10 febbraio 2009

ELUANA NON ERA PIÙ QUELLA: LA TESTIMONIANZA DELL’UNICA GIORNALISTA CHE L’HA VISTA

Posted in cronaca, Eluana Englaro, intervista TG3 tagged , , , , , , , , a 9:58 pm di marisamoles

Marinella Chirico, giornalista della sede Rai di Trieste, anche grazie alla conoscenza che la lega alla famiglia Englaro, ha potuto vedere Eluana domenica pomeriggio. «Mi era stato chiesto di vedere Eluana – ha raccontato Marinella Chirico – anche perché si erano accese delle critiche ferocissime sul vero e reale stato di Eluana e questa polemica continuava a crescere e di ciò Beppino era profondamente ferito e angosciato per non essere creduto. E quindi mi hanno chiesto – come professionista dell’informazione, ma anche come persona di fiducia – che entrassi nella stanza dove c’era Eluana».
Visibilmente commossa, ai microfoni del TG3 (ma l’intervista è stata trasmessa anche dagli altri telegiornali), ha raccontato la sua esperienza. Ha passato tre ore circa nella camera di Eluana, alla casa di riposo “La quiete” di Udine, in compagnia dello zio della donna, Armando. Quando le è stato chiesto di descrivere ciò che ha visto, Marinella Chirico ha detto: “L’impatto è stato fortissimo e posso dire che Eluana è esattamente come si può immaginare possa essere una donna in stato vegetativo da 17 anni: irriconoscibile, assolutamente irriconoscibile rispetto alle foto che si vedono, una donna completamente immobile che gli infermieri e i sanitari erano costretti a spostare ogni due ore per evitare che il corpo si piagasse. Le orecchie però avevano delle lesioni in quanto unica parte che non si poteva tutelare.”
Quando alla giornalista è stato chiesto cosa ha provato, la risposta è stata: “Un’esperienza devastante, emotivamente molto forte”. Le stesse parole con cui si era espresso anche il dott. Amato De Monte, l’anestesista che ha seguito Eluana fino alla morte, che prima di quella sera piovosa del 2 febbraio, prima che il corpo di Eluana fosse caricato sull’ambulanza a Lecco, non aveva mai visto. Di lei, come tutti noi, aveva visto solo le foto che il padre aveva autorizzato a divulgare, quelle stesse foto che in un numero infinito di servizi tele giornalistici abbiamo viso sistemate nei portaritratti ben allineati su un mobile di casa Englaro. Quella stessa casa da cui Eluana era uscita il 17 gennaio 1992, per non tornare mai più.

Le uniche parole papà Beppino ha voluto dirle alla stessa giornalista. Ma non al microfono; ha preteso che l’intervista fosse ripresa lasciando le voci in sottofondo e che Marinella Chirico riferisse le sue parole montando il servizio successivamente. Un Beppino stanco, solo. Le uniche parole che si percepiscono nettamente sono: “Non parlo più non voglio più parlare. L’ho fatto per tutti questi anni per Eluana che era e resta il primo pensiero mio e di mia moglie.” Poi si è recato all’obitorio dove dalle 16 di questo pomeriggio si trova Eluana. Eluana, sì, non il suo corpo. Ho invertito apposta le due parole: finché ho parlato di lei viva, ho usato la parola “corpo”, perché quello e solo quello era Eluana; ora posso chiamarla per nome perché solo adesso, libera da quella immobile prigione, lei è viva. Non so dove, non so con chi, ma so che da qualche parte c’é.
Pochi minuti soltanto Beppino ha passato nella stanza in cui si trovava la figlia, in attesa dell’autopsia. Un atto dovuto, dicono. Intanto il dott. Amato De Monte è convocato dall’Ordine dei medici per giovedì mattina. Anche questo, dicono, è un atto dovuto. È la prassi. Ma c’è chi mormora, e anche chi lo dice a voce alta, che la morte di Eluana, arrivata così in fretta, così inattesa, proprio il giorno prima che si dibattesse il Disegno di Legge al Senato, è sospetta. Addirittura un frate della chiesa vicina alla casa di cura “La quiete”, un frate dico, ha insinuato che qualcuno forse ha accelerato la fine di Eluana, volutamente. C’è forse chi pensa ad un’iniezione letale, come quelle che si fanno ai condannati a morte in America. Per questo, precisano, bisogna fare anche gli esami tossicologici.

Sospetti, maldicenze, tutto come prima, tutto come quando Eluana era ancora ferma immobile nel letto, anche se respirava autonomamente, apriva e chiudeva gli occhi. Già, perché un cuore che batte fa di un corpo immobile un corpo vivo.
Dalla Procura di Trieste rassicurano che non c’è alcun procedimento in corso, tutto regolare. Anche le ispezioni volute dal Presidente della Regione Tondo pare abbiano avuto esito negativo. Nulla da nascondere, quindi. Anche la Presidente de “La Quiete” appare tranquilla. In un’intervista del TG3 Regione ha affermato che non si è pentita di aver ospitato Eluana, perché aveva bisogno di essere liberata dal suo stato. Quando le è stato chiesto dalla giornalista come avesse trovato Eluana, ha risposto: “Non l’ho mai vista, non l’ho voluta vedere” e la voce sembrava lì lì per spezzarsi dalla commozione.

Non ci sarà un funerale per Eluana, solo una benedizione. La salma sarà cremata e tumulata nel piccolo cimitero di Paluzza, paese carnico di cui è originario Beppino. Riposerà accanto al nonno Giobatta che l’adorava.

Concludo con la preghiera che Monsignor Pietro Brollo, arcivescovo di Udine, ha rivolto alla donna non appena saputo della sua morte:

«Ora la tua mano è diventata fredda, ma il Signore della vita la sta stringendo ancora con amore di Padre per condurti nella sua casa, perché tu possa godere la pienezza della vita. Vita che è suo dono di pace, di serenità, di felicità eterna. Lo stesso Signore conceda a noi un cuore capace di amare sempre la vita, di perdonare e di ritrovare la forza di vivere da fratelli».

Annunci

7 commenti »

  1. tonbaj said,

    La sua agonia durata 17 anni è finita in poco più di 48 ore, con l’azzeramento totale dell’alimentazione artificiale che teneva la sua vita appesa ad un sottilissimo filo.

    Le voci che in questi giorni hanno gridato, assumendo diverse posizioni su questa vicenda, ora non gridano più. In Senato la seduta convocata per tentare di ripristinare la terapia per Eluana è stata sospesa e si sono tenuti alcuni minuti di silenzio.

    La politica italiana adesso, così come tutta la società, è chiamata a fermarsi e a pensare.

    La sua vita e soprattutto la sua morte purtroppo lasceranno un segno indelebile nel nostro Paese…la strumentalizzazione sicuramente è stata esagerata, ma gli interrogativi che ha posto questa vicenda sicuramente rimarranno per molto tempo irrisolti e discussi.

    Di errori ne sono stati compiuti molti credo. Adesso però non è tempo di polemiche e non è tempo di accuse.

    E’ tempo di pregare per Eluana..per la sua vita che si è conclusa in questa maniera..e anche per i suoi genitori.

    Mi piace

  2. AURORA said,

    cari genitori di Eluana,
    posso capire il vostro dolore perchè sono una mamma anch’io. Il gesto che ha fatto un papà nei confronti della figlia, di lasciarla morire, è un gesto talmente grande come è grande il dolore e l’amore che prova per Eluana.
    Spero tanto che adesso i genitori di Eluana possano trovare un pò di pace e di serenità.
    Aurora, una mamma

    Mi piace

  3. marisamoles said,

    @ tonbaj

    Mi unisco alle tue preghiere. Grazie per la riflessione; ora è davvero il momento di dire stop alle polemiche e fermarsi a pensare.

    Mi piace

  4. marisamoles said,

    @ Aurora

    Grazie per le belle parole. Anch’io sono una mamma e comprendo il coraggio di Beppino che qualcuno scambia per egoismo.
    Mi unisco al Suo augurio che la famiglia Englaro possa trovare finalmente la pace che merita.

    Mi piace

  5. Maria Dina said,

    Il gesto dei genitori di Eluana è un grandissimo gesto d’amore, ed io come madre e cattolica pregherò per Lei e per la sua famiglia affinchè trovino un pò di pace!

    Mi piace

  6. marisamoles said,

    @ Maria Dina

    Grazie anche a Lei per le Sue parole. Fa piacere che ci siano dei cattolici – come me – che dimostrano un po’ di umana pietà e non si limitano a gridare al padre di Eluana: “Assassino!”. Lo sa che proprio per le minacce che ha ricevuto via e-mail e per posta, non si è presentato al funerale della figlia? Sinceramente non lo so se ci sarebbe andato, ma l’inciviltà di certe persone ha senz’altro contribuito a fugare in lui ogni dubbio.

    Mi piace

  7. […] In uscita il libro Io credo. Dialogo tra un’atea e un prete, curato dalla giornalista della Rai regionale del Friuli – Venezia Giulia Marinella Chirico, nota a livello nazionale per aver ottenuto, lei sola, il permesso di vedere Eluana Englaro nelle ultime ore di vita. […]

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Scelti per voi

Selezione di post che hanno attirato la mia attenzione scelti per voi dalla blogsfera

wwayne

Just another WordPress.com site

Diario di Madre

Con note a margine di Figlia

Scrutatrice di Universi

Happiness is real only when shared.

Like @ Rolling Stone

Immagini, parole e pietre lanciate da Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo-Psicoterapeuta. Battipaglia (SA)

Psicologo Clinico, Terapeuta EMDR di livello II, Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale, Terapia Metacognitiva Interpersonale.

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

oןısɐ,ןןɐ ɐɯ ɐןonɔs ɐ opɐʌ uou

pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di critica, di autocritica, di insulti, di ritrattazioni, di sciocchezze e sciocchezzai, di scuola e scuole, di temi originali e copiati, di nonni geniali e zie ancora giovani (e vogliose), di bandiere al vento e mutande stese, di cani morti e gatti affamati (e assetati)

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

CORSI DI SCRITTURA CREATIVA, ATTUALITA' EDITORIALE, DIDATTICA E STRUMENTI PER LA SCRITTURA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Studio di Psicoterapia Dr.ssa Chiara Patruno

Psicologa - Psicoterapeuta - Criminologa - Dottore di Ricerca Università Sapienza

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Le Ricette di Cle

Ricette collaudate per ogni occasione

Messaggi in Bottiglia

Il diario di Cle

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: