17 dicembre 2009

ALBERTO STASI ASSOLTO: “LO SAPEVO”

Posted in Uncategorized a 9:51 pm di marisamoles

Dopo cinque ore di Camera di Consiglio, il Gup di Vigevano, Stefano Vitelli, ha assolto Alberto Stasi: non è lui l’assassino di Chiara Poggi, la fidanzata dell’unico indagato per il delitto che ebbe luogo a Garlasco il 13 agosto di due anni fa.
L’assoluzione Stasi se l’aspettava; alla notizia del verdetto ha affermato “lo sapevo”. E se Alberto è uscito dall’incubo, come lui stesso ha ammesso abbozzando, per la prima volta, un sorriso, di tutt’altro avviso sono i signori Poggi: “Una sentenza che non rende giustizia”, ha commentato amaramente la madre di Chiara che, evidentemente, confidava nell’accolgimento dell’istanza del Pm che aveva chiesto trent’anni di reclusione (nel rito abbreviato, infatti, è esclusa la condanna all’ergastolo).

Innocente, dunque, ma non assolto con “formula piena”. Il Gup, infatti, si è pronunciato in base all’articolo 530, secondo comma, del codice di procedura penale: stabilisce che deve essere pronunciata sentenza di assoluzione “quando manca, è insufficiente o è contraddittoria la prova”. Tanto basta a Stasi per sentirsi risollevato, ma non per dare certezza ai genitori di Chiara che Alberto non sia l’assassino. Eppure lui si è sempre dichiarato innocente; altrettanto certo della sua innocenza si era detto il padre, Nicola Stasi, che nell’ottobre scorso aveva rilasciato un’intervista al quotidiano La Provincia Pavese, su cui ho scritto anche un post.

Forse, ancora una volta, sulla vicenda ha avuto un influsso negativo l’eccessivo interesse dei media. Stasi, descritto anche oggi, nei servizi che rendevano nota la sua assoluzione, come persona fredda, impassibile, con quel suo sguardo glaciale, aveva tutte le caratteristiche per essere l’assassino di quella povera ragazza. Anche se poi un vero movente non è mai stato trovato. Le perizie descritte così minuziosamente sui quotidiani e nei vari servizi giornalistici televisivi, insinuavano di volta in volta, a seconda che fossero pro o contro Stasi, il sospetto che lui fosse colpevole o, nel caso contrario, fosse ingiustamente accusato. Lui, alla lettura del verdetto, è scoppiato in lacrime, forse le prime dopo quelle versate subito dopo la morte di Chiara. Poi ha abbracciato la sua nuova fidanzata, Serena: “Lo sapevo, io non ho ucciso. Sono uscito da un incubo”, ha esclamato, abbracciando poi anche i suoi avvocati. Per lui inizia da domani una nuova vita, pur nell’attesa di un ulteriore giudizio: i genitori di Chiara, infatti, hanno annunciato il ricorso in Appello, è un loro diritto. Ma questa volta Alberto affronterà il processo da innocente non da presunto colpevole.

Per ora, Alberto chiede silenzio: lui che in due anni di indagini non ha quasi mai rilasciato dichiarazioni, ora vuole che anche la gente taccia, che non si occupi più di lui, che i giornalisti non gli facciano domande. Quello che c’è da sapere lo si può leggere sui giornali o vedere alla TV. Alberto Stasi non partecipa nemmeno alla conferenza stampa cui non mancano, però, di presenziare i signori Poggi. Qualcuno chiede se hanno intenzione di parlare con Alberto. Per ora no, rispondono, è troppo presto. Già, sono troppo addolorati per questa sentenza che non rende giustizia, dimostrando, ancora una volta, che gli Italiani della giustizia si fidano assai poco. Pare che sia difficile accettare il verdetto quando non è quello che ci aspettava. Sarebbe più onesto, ora, fidarsi e chiedere scusa ad Alberto. Forse si sono sbagliati loro, non il giudice.

[Per leggere un resoconto dettagliato invito alla lettura de Il Corriere]

Annunci

3 commenti »

  1. elisabetta said,

    Ora “tutto da rifare” e non solo il processo d’appello, ma anche le indagini che fino ad ora si sono svolte solo su un binario (quello di Alberto Stasi)… Allora… “Chi ha ucciso la povera Chiara Poggi” ?
    Resta ancora un interrogativo aperto e una risposta da dare a quei genitori e giustizia da rendere alla vittima.

    Mi piace

  2. marisamoles said,

    @ Eli

    Certo, tutto da rifare. Ma quei genitori non si pongono alcun interrogativo; hanno dimostrato di “sapere” già chi ha ucciso la povera Chiara. Credo che di fronte all’assoluzione avrebbero dovuto fare uno sforzo e chiedere scusa ad Alberto. Sarebbe stato un atto di carità cristiana e invece hanno esternato, ancora una volta, l’odio per quel ragazzo che la loro figlia aveva scelto come compagno. All’odio, a lungo coltivato esclusivamente sulla base di supposizioni, si aggiunge il rancore nei confronti del giudice che ha solo fatto il suo dovere. Se poi l’appello dimostrerà la colpevolezza di Alberto, l’interrogativo “Chi ha ucciso Chiara?” si ripresenterà: io non credo che un ribaltamento del giudizio faccia davvero luce. Rimane sempre il dubbio: chi ha sbagliato nel giudicare? Non è per nulla scontato che il secondo giudizio sia quello corretto. Anzi, io credo che un giudice unico, come il Gup, abbia una serenità di giudizio, oltre che le competenze, che una giuria popolare non ha: dopo due anni che Stasi è stato “perseguitato” dai media, non so quale idea si sia fatta l’opinione pubblica. Forse quella che si tratta di un mostro … a piede libero.

    Secondo me in Italia si pensa che un indagato sia colpevole (ovviamente non mi riferisco ai rei confessi) e che debba dimostrare la sua innocenza. Ma la Legge dice esattamente il contrario.

    Mi piace

  3. […] da un incubo. Poche parole che sembravano voler chiudere per sempre la questione (ne ho scritto QUA). Poi, è apparsa un’intervista-sfogo sul quotidiano “Libero”, in cui ha tentato di esprimere […]

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Scelti per voi

Selezione di post che hanno attirato la mia attenzione scelti per voi dalla blogsfera

wwayne

Just another WordPress.com site

Diario di Madre

Con note a margine di Figlia

Scrutatrice di Universi

Happiness is real only when shared.

Like @ Rolling Stone

Immagini, parole e pietre lanciate da Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo-Psicoterapeuta. Battipaglia (SA)

Psicologo Clinico, Terapeuta EMDR di livello II, Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale, Terapia Metacognitiva Interpersonale.

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

oןısɐ,ןןɐ ɐɯ ɐןonɔs ɐ opɐʌ uou

pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di critica, di autocritica, di insulti, di ritrattazioni, di sciocchezze e sciocchezzai, di scuola e scuole, di temi originali e copiati, di nonni geniali e zie ancora giovani (e vogliose), di bandiere al vento e mutande stese, di cani morti e gatti affamati (e assetati)

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

CORSI DI SCRITTURA CREATIVA, ATTUALITA' EDITORIALE, DIDATTICA E STRUMENTI PER LA SCRITTURA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Studio di Psicoterapia Dr.ssa Chiara Patruno

Psicologa - Psicoterapeuta - Criminologa - Dottore di Ricerca Università Sapienza

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Le Ricette di Cle

Ricette collaudate per ogni occasione

Messaggi in Bottiglia

Il diario di Cle

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: