16 ottobre 2008

RAGAZZI DI OGGI, FAMIGLIE DI IERI

Posted in adolescenza, famiglia, società tagged , , , , , , a 4:04 pm di marisamoles

donne dell'ottocentoLa storia che sto per raccontare è vera, è realmente accaduta in questi giorni. Nel 2008, non nel1800. Eppure ha un sapore antico e agli occhi di chi, come noi tutti, vive nel 2008 appare incredibile, anzi assurda nella sua incredibilità.
È difficile per me raccontarla in modo obiettivo, da cronista super partes, ma ci proverò. Tuttavia, da narratore onnisciente quale sono, sarà quasi impossibile essere realmente oggettiva. Ho deciso di raccontarla affinché chi legge possa aiutarmi a capirla, questa storia. O forse sento la necessità di parlarne perché ripercorrendone le singole tappe, la vicenda poi mi apparirà più chiara.
È la storia di due ragazzi di oggi: Marta e Luca. I nomi, ovviamente, sono di fantasia
.

Marta è una ragazza come tante: ha 16 anni, è una liceale brava e studiosa, si divide fra lo studio e le amiche, la parrocchia e i centri giovanili ad essa connessi. La sua famiglia è apparentemente normale, di sani principi, molto religiosa, forse fin troppo.
Luca ha vent’anni. Non ha mai amato studiare, ha deciso di non continuare gli studi e passa da un lavoro all’altro, tutti contratti a termine, senza aver capito ancora cosa realmente vuol fare. Non ha ancora alcun progetto di vita. La sua famiglia è unita, cerca di seguirlo in questo suo cammino incerto, a volte lo sostiene altre cerca di scuoterlo. I genitori vorrebbero che dimostrasse una maggior maturità e che si scontrasse di meno con il fratello minore. Luca, come Marta, ha avuto una buona educazione, anche di tipo religioso, fatta di valori e principi irrinunciabili.
Marta e Luca s’incontrano; si conoscono da qualche mese ma solo da poco il loro legame è diventato più stretto. Forse entrambi mentono, forse c’è fra loro una vera e propria relazione e stanno insieme da molti mesi. Non si sa. Certo è che questa loro “probabile” relazione clandestina è venuta fuori nel peggiore dei modi e ha avuto l’epilogo più sbagliato.
Succede che una domenica, mentre Marta ripassa un po’ le lezioni prima di andare a Messa, riceve la telefonata di Luca: lui è sotto casa sua, le chiede di andare a bere un caffè insieme. Lei lo fa salire in casa: non è ancora pronta, si deve vestire. E poi c’è la Messa … ma un caffè con Luca val più di una Messa.
Luca sale ma non sa che i genitori di lei non ci sono. Sa, però, che lei ha il divieto tassativo di far entrare in casa i suoi amici – specie se maschi – quando a casa non c’è nessuno. Marta pensa che non importa, per una volta, e lascia Luca in salotto mentre si cambia d’abito per uscire. Questione di pochi minuti, in fondo. Cosa potrà mai succedere. Tutta presa dalla visita inaspettata, non ha forse guardato l’orologio, non si è accorta che è quasi l’ora del ritorno dei suoi dalla Messa – loro vanno in un’altra parrocchia. Ma l’imprevedibile accade. Mentre Marta si sta vestendo, sente arrivare la macchina dei suoi. Se non fosse per quella frenata col fischio, non se ne accorgerebbe. Presa dal panico raggiunge Luca in salotto e lo trascina via. Lui, anche perché la vede in quello stato, mezza vestita, in slip e con i jeans in mano, si rifiuta di seguirla. È meglio che tu finisca di vestirti, dice, e io rimango qua. Che mai potrà succedere? No, no, tu non li conosci, protesta lei. Lo trascina per una manica, lui prende la felpa che aveva buttato sullo schienale del divano, escono di casa e salgono sul pianerottolo del piano di sopra.

Il piano è perfetto: ora i genitori di Marta entrano in casa e loro sono liberi di scendere. Lei però non ha fatto i conti con l’udito superfino della madre. Questa, già entrata nell’atrio del condominio, sentendo la porta di casa chiudersi e non vedendo nessuno sulle scale, pensa ai ladri. Decide di salire un piano, silenziosa, quatta quatta. Ma non trova nessun ladro, solo la figlia in mutande, con i jeans in mano, e un ragazzo che si sta infilando la felpa. La scena sarebbe comica se non fosse così tragica. La madre urla, strattona, trascina, è una furia impazzita, quasi una baccante invasata. A casa iniziano gli insulti: lei ha trasgredito a un divieto, lui è un irresponsabile, a vent’anni avrebbe dovuto sapere come comportarsi. I due ragazzi sono sconvolti ma non intimiditi. Vogliono far valere le loro ragioni, raccontano come sono andate le cose, non vengono creduti. Anzi, la madre di Marta vuole denunciare Luca: la figlia è minorenne, avrebbe dovuto metterlo in conto. Il ragazzo, disperato, continua a dire che non è successo nulla, non è come crede lei. Ma la donna, ormai fuori di senno, vuole che lui chiami i genitori, vuole che loro sappiano che razza di figlio hanno messo al mondo. Luca si rifiuta di telefonare a casa, anzi se ne va. E pensare che la madre di Marta, recuperando forse un barlume di lucidità, lo ha anche invitato a pranzo. Ma sì, mangiamoci su, tanto quello che è stato è stato.
Di fronte al rifiuto di Luca, la madre di Marta decide di telefonare ai suoi genitori. La figlia non vuole darle il numero di telefono, poi cede, ormai esausta, incapace di ribellarsi, di reagire.

A casa di Luca sua madre ha appena preso un cachet per il mal di testa. Una domenica bestiale, davvero. Ha ricevuto un sms del figlio che non sarebbe venuto a pranzo. Ok, tutto normale. Ma mentre è sul divano in cerca di un riposo ristoratore, arriva una telefonata. Accidenti, si è dimenticata di alzare la cornetta. Pazienza. Risponde e a mala pena comprende chi dall’altro capo del filo le sta urlando qualcosa sul figlio: irresponsabile, degenere, che educazione gli avete dato …. La mamma di Luca cerca di obiettare, dice che forse è meglio vedersi di persona. Ha un gran mal di testa, ha appena preso l’analgesico, magari tra un’ora … No, no, non si può aspettare e la donna sconosciuta all’altro capo del filo le vomita addosso tutta la rabbia, il rancore, la delusione. Sua figlia, una figlia perfetta traviata da un irresponsabile; lui, un degenere che non ha saputo dare un buon consiglio alla figlia. E i valori trasmessi, la verginità, i sani principi morali … tutto inutile, tutto perduto forse per sempre. Che fallimento di madre si sente ora.
La madre di Luca ascolta, crede di aver capito, non è scandalizzata ma rimane scioccata dalla reazione inconsulta di quella donna. Capisce che è lontana anni luce dal mondo della figlia se pretende che una ragazzina di sedici anni sappia stare al suo posto, senza trasgredire mai. Gli adolescenti proprio non li conosce. Poi pensa a suo figlio, un vero imbecille, eppure tante volte gli aveva consigliato di lasciar perdere le minorenni … Poi questa ragazza chi è? Mai sentito parlare di lei, perché tanti misteri? A Luca aveva sempre detto di confidarsi. Lui è tanto immaturo. Che cosa ci si può aspettare da uno che guarda Dragon Ball in TV? Ecco, forse questo è il motivo per cui va in cerca delle ragazzine: le sue coetanee lo snobbano, quelle vanno in cerca di uomini vissuti.

Quando Luca, più tardi, le spiega come realmente sono andate le cose, la mamma sorride. Caspita, tutto qua! Chissà cosa mi credevo! Quando la mamma di Marta aveva detto di averli trovati al piano di sopra, lei credeva in camera da letto. Tutto chiaro, adesso. Certo, pensa la mamma di Luca, quella figlia dev’essere davvero terrorizzata se, piuttosto che farsi trovare in casa, ognuno in una stanza diversa, ha preferito escogitare un piano così infantile, così maldestro … E quella mamma di problemi ne deve avere parecchi se la figlia la teme così tanto. Mah, affari loro. La domenica bestiale continua tranquilla anche se il mal di testa ora è triplicato.

Da quella domenica nulla di nuovo. La mamma chiede a Luca se vede ancora Marta, lui bofonchia qualcosa, sì, no, ni … Mah? Meglio lasciar perdere, non indagare, sperando che ‘sta volta le prediche siano servite. Ma quando ci si libera di un mostro, un altro immancabilmente è in agguato. Succede due settimane dopo, di martedì. Sempre alla stessa ora, cioè quella in cui la madre di Luca cerca di riposare sul divano, arriva un’altra telefonata. Dal salotto intuisce che qualcosa non va; sente Luca rispondere in modo molto seccato: non so nulla, non so dov’è. Poco dopo, conclusa la telefonata, scaglia lontano il cordless che per fortuna atterra sul divano. Che c’è? chiede la mamma. Marta è scappata di casa, risponde secco il figlio. Oddio, come, perché … La mamma si agita ma quando sente che i genitori di lei ritengono Luca responsabile e lo vogliono denunciare – addirittura per pedofilia – rimane sconvolta. Deve fare qualcosa.
Da quel momento il pomeriggio scorre in modo alquanto concitato. Prima mamma e figlio vanno dai carabinieri: lui vuole denunciare i genitori di Marta a sua volta per calunnia, la madre vuole sapere solo se ci sono novità sulla ragazza. Dai carabinieri niente, quindi decidono di andare a casa di Marta ma non trovano né padre né madre, solo il fratello che scende – non li fa mica salire, che abbia anche lui qualche divieto? – si parla un po’, si fa una specie di ballottaggio delle responsabilità, ognuno si difende e difende le proprie ragioni, ma in modo assolutamente civile. Possibile, pensa la madre di Luca, che questo sia figlio della stessa madre? Sembra una persona tranquilla, equilibrata, quasi saggia.

Passa quasi un’ora e Luca va al lavoro. È inutile stare ad aspettare tutti e due, resta solo la madre. Quando arriva la mamma di Marta non vuole far salire l’altra madre. Poi cede, la invita su ma, appena varcata la soglia di casa, le vomita addosso i soliti insulti. Aggiunge, però, che quel ragazzo è un fallito, uno che nemmeno studia più, un cattivo esempio per la figlia … anzi, la rovina della famiglia. La madre di Luca rimane allibita. Ecco, le ha riaperto la ferita, anzi le sta rigirando la punta del pugnale dentro. Tenta di difendere suo figlio e, quando l’altra riprende a parlare dell’episodio di due domeniche prima, sbotta: in fondo sua figlia gli aperto la porta di casa, Luca che poteva fare? Ecco, ribatte l’altra, suo figlio è un santo, mia figlia è una troia. Evidentemente non voleva dire questo, la mamma di Luca, ma è inutile obiettare.
Marta ha lasciato una lettera: parla del suo errore, della volontà di espiare la colpa, dell’amore dei suoi che non avrà più, anzi forse l’avrà ancora perché i genitori non sono capaci di non amare i figli. Ma non si devono preoccupare: si trova in un posto sicuro dove sapranno aiutarla, riusciranno ad alleviarle il peso di quella colpa.
La mamma di Luca è incredula: di che colpa sta parlando? Si riferisce ancora a quella domenica? Che mai sarà successo realmente? E intanto rilegge quelle righe: in ogni parola si percepisce un grido muto di dolore. Come avranno fatto a ridurla in quello stato? E Luca, che parte ha realmente in questa vicenda?
La madre di Marta ammette di essere dura, severa, ma bisogna pur educarli questi giovani. La mamma di Luca obietta che talvolta, per il quieto vivere, bisogna scendere a compromessi. Eh già, ribatte l’altra, meglio lasciargli fare quello che vogliono! Il tono è sarcastico. Poi continua: certo se le lasciavo fare quello che voleva, a mia figlia, non scappava di casa. Beh, anche lei l’ha capito. Negare la libertà significa non fidarsi. Forse quella ragazza vuole soltanto che i suoi si fidino di lei. Forse quella che lei chiama colpa non è la sua. Forse la riconosce come tale solo assumendo il punto di vista della madre.

La sera Marta si fa viva. La vanno a prendere. L’episodio è concluso ma ha sconvolto due famiglie. Sarà stato solo un gesto dimostrativo? Una muta protesta, muta perché la voce della madre è più forte di quella della figlia e di chiunque altro. Tant’è che del padre non si sa nulla. Lei è la virago della situazione. Per lei il bianco è bianco, il nero è nero. Del grigio che riveste la vita della figlia non si preoccupa. Quel mondo senza colori di una ragazza che non può mettersi la minigonna se non di nascosto dai suoi, che non può andare in discoteca, che deve lasciare le feste alle undici e mezza, quando tutti gli altri cominciano ad arrivare, quel mondo così opaco da spegnere anche la luce dei suoi occhi, non le piace. Questa volta si è allontanata da casa, la prossima tenterà un gesto più estremo? Speriamo di no.
Luca non risponde più ai messaggi di Marta. Pare non ne voglia più sapere. O forse mente, ancora una volta. Forse è meglio per Marta che lui la lasci perdere. È meglio anche per la madre, anzi, per tutte e due.

Annunci

8 commenti »

  1. Matteo said,

    …uno dei tanti motivi per cui ritengo che la mia anima si sia redenta nel momento in cui ho capito che essere ateo è la vera salvezza…

    Mi piace

  2. marisamoles said,

    come disse Orazio: “est modus in rebus”. Nella I Satira, spiega il concetto:

    c’è una misura per tutte le cose,
    ci sono insomma confini precisi
    al di là dei quali non può esistere il giusto.

    Mi piace

  3. Matteo said,

    Secondo Orazio, allora, (come anche secondo me) una cosa come la religione (cattolica in particolare) dovrebbe rappresentare esattamente tutto ciò che di più aberrante sia mai stato partorito dalla fantasia umana (insieme col socialismo)! Eh si: una religione tra le più violente, impositive, dispotiche, razziste e grettamente dogmatiche, mai aperta al cambiamento dei tempi perché troppo impegnata a difendere la sua aura di “perfezione”…non può certo essere ritenuta una cosa dotata di “giusta misura”! O no?

    Mi piace

  4. marisamoles said,

    La citazione di Orazio era riferita alla necessità di preferire la “giusta misura” nell’affrontare le situazioni, piuttosto che arrivare agli estremi. Ovvero, nella storia raccontata nel post quello che è sbagliato (ma ovviamente è solo il mio personale punto di vista!) è l’atteggiamento estremamente bigotto della madre.

    La religione con la citazione di Orazio non c’entra, anche perché ai suoi tempi essa era tutt’uno con lo Stato. Secondo me bisogna distinguere tra la fede e la Chiesa: quest’ultima, con i suoi dogmi, la sua rigidità e la sua autoreferenzialità rovina quel sentimento spontaneo che dovrebbe essere la fede. Quindi, sta all’individuo decidere se rapportarsi continuamente con la Chiesa in tutte le azioni quotidiane oppure scegliere di coltivare un intimo colloquio con Dio, se ha fede, rispettando i dogmi della Chiesa ma considerando anche quelli che sono i modelli positivi della società laica.

    Mi piace

  5. Luisa G. said,

    Non c’entra niente la religione col comportamento da esaurita della madre di Marta. Lei è così perchè le è stato insegnato ad essere così e l’ha assimilato senza alcuna riflessione sul fatto che fosse giusto o meno. Il suo vero credo è il non far parlare la gente…e per non far parlare la gente ha fatto tanto chiasso da farlo sapere a tutti. Molti genitori del sud, credenti all’acqua di rose, avrebbero fatto lo stesso. Sarebbero pure volati schiaffoni…la figlia finchè starà sotto la loro tutela, non avrà scampo. Triste ma vero.
    Ciao ciao

    Mi piace

  6. marisamoles said,

    @ Luisa

    Io credo che la religione faccia la sua parte. Ad ogni modo, le ragazze che subiscono quel tipo di educazione sono quelle che prima o poi si ribellano … e fanno tutto l’opposto. Come in ogni cosa e come ho già osservato, la giusta misura non guasta mai.

    Talvolta, però, sono felice di avere due maschi. 🙂

    Grazie per essere passata. Un abbraccio

    Mi piace

  7. Luisa G. said,

    E’ vero prima o poi si ribellano e fanno l’opposto…fino ad arrivare alla giusta misura, spero. Non è tutto sbagliato quello che ci hanno insegnato pur “con le cattive”…non fare entrare estranei o amici maschi in casa se sole in casa è prudenza, uscire a certe ore assurde solo perchè lo fanno gli altri, non va bene etc. Ci sono modi e modi di arrivare a fare interiorizzare le regole della casa, l’educazione che i genitori scelgono d’impartire. Terrorizzare i figli(le figlie) è il metodo peggiore. Ripeto, l’avrebbero fatto pure i miei 😳 Questa madre fa una figura pessima e spero possa recuperare il rapporto con la figlia,ma dubito possa cambiare.
    Sai che Ruby si lamentava dell’educazione severissima ricevuta in famiglia? ebbene, in un’intervista aveva detto serafica che se sua figlia si fosse azzardata a fare tardi la sera o a frequentare maschi anzitempo (rischiando di finire come lei), le avrebbe fatto spezzare le gambe dai fratelli, o qualcosa di molto simile…

    Sto cercando di conoscerti e di farmi conoscere 🙂
    Tornerò ancora. ciao

    Mi piace

  8. marisamoles said,

    Se Ruby ha detto così è apprezzabile perché almeno ha capito dove ha sbagliato. Non importa quando si diventa ragionevoli ma che lo si diventi. 🙂

    A me fa piacere approfondire la tua conoscenza, anche se leggo sempre i commenti che lasci dalla nostra comune amica. Io intervengo poco perché l’enorme numero di commenti mi scoraggia non poco e anche quando riesco a leggerli, sono abbastanza selettiva.

    A presto.

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like @ Rolling Stone

parole, pensieri e pietre di Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

Non vado a scuola ma all'asilo

Pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: