alle scuole.

In un momento di crisi come questo è bene che i genitori diano il buon esempio ai figli: la Dirigente Scolastica del S. Ambrogio ha inviato una lettera alle famiglie in cui chiede la collaborazione in molti ambiti: lavori di segreteria, lavori di pulizia, tinteggiatura-imbiancatura, piccole opere edili-murature, lavori di impianti elettrici o idraulici, lavori di trasporto, piccoli facchinaggi e spostamento mobili, lavori amministrativi, organizzare-condurre feste iniziative ludiche e pronto intervento.
Nella lettera si legge: Nella condivisione che contraddistingue una comunità abbiamo bisogno della collaborazione di tutti. Le iniziative di collaborazione ci consentono di coprire alcuni aspetti operativi e organizzativi, in caso contrario aumenterebbero i costi di gestione.

Oddio, il ragionamento non fa una piega però, se fossi un genitore, mi sentirei offesa. Non dalla Dirigente che, poveretta, fa quel che può, ma dallo Stato che spinge i dirigenti disperati a chiedere aiuto ai genitori, confidando nella loro opera di volontariato.
Aspettiamo solo che chiedano anche a noi docenti di fare qualche servizio in più … e non solo in biblioteca!