31 agosto 2009

LE MIGRAZIONI DEI PROF: ECCO IL PERCHÉ

Posted in attualità, lavoro, politica, scuola tagged , , , , , , , , , , , a 9:00 pm di marisamoles

valigieMe ne sono occupata anche in un recente articolo che riguardava la mia regione. Ora, dopo aver raccolto altre informazioni, ho voglia di riparlarne.

Nell’ultimo periodo, specie con l’approssimarsi della riapertura delle scuole, non si fa altro che parlare dei precari che rischiano di non avere l’incarico annuale come supplenti, nonostante abbiano alle spalle anni e anni d’insegnamento. Aspirare ad un “posto fisso” nella scuola è ormai un’utopia. Ma il problema investe tutti gli ambiti lavorativi e per i giovani, nonché per i meno giovani, non c’è altro modo per “campare” se non accettare dei contratti a termine. Ciò vale, dunque, anche per il mondo della scuola dove cambia la terminologia ma la sostanza rimane quella: “supplenza annuale” equivale a “contratto a termine”. E quando parliamo di precari della scuola, non dobbiamo tener presente solo i docenti, ma anche il cosiddetto personale ATA, ovvero ausiliare (gli ex bidelli, insomma), tecnico (cioè coloro che si occupano in prevalenza dei laboratori) e amministrativo (ovvero il personale di segreteria).

È di ieri la notizia che due coniugi casertani, entrambi precari della scuola (alcune fonti li definiscono “insegnanti”, altre facenti parte del personale ATA), nella triste se non disperata prospettiva dì trovarsi entrambi senza lavoro, si sono rinchiusi nell’Ufficio Scolastico della loro città e hanno minacciato di suicidarsi buttandosi dalla finestra. La perdita del lavoro, però, l’avrebbero potuta evitare: avevano, infatti, rinunciato ad un incarico in una scuola di Brescia, rassicurati da alcuni sindacalisti sulla possibilità di entrare in graduatoria a Caserta. Le cose, però, sono andate diversamente: avendo rinunciato all’incarico, sono stati esclusi dalla graduatoria di Brescia, senza riuscire ad entrare in quella di Caserta. Attualmente la protesta è terminata ed è stato annunciato un incontro tra il Prefetto e i rappresentanti sindacali.

Certo, la questione della “transumanza” degli insegnanti è alquanto spinosa. Ma è un problema che, secondo il ministro del MIUR Mariastella Gelmini, deve avere una soluzione. In un’intervista a Il Giornale del 30 luglio, il ministro afferma: Basta con il viavai dei professori che cambiano scuola ogni anno, facendo la spola da una regione all’altra, da una città all’altra. Voglio rivedere questi meccanismi. Ovvio che faremo attente verifiche ma il mio obiettivo è quello di sostenere la continuità didattica, voglio chiudere l’epoca degli insegnanti stagionali.
Eh già, perché se per i docenti costretti a migrare da settembre a giugno la situazione diventa insostenibile anche a causa dei costi che una supplenza fuori sede e così lontano comporta, senza parlare delle complicazioni a livello familiare, anche per gli allievi non è il massimo. Spesso, infatti, i prof cambiano scuola ogni anno e la cosiddetta continuità didattica va a farsi friggere, come si suol dire. È un disagio non da poco per bambini e adolescenti, perché il “via vai” dei docenti si verifica ad ogni livello d’istruzione, dalla scuola per l’infanzia a quella secondaria di I e II grado.

Tuttavia, non sono solo i prof a spostarsi in continuazione, un anno qua un anno là. Anche molti presidi che prestano servizio al nord provengono dal sud. Ciò comporta un aggravarsi della situazione perché la gestione della scuola, specie degli istituti grandi, è complessa e sono necessarie delle sinergie tra le varie componenti che, non appena raggiunte, vengono meno e ogni anno si deve ricominciare. Il ministro, in un’altra intervista (del 18 agosto), dichiara: La scuola non può essere un parcheggio temporaneo dove si aspetta di andare da qualche altra parte. I dirigenti dovrebbero restare un periodo di tempo sufficiente a gestire una programmazione organica.
Per arrivare a ciò, sempre secondo la Gelmini, bisogna legare la presenza sia dei dirigenti sia dei professori a un numero maggiore di anni, non meno di due o ancor meglio tre. Certo, sembra facile ma in effetti non lo è: nell’ambito della mobilità del personale della scuola, i trasferimenti sono annuali. Quindi, a buon diritto i dirigenti scolastici meridionali entrati di ruolo al nord, non appena seduti alla scrivania della nuova presidenza, hanno bell’e pronta la domanda di trasferimento per avvicinarsi a casa. Chi non lo farebbe? Ciò vale anche per i docenti, prevalentemente supplenti.

I dati riportati da Il Giornale stimano l’arrivo a settembre, nella sola Lombardia, di un centinaio di dirigenti scolastici, vincitori di concorso al sud che, in mancanza di sedi disponibili nelle loro regioni, devono fare il “trasloco”. Se consideriamo che molti hanno alle spalle una lunga carriera nell’ambito dell’insegnamento e con grandi sacrifici sono riusciti a raggiungere una sede comoda, vicina a casa, in questo modo è come se iniziassero tutto da capo con la sola, non trascurabile, differenza che lo stipendio di un preside è molto più alto di quello di un docente, quindi possono affrontare la migrazione con più serenità, almeno dal punto di vista economico.

Ma, al di là delle parole del ministro –sono i fatti che contano e tra il dire e il fare …- è legittimo chiedersi come mai ci sia questo continuo spostamento del personale della scuola, a tutti i livelli, dal sud al nord. Nel meridione non ci sono scuole? Oppure le cattedre sono poche rispetto agli insegnanti abilitati? Oppure che cosa? Ecco che, incuriosita da questo strano fenomeno, per caso mi sono imbattuta in un articolo de Il Corriere, non recente in verità, ma sicuramente emblematico. Ho così scoperto che al sud c’è una strana solidarietà nei confronti dei giovani docenti che non hanno possibilità di entrare in graduatoria nelle loro regioni, specie in Campania, né hanno piacere di sottostare alle regole della “transumanza” sopradescritta: scuole private altamente caritatevoli offrono loro un posto, delle cattedre di 18 ore teoricamente ma in pratica si arrogano il diritto di farli lavorare anche più di 30 ore a settimana. Quest’apparente opera di beneficenza, però, fa del bene solo alla scuola perché i docenti prestano servizio gratuito o sono pagati due o trecento euro al mese. Ma allora, vi chiederete, dove sta il vantaggio dei docenti? Perché se è vero che l’insegnamento è anche una missione, i docenti non sono del tutto scemi né sono Madre Teresa di Calcutta. In sintesi: in cambio di questa sorta di attività servile (da servus latino = schiavo), i mal o ben capitati, a seconda dei punti di vista, ottengono la possibilità di avere dei punti preziosi per entrare in graduatoria e sperare, un giorno, in un contratto a tempo indeterminato (ex ruolo). Shoccante, è vero, ma reale. Ci sono delle testimonianze. Ve ne riporto parzialmente alcune.

M. è una trentenne che da quasi tre anni lavora in un istituto primario paritario che si trova nell’agro nocerino-sarnese, area a metà strada tra Salerno e Napoli. Ha iniziato ad insegnare grazie alla “solita raccomandazione”. Della sua esperienza racconta: Già il primo giorno è stata chiara [la preside]: mi ha detto che a fine mese avrei dovuto dichiarare di aver ricevuto il compenso ordinario firmando la busta paga, ma mi sarebbero stati concessi solo 300 euro. Sono costretta a firmare e a dichiarare il falso perché questa finta retribuzione garantisce il pagamento dei contributi previdenziali, condizione necessaria per l’attribuzione dei 12 punti annuali in graduatoria.

Molto simile la storia di S. che dice: Lavoravo fino a 30 ore alla settimana e a fine mese l’istituto mi pagava solo 200 euro. Questo calvario è durato ben sei anni. […] Nella scuola vi erano oltre trenta docenti e la maggioranza si trovava nelle mie stesse condizioni. […] Mi dispiace dirlo, ma senza i compromessi accettati nella scuola privata, oggi non lavorerei in un istituto pubblico.

Poi c’è G. che fa il resoconto della sua esperienza: L’anno scorso ho lavorato l’intero anno e poi non mi hanno più chiamato. Non ricevevo nemmeno un euro come adesso, ma dovevo fare quasi 50 km in macchina per arrivare a scuola. G. non è ancora abilitato e ricevere questo nuovo incarico gli sembra una benedizione. [… ] Mi rendo conto – dice –che non è il massimo, ma questo lavoro non remunerato mi permetterà, dopo un anno e mezzo di sacrifici, di fare il concorso all’abilitazione.

Il bello è, si fa per dire, che i Sindacati conoscono la situazione, sanno che molti piuttosto che trasferirsi al nord acconsentono di essere sfruttati e di firmare documenti falsi. Ma, come afferma il segretario provinciale Uil-scuola, Gerardo Pirone, in oltre vent’anni al sindacato sono pervenute solo due denunce da parte d’insegnanti di scuole private che si lamentavano della retribuzione offerta dai loro datori di lavoro. Solo di fronte a delle regolari denunce il sindacato riesce a far rispettare le regole e i contratti; ma se nessuno parla, ovviamente, non si può far nulla. In pratica si tratta di connivenza e non è solo la scuola a dover pagare per l’illegalità. Quindi, meglio stare zitti.

Dopo aver letto tali racconti, sono rimasta senza parole anch’io. Però ho capito il motivo per cui a settembre molti docenti, e non solo, fanno i bagagli e si trasferiscono quassù. Credevo fosse un atto di coraggio, quasi d’eroismo. Ora mi sono convinta che i veri eroi si fermano laggiù.

Annunci

Scelti per voi

Selezione di post che hanno attirato la mia attenzione scelti per voi dalla blogsfera

wwayne

Just another WordPress.com site

Diario di Madre

Con note a margine di Figlia

Scrutatrice di Universi

Happiness is real only when shared.

Like @ Rolling Stone

Immagini, parole e pietre lanciate da Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo-Psicoterapeuta. Battipaglia (SA)

Psicologo Clinico, Terapeuta EMDR di livello II, Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale, Terapia Metacognitiva Interpersonale.

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

oןısɐ,ןןɐ ɐɯ ɐןonɔs ɐ opɐʌ uou

pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di critica, di autocritica, di insulti, di ritrattazioni, di sciocchezze e sciocchezzai, di scuola e scuole, buone e cattive, di temi originali e copiati, di studenti curiosi e indifferenti, autodidatti e eterodidatti, di nonni geniali e zie ancora giovani (e vogliose), di bandiere al vento e mutande stese, di cani morti e gatti affamati (e assetati)

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

CORSI DI SCRITTURA CREATIVA, ATTUALITA' EDITORIALE, DIDATTICA E STRUMENTI PER LA SCRITTURA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Studio di Psicoterapia Dr.ssa Chiara Patruno

Psicologa - Psicoterapeuta - Criminologa - Dottore di Ricerca Università Sapienza

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Le Ricette di Cle

Ricette collaudate per ogni occasione

Messaggi in Bottiglia

Il diario di Cle

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: